Navigation path

Left navigation

Additional tools

Asilo e migrazione: l’UE deve fare di più per proteggere i minori non accompagnati

European Commission - IP/12/1033   28/09/2012

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 28 settembre 2012

Asilo e migrazione: l’UE deve fare di più per proteggere i minori non accompagnati

Ogni anno migliaia di minori non accompagnati giungono in Europa alla ricerca di una nuova vita. La maggior parte di essi è in fuga da guerre, conflitti o altre condizioni di vita difficili e alcuni hanno persino perduto dei familiari lungo il tragitto.

Oggi, in una relazione sulla situazione dei minori non accompagnati nell’Unione europea, la Commissione chiede di aumentare l’impegno a livello sia nazionale che europeo, per poter rispondere a questo complesso problema transnazionale in modo efficace e nel pieno rispetto dei diritti del minore.

L’arrivo di minori non accompagnati provenienti da paesi terzi non è un fenomeno temporaneo, ma una componente duratura dei flussi migratori in direzione dell’UE. Nel 2011 hanno presentato domanda di asilo nell’UE-27 ben 12 225 minori non accompagnati, un numero analogo a quello registrato negli anni precedenti e che probabilmente non cambierà nei prossimi anni. Molto superiore è il numero complessivo di minori non accompagnati che entrano in Europa attraverso canali di migrazione irregolari, come suggeriscono le stime fornite da alcuni Stati membri: secondo i dati forniti dall’Italia, il 31 dicembre 2011 si trovavano sul territorio italiano 5 959 minori non accompagnati; la Francia calcola che ve ne fossero 6 000 sul suo territorio; in Spagna, la cifra aggregata per il periodo 2008-2011 era superiore a 5 500; il Belgio conta 4 000 minori non accompagnati presenti sul territorio nazionale.

I minori che arrivano da soli alle nostre frontiere sono tra le persone più esposte e vulnerabili nelle nostre società. Le politiche dell’Unione europea hanno contribuito a migliorare le condizioni e la protezione dei minori, ma abbiamo altre sfide da affrontare. Dobbiamo migliorare le nostre procedure per garantire che questi minori ricevano un’accoglienza dignitosa alle frontiere europee, e per far questo occorre anche migliorare la cooperazione e lo scambio di informazioni tra i paesi dell’Unione”, ha affermato Cecilia Malmström, Commissaria per gli Affari interni.

Per aumentare la protezione dei minori che giungono nell’UE non accompagnati e assicurare il rispetto dei diritti del minore, la Commissione ha adottato nel 2010 un piano d’azione che ha contribuito ad attirare l’attenzione sulla questione, stabilendo che qualsiasi decisione che riguardi l’avvenire di un minore dev’essere presa in funzione del suo interesse superiore, a prescindere dalla sua condizione di migrante.

La Commissione ha adottato oggi una relazione intermedia sull’attuazione del piano d’azione sui minori non accompagnati (2010-2014) (IP/10/534), che fa il punto sui progressi conseguiti e identifica i settori a cui occorre dedicare maggiore attenzione e iniziative mirate nei prossimi due anni.

Negli ultimi due anni il piano d’azione ha esercitato effetti positivi:

  • il riconoscimento esplicito dell’interesse superiore del minore come principio guida ha contribuito ad accentuare le misure di protezione nei nuovi strumenti legislativi dell’UE (nel campo dell’asilo, dell’immigrazione e della tratta di esseri umani);

  • grazie all’approccio comune dell’UE, viene attribuita maggiore importanza alle misure di finanziamento a favore di questo gruppo di migranti particolarmente vulnerabile;

  • il piano d’azione ha stimolato discussioni tra istituzioni, autorità nazionali, organizzazioni governative e non governative, e ha accresciuto lo scambio di conoscenze e prassi, ad esempio per quanto riguarda la tutela e l’accertamento dell’età.

Sono però necessari ulteriori sforzi:

  • occorre impegnarsi di più nella raccolta e nello scambio di dati quantitativi e qualitativi, relativi, ad esempio, al numero di minori che scompaiono dalle strutture di assistenza o a quelli rimpatriati, migliorando ulteriormente la raffrontabilità dei dati raccolti nel territorio dell’UE;

  • è necessario che l’UE e gli Stati membri proseguano il loro impegno e gli scambi con i paesi di origine e di transito, allo scopo di mettere in comune esperienze e buone prassi, comprendere meglio le esigenze di quei paesi e trovare soluzioni concrete per prevenire il fenomeno, rintracciare le famiglie e assicurare il rimpatrio sicuro dei minori non accompagnati;

  • la Commissione continuerà a considerare prioritario il finanziamento dei progetti in questo campo; gli Stati membri e le organizzazioni internazionali e non governative sono incoraggiati a utilizzare appieno le risorse finanziarie disponibili;

  • l’UE si è impegnata a realizzare un sistema europeo comune di asilo entro la fine del 2012; in questo contesto, la Commissione ha proposto di aumentare i livelli di protezione per i minori non accompagnati e spera che il Parlamento e il Consiglio trovino un terreno d’intesa.

Link utili:

MEMO/12/716

Relazione intermedia sull’attuazione del piano d’azione

Documento di lavoro dei servizi della Commissione

Articolo di Cecilia Malmström sui minori non accompagnati

Sito web di Cecilia Malmström

La Commissaria Malmström su Twitter

Sito web della DG Affari interni

Sito della DG Affari interni su Twitter

Portale europeo dell’immigrazione

Contatti:

Michele Cercone (+32 2 298 09 63)

Tove Ernst (+32 2 298 67 64)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website