Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE NL

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 25 settembre 2012

Eurobarometro: gli europei conoscono bene e approvano le attività spaziali dell'UE

Gli europei sono sempre meglio informati sulle attività dell'UE nello spazio. Per quanto riguarda Galileo, il sistema GPS europeo, il tasso di sensibilizzazione del pubblico raggiunge nel 2012 in media il 57%, contro il 40% nel 2007. Per quanto riguarda il programma europeo di monitoraggio globale per l'ambiente e la sicurezza (GMES), questo tasso è passato dal 22% nel 2009 al 38% di oggi. Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, ha presentato oggi a Bruxelles i risultati dell'inchiesta Eurobarometro Flash effettuata questa estate sulle attività spaziali. I risultati sono stati diffusi all'apertura dell'Esposizione spaziale europea a Bruxelles, esposizione itinerante che ha già fatto scalo in tre Stati membri e si terrà in altri quindici nei prossimi diciotto mesi.

Gli europei hanno un'immagine molto positiva delle attività spaziali in generale. L'81% ritiene che i servizi ricavati dal settore spaziale e le tecnologie spaziali svolgono un ruolo importante nello sviluppo di applicazioni terrestri innovative. Questa cifra era del 74% nel 2009. Questa evoluzione positiva è confermata dal fatto che il 76% delle persone interrogate pensano che i servizi spaziali siano importanti per la competitività industriale, la crescita e l'occupazione nell'UE, contro il 64% all'inizio della crisi nel 2009.

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione incaricato dell'Industria e dell'Imprenditorialità, ha dichiarato: “Questo atteggiamento dimostra che i cittadini europei attribuiscono importanza allo spazio e che l'UE ha ragione di investire in questo settore. Malgrado le attuali turbolenze economiche e finanziarie, i nostri cittadini continuano a credere nelle iniziative spaziali, che rimangono essenziali per l'economia e la società, oltre che per l'innovazione e la competitività industriale".

Per ulteriori informazioni, la relazione completa è disponibile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/enterprise/policies/space/documents/index_en.htm

Si veda inoltre il sito web della DG ENTR nella parte dedicata allo spazio:

http://ec.europa.eu/enterprise/policies/space/index_en.htm

The European Space expo travelling to 15 Member States

Principali risultati dell'Eurobarometro

I cittadini hanno classificato le attività spaziali in funzione della loro priorità e sono favorevoli al loro sviluppo da parte dell'UE, in partenariato con gli Stati membri.

  • Il 60% degli europei sono consapevoli dei rischi di collisione dei satelliti, più della metà di essi (57%) ha sentito parlare del sistema satellitare Galileo e circa quattro su dieci (38%) dell'iniziativa GMES.

  • La grande maggioranza degli europei (81%) ritiene che i servizi e le tecnologie spaziali siano importanti per lo sviluppo di applicazioni terrestri innovative; tre quarti ritengono che essi siano importanti per la competitività dell'industria; il 76% che siano importanti per la crescita e l'occupazione dell'UE e la stessa proporzione (75%) per le politiche dell'UE come i trasporti, l'ambiente e la sicurezza.

  • La metà degli europei (50%) utilizza almeno un sistema di navigazione; il 41% non lo utilizza e non ha intenzione di acquistarne uno.

  • I tre primi servizi di navigazione, citati dall'assoluta maggioranza degli europei, hanno come denominatore comune la sicurezza: le operazioni di ricerca e di salvataggio delle persone in pericolo (60%); l'aiuto alle persone disabili (59%) e le informazioni in tempo reale sulle situazioni pericolose sulle strade (53%).

  • Gli europei auspicano che le attività spaziali si concentrino in via prioritaria sul miglioramento della salute (36%) e sulla comprensione del cambiamento climatico (33%).

La maggior parte degli europei auspica che l'UE svolga un ruolo nei seguenti settori:

  • Un sistema di sorveglianza spaziale per la gestione delle catastrofi e delle crisi, nonché l'attenuazione degli effetti del cambiamento climatico (77%).

  • Un sistema di sorveglianza spaziale per individuare i satelliti e i detriti spaziali, impedendo la loro collisione (74%).

  • Un programma di esplorazione spaziale con esseri umani o robot (63%).

  • Tra quelli che pensano che gli Stati membri dovrebbero sviluppare un programma di esplorazione spaziale con esseri umani e robot, i tre quarti ritengono che l'UE dovrebbe fare di più nel settore dell'esplorazione spaziale.

Per ulteriori risultati e maggiori informazioni sulla politica spaziale europea, preghiamo di consultare il MEMO/12/704.

Contesto

L'inchiesta Eurobarometro Flash 355 sulle attività spaziali è stata realizzata nei 27 Stati membri dell'UE tra il 9 e il 12 luglio 2012. Circa 25 536 persone provenienti da vari gruppi sociali e demografici sono state interrogate per telefono nella loro lingua materna.

Contatti:

Carlo Corazza (+32 2 295 17 52)

Sara Tironi (+32 2 299 04 03)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website