Navigation path

Left navigation

Additional tools

Agenda digitale: un progetto finanziato dall'UE per rendere i terminali self service più accessibili a tutti

European Commission - IP/11/992   30/08/2011

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea — comunicato stampa

Agenda digitale: un progetto finanziato dall'UE per rendere i terminali self service più accessibili a tutti

Bruxelles, 30 agosto 2011 — Un progetto finanziato dall'UE studia il modo di rendere più accessibili i terminali self service, come i distributori automatici di biglietti per i trasporti pubblici o i chioschi informativi e i distributori di banconote, a uno dei sei europei affetti da disabilità o agli 87 milioni di europei ultrasessantacinquenni. Secondo uno studio dell'UE solo il 38% dei distributori automatici di banconote in tutta l'UE offe funzioni vocali ai clienti disabili. Siamo ben lontani dal 61% degli USA e dalla quasi totalità degli sportelli automatici canadesi. La Commissione europea contribuisce con 3,41 milioni di euro alla metà dell'intero bilancio al progetto APSIS4All, che mira a progettare e convalidare interfacce personalizzate, comprese le schede senza contatto, per aiutare a superare gli ostacoli all'accesso esistenti. Le prove, di durata triennale, inizieranno con i distributori di banconote a Barcellona, Spagna, nel settembre del 2011, e con i distributori automatici di biglietti a Paderborn, Germania, nel gennaio del 2012.

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea e commissaria responsabile dell'Agenda digitale, ha dichiarato: "I terminali self service pubblici sono disponibili ovunque e il loro numero è in crescita continua. Essi presentano tuttavia problemi per i disabili o per alcuni anziani, che non possono quindi usarli.".

Il progetto APSIS4All intende progettare e convalidare in un ambiente reale interfacce personalizzate in grado di sormontare gli ostacoli all'accesso esistenti. In una fase iniziale il progetto raccoglierà informazioni presso 3 000 utenti che proveranno diversi apparecchi al fine di adattarne le interfacce alle loro esigenze e preferenze. Le prove si svolgeranno su 65 distributori di banconote della banca Caixa a Barcellona, Spagna, a partire dal 1° settembre 2011, e su 24 distributori di biglietti gestiti da Höft & Wessel AG a Paderborn, nella Renania settentrionale-Vestfalia, Germania, a partire dal 1° gennaio 2012.

Lo scopo di questo progetto è proporre un quadro di riferimento normalizzato suscettibile di favorire ulteriori sviluppi nelle caratteristiche del settore dei distributori di banconote e dei fornitori di servizi. Questo progetto può tradursi infine in una maggiore accessibilità dei terminali digitali pubblici a una più ampia gamma di utenti che non hanno dimestichezza con la tecnologia, persone con difficoltà di lettura, turisti che non conoscono la lingua del luogo o anche persone che potrebbero aver dimenticato gli occhiali da lettura. APSI4All sarà incentrato sull'interazione multimodale e si avvarrà di tecnologie di punta quali la NFC o comunicazione senza fili a corto raggio (Near Field Communication). Le prove potrebbero usare per esempio una scheda programmata contenente le preferenze dell'utente. Nel momento in cui l'utente si avvicina al terminale, questo si adatta immediatamente alle sue esigenze, per esempio modificando la dimensione dei caratteri o la scelta della lingua. Altre interfacce possono comprendere un telefono cellulare con caratteristiche di accessibilità che consentono a un cliente di comprare un biglietto online e pagare presso il distributore in questione per mezzo di un codice sicuro inviato allo stesso telefono.

Contesto

Nell'UE esistono centinaia di migliaia di terminali digitali pubblici, compresi i distributori di biglietti dei trasporti pubblici, e almeno 425 000 distributori di banconote. Il mercato offre diverse soluzioni tecniche per agevolarne l'uso, quali le tastiere poste a portata degli utenti in sedia a rotelle, le etichette in Braille sui pulsanti o le istruzioni vocali via altoparlante per gli utenti ipovedenti. Tuttavia, queste soluzioni fondamentali sono spesso semplicemente non disponibili o non attivate perché la loro attivazione è troppo complessa. Come dichiara la Strategia europea in materia di disabilità 2010-2020 della Commissione "l'accessibilità è un presupposto inderogabile per la partecipazione alla società e all'economia".

Il progetto APSIS4All è cofinanziato nell'ambito della parte TIC del programma "Competitività e innovazione" dell'Unione europea.

Ulteriori informazioni

Pilota APSIS4All (Accessible Personalised Services in PDTs for All):

http://www.apsis4all.eu

Scheda del progetto:

http://ec.europa.eu/information_society/apps/projects/factsheet/index.cfm?project_ref=270977

Studio "Monitoring eAccessibility in Europe":

http://www.eaccessibility-monitoring.eu

Sito internet dell'Agenda digitale:

http://ec.europa.eu/information_society/digital-agenda/index_en.htm

Sito internet di Neelie Kroes: http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/kroes/

Per seguire la vicepresidente Kroes su Twitter: http://twitter.com/neeliekroeseu

Contatti:

Jonathan Todd (+32.2.2994107)

Linda Cain (+32.2.2999019)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website