Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

La Commissione eroga 25 milioni di euro a favore della Repubblica del Niger

Commission Européenne - IP/11/904   19/07/2011

Autres langues disponibles: FR EN DE ES LV

Commissione europea – Comunicato stampa

La Commissione eroga 25 milioni di euro a favore della Repubblica del Niger

Bruxelles, 19 luglio 2011 – La Commissione europea ha erogato un importo pari a 25 milioni di euro a favore della Repubblica del Niger. Si tratta del primo versamento per il sostegno al bilancio dall’investitura, nell’aprile 2011, del nuovo presidente Mahamadou Issoufou e dalla ripresa totale della cooperazione tra l’UE e il Niger, che risale al 20 giugno scorso. I fondi permetteranno al governo di rafforzare la lotta alla povertà, rivolgendo un’attenzione particolare ai settori sociali (istruzione e sanità).

Andris Piebalgs, commissario europeo per lo sviluppo, ha dichiarato: “Questo pagamento segna la ripresa totale della nostra cooperazione con il Niger; è una prova della nostra fiducia nel nuovo governo e del nostro impegno ad assisterlo nella lotta contro la povertà, nel sostenere le popolazioni più vulnerabili e nel conseguire gli obiettivi di sviluppo del millennio.”

L’erogazione dei fondi è stata preceduta da un'analisi approfondita delle condizioni di ammissibilità per il sostegno al bilancio: stabilità macroeconomica, politica coerente e sostenibile in materia di lotta alla povertà e miglioramento della gestione delle finanze pubbliche. I progressi molto incoraggianti registrati in questi tre settori hanno permesso di rispondere positivamente alla domanda delle autorità nigeriane di procedere quanto prima al pagamento.

Una parte dello stanziamento (10 milioni di euro) è inoltre legata al rispetto di condizioni specifiche in materia di istruzione; valutandole, la Commissione europea ha constatato l’importante lavoro compiuto dal governo nel preparare il piano d’azione atto a proseguire “l'iniziativa qualità” in questo settore. Il presidente Mahamadou Issoufou mira in effetti alla scolarizzazione obbligatoria e gratuita per tutti fino ai 16 anni di età e si è impegnato a stanziare un quarto delle risorse di bilancio a favore del settore scolastico nei prossimi cinque anni per permettere in particolare la costruzione di 2500 nuove aule e la formazione di 2500 insegnanti supplementari ogni anno.

Contesto

L’Unione europea aveva sospeso la sua cooperazione allo sviluppo con il Niger nel 2009, a causa del tentativo anticostituzionale dell’ex presidente Mamadou Tandja di restare al potere oltre il suo secondo mandato. Dal 2010 la Commissione europea ha progressivamente ripreso la cooperazione, sostenendo la sicurezza alimentare, lo sviluppo rurale e le infrastrutture di trasporto, nonché dando il suo appoggio al processo di consultazione elettorale. Con l’insediamento del nuovo presidente Mahamadou Issoufou, nell’aprile 2011, il paese ha terminato il suo processo di transizione democratica. Il 20 giugno 2011, il Consiglio dell’UE ha confermato il ripristino totale della cooperazione allo sviluppo con il Niger (cfr. IP/11/760).

A titolo del 10° Fondo europeo di sviluppo (FES), la Repubblica del Niger riceverà, tra il 2008 e il 2013, un aiuto di importo pari a 458 milioni di euro, destinato ai principali settori prioritari della cooperazione quali il sostegno allo sviluppo rurale, il miglioramento della sicurezza alimentare, lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e il sostegno al buon governo.

Per maggiori informazioni

Cfr. anche il sito web del commissario Piebalgs:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/piebalgs/index_en.htm

Persone di contatto :

Catherine Ray (+32 2 296 99 21)

Wojtek Talko (+32 2 297 85 51)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site