Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES NL

Commissione europea – Comunicato stampa

Antonio Tajani è a Rotterdam per controllare la sicurezza dei giocattoli nell'UE

Rotterdam, 23 giugno 2011 – Il vicepresidente Antonio Tajani, commissario europeo responsabile per l'industria e l'imprenditoria, si trova oggi nel porto di Rotterdam per verificare l'apertura di container contenenti giocattoli che vengono controllati giornalmente per assicurare che nessun giocattolo pericoloso venga immesso sul mercato dell'UE.

A partire dal 20 luglio i fabbricanti/importatori devono rispettare requisiti più rigorosi in tema di sicurezza per quanto concerne i giocattoli importati nell'UE. Entro tale data gli Stati membri dovranno applicare tutti i requisiti previsti nella nuova direttiva sulla sicurezza dei giocattoli adottata nel 2009.

Antonio Tajani ha affermato: "Sono compiaciuto nel constatare che le misure di controllo sono efficaci e assicurano un ambiente sicuro per i nostri bambini. Ho fiducia che sia gli Stati membri che l'industria ci aiuteranno a raggiungere questo obiettivo". Le nuove regole rispondono ai più elevati requisiti mondiali in tema di sicurezza, in particolare a quelli relativi all'uso delle sostanze chimiche. È estremamente importante che gli Stati membri assicurino una più intensa sorveglianza del mercato.

Antecedenti

Che cosa cambierà con la nuova direttiva sui giocattoli?

  • Il nuovo quadro giuridico rimpiazzerà la vecchia direttiva sulla sicurezza dei giocattoli del 1988 che disciplina sinora l'immissione dei giocattoli sul mercato. La nuova direttiva giocattoli affronta un'ampia gamma di questioni al fine di assicurare che i giocattoli non presentino pericoli per la salute o rischi di lesioni. A decorrere dal 20 luglio 2011 essa migliorerà le regole attuali in merito alla commercializzazione dei giocattoli prodotti nell'UE o in essa importati al fine di ridurre gli infortuni legati ai giocattoli e raggiungere nel lungo termine benefici sul piano sanitario.

  • La direttiva stabilisce soltanto i requisiti essenziali di sicurezza che devono soddisfare i giocattoli immessi sul mercato dell'UE. Le specifiche tecniche dei prodotti sono stabilite dagli organismi di normalizzazione.

Forti sistemi nazionali di sorveglianza del mercato

  • Gli Stati membri devono assicurare che le autorità preposte alla sorveglianza del mercato (elenco di questi organismi negli Stati membri) eseguano controlli adeguati ai confini esterni dell'UE e all'interno dell'UE, comprese ispezioni nei locali di tutti gli operatori economici, per assicurare che i giocattoli pericolosi vengano immediatamente proibiti o ritirati.

  • Le autorità preposte alla sorveglianza del mercato hanno la facoltà di distruggere i giocattoli che presentino un grave rischio.

Obblighi per i fabbricanti, gli importatori e i distributori di giocattoli

  • Tutti i giocattoli commercializzati nell'UE devono recare la marcatura di conformità CE la quale corrisponde a un'attestazione del fabbricante che il giocattolo soddisfa tutti i requisiti essenziali in tema di sicurezza (la marcatura CE deve essere ora apposta anche sulla confezione se non è visibile dall'esterno. I giocattoli che recano la marcatura CE fruiscono della libera circolazione nello Spazio economico europeo (SEE).

  • Prima di ottenere la marcatura CE un fabbricante deve effettuare una valutazione di sicurezza e di conformità. Il fabbricante deve raccogliere una documentazione tecnica più completa per tutti i propri prodotti, comprendente anche informazioni sulle sostanze chimiche usate, e deve assicurarne la tracciabilità.

  • Gli importatori devono controllare se i fabbricanti abbiano effettuato la valutazione di conformità dei giocattoli in modo corretto e, se del caso, devono realizzare essi stessi test random. Se i fabbricanti/importatori/distributori di giocattoli non soddisfano questi requisiti di sicurezza previsti dalla direttiva gli Stati membri possono comminare sanzioni.

Per ulteriori informazioni sull'ottenimento della marcatura CE e sul modo in cui gli Stati membri assicurano la sorveglianza del mercato si rinvia al MEMO/11/448).

Nuovi requisiti in materia di sicurezza

Questi sono i più importanti requisiti che i giocattoli devono rispettare: meccanico, fisico, elettrico, chimico e igenico

Nuovi requisiti d'ordine chimico

Per le sostanze chimiche in particolare la nuova direttiva contiene il divieto delle sostanze CMR (sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche) che possono essere usate soltanto a condizioni estremamente rigorose (ad esempio allorché sono del tutto inaccessibili per i bambini). L'uso di certi metalli pesanti e di fragranze allergizzanti è rigorosamente regolamentato. Inoltre, se emergono nuove prove scientifiche, la Commissione può modificare certe disposizioni in merito alle sostanze chimiche al fine di aggiornarle alle più recenti conoscenze scientifiche.

Requisiti di sicurezza più rigorosi per evitare i rischi di soffocamento

Le regole che si applicano ai giocattoli e alle parti degli stessi per prevenire il rischio di strangolamento o soffocamento sono ora rafforzate. I giocattoli contenuti negli alimenti o incorporati ad essi devono essere sempre inseriti in una confezione a parte. Sono vietati i giocattoli che, per essere accessibili, richiedono che l'alimento venga prima consumato.

Avvertimenti sui giocattoli

Gli avvertimenti apposti sui giocattoli devono essere chiaramente visibili e facilmente leggibili in una lingua facilmente compresa dai consumatori. Non sono consentiti gli avvertimenti che contraddicono l'uso al quale è destinato un giocattolo, in particolare l'avvertimento "Non adatto a bambini di meno di 36 mesi" apposto su giocattoli chiaramente destinati a questa classe di età.

Campagna europea sulla sicurezza dei giocattoli

Nel 2012 verrà organizzata in diversi Stati membri una campagna europea per la sicurezza dei giocattoli. Obiettivo della campagna è sensibilizzare gli operatori economici sulle nuove regole che entrano ora in vigore organizzando azioni di formazione e seminari specifici.

Contacts :

Carlo Corazza (+32 2 295 17 52)

Andrea Maresi (+32 2 299 04 03)


Side Bar