Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea – Comunicato stampa

L’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo ora pienamente operativo

Bruxelles, 17 giugno 2011 – Il 19 giugno prossimo la Commissaria europea per gli Affari interni, Cecilia Malmström, parteciperà alla cerimonia inaugurale dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) alla Valletta, Malta. Il nuovo Ufficio ha iniziato alcune delle sue attività già nel novembre 2010 e a partire da domenica sarà del tutto operativo. L’EASO è stato creato allo scopo di rafforzare la cooperazione pratica in materia di asilo e aiutare gli Stati membri a rispettare l'obbligo internazionale ed europeo di dare protezione a quanti possono averne bisogno.

«È una grande soddisfazione per me inaugurare l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo. Nell’occuparsi di questioni pratiche e operative riguardanti l'asilo e la migrazione, l'Ufficio offre un valido supporto agli Stati membri facilitando la cooperazione pratica su tutti gli aspetti della valutazione delle domande di asilo e sull’accoglienza dei richiedenti asilo, e sarà anche di aiuto per gli Stati membri che si trovano a dover gestire improvvisi flussi di richiedenti asilo e per quelli il cui sistema di asilo deve essere semplicemente reso più equo ed efficiente. É uno strumento indispensabile per realizzare un sistema europeo comune di asilo più globale e protettivo. Le pratiche di accoglienza dei richiedenti asilo variano ancora considerevolmente da uno Stato membro all’altro e molto resta da fare per far convergere gli approcci. L’Ufficio svolgerà un ruolo importante in tal senso», ha dichiarato Cecilia Malmström.

La cerimonia inaugurale si terrà domenica 19 giugno agli Upper Barrakka Gardens della Valletta, alla presenza della Commissaria Malmström, del Primo ministro di Malta, Lawrence Gonzi, e del Ministro maltese della Giustizia e degli Affari interni, Carmelo Mifsud Bonnici. Parteciperanno alle celebrazioni anche rappresentanti delle presidenze ungherese e polacca del Consiglio, eurodeputati, ambasciatori degli Stati membri e il vice Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Il consiglio di amministrazione dell’Ufficio si riunirà il 20 e 21 giugno 2011 e in quell’occasione il direttore esecutivo, Rob Visser, presenterà lo stato di attuazione del programma di lavoro per il 2011 e descriverà a grandi linee quello per il 2012.

La Commissione europea fornisce già un sostegno vitale all’Ufficio, anche in termini di risorse umane, esperienza, ricerca del personale e supporto logistico, e continuerà a fare tutto ciò che è in suo potere per garantire che l'Ufficio possa presto raggiungere la velocità di crociera.

I vantaggi di un sostegno pratico

L’EASO sostiene gli sforzi degli Stati membri nell’attuare una politica di asilo più coerente ed equa, ad esempio contribuendo a individuare le buone prassi, organizzando formazioni a livello europeo e migliorando l'accesso a informazioni affidabili sui paesi d’origine. L’Ufficio presta anche un sostegno tecnico e operativo agli Stati membri sottoposti a "pressione particolare" (ossia che ricevono un numero ingente di domande di asilo in un determinato periodo), inviando squadre di esperti di asilo che possono contribuire ad alleviare parzialmente la pressione cui è soggetto il sistema di asilo del paese.

Il lavoro è già iniziato e la procedura di assunzione del personale dell'Ufficio è ormai alla fase finale. L’agenzia ha già formato un pool di circa 350 esperti provenienti da tutti gli Stati membri dell’Unione europea e disponibili in casi di emergenza. Queste squadre prestano servizi di interpretazione, danno informazioni sui paesi d’origine e forniscono il know-how per la gestione dei casi di asilo.

Il 1° aprile 2011 è stato firmato in Grecia un piano operativo per l’invio di squadre europee di sostegno per l’asilo, al fine di aiutare le autorità greche a istituire un sistema di asilo e accoglienza moderno ed efficiente. La prima squadra è stata inviata nel maggio 2011. Diversi Stati membri (Austria, Belgio, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Finlandia, Germania, Ungheria, Paesi Bassi, Romania, Slovacchia, Svezia e Regno Unito) hanno offerto i propri esperti.

Contesto

Il 18 febbraio 2009 la Commissione ha proposto di creare l’EASO (IP/09/275) presentando per l'appunto una proposta di regolamento istitutivo dell’Ufficio europeo di sostegno per l’Asilo (Regolamento (UE) n. 439/2010) a cui dovevano accompagnarsi delle modifiche al Fondo europeo per i rifugiati (FER).

Durante il primo semestre del 2010 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno formalmente approvato la creazione di un Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) e gli Stati membri hanno deciso di stabilirne la sede alla Valletta, Malta.

Per maggiori informazioni

Domande frequenti: MEMO/11/415

Homepage di Cecilia Malmström, Commissaria per gli Affari interni:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/malmstrom/welcome/default_en.htm

Homepage della DG Affari interni:

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/index_en.htm

Contatti :

Michele Cercone (+32 2 298 09 63)

Tove Ernst (+32 2 298 67 64)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website