Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Lotta contro il tabacco: la Commissione europea avvia una campana paneuropea

Commission Européenne - IP/11/710   16/06/2011

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea – Comunicato stampa

Lotta contro il tabacco: la Commissione europea avvia una campana paneuropea

Bruxelles, 16 giugno 2011 – "Gli ex fumatori sono inarrestabili" è lo slogan della campagna su scala dell'UE avviata oggi da John Dalli, Commissario europeo responsabile per la salute e la politica dei consumatori. Il tabacco è la principale causa di morte evitabile nell'Unione europea e si stima sia responsabile della perdita di più di 650 000 vite umane nell'Unione europea ogni anno. Una persona su tre fuma. La campagna triennale avviata oggi darà rilievo agli aspetti positivi derivanti dalla cessazione del vizio del fumo e farà leva su un mix coordinato di pubblicità, reti sociali, eventi e strumenti pratici per raggiungere i fumatori e aiutarli a smettere.

"Gli ex fumatori sono inarrestabili"

La campagna è rivolta ai fumatori dai 25 ai 34 anni, una categoria comprendente quasi 28 milioni di persone nell'UE. La campagna intende dare rilievo ai benefici che i fumatori possono trarre dall'abbandono del vizio del fumo e fa ricorso ad ex fumatori e ai risultati che hanno ottenuto indicandoli quali modelli per ispirare quanti desiderano smettere. La campagna fornisce inoltre ai fumatori un aiuto pratico per smettere di fumare grazie a uno strumento innovativo di "iCoach".

Il primo anno della campagna prevede lo sviluppo e il radicamento del concetto. Gli anni successivi si concentreranno sui vantaggi per gli ex fumatori: vantaggi sul piano fisico, personale e anche finanziario. Un'attenzione particolare verrà riservata a gruppi specifici quali le donne e le classi socioeconomiche inferiori. Ciò assicurerà che il messaggio della campagna "Gli ex fumatori sono inarrestabili" sia adattato ai diversi tipi di pubblico nazionale e ai diversi gruppi demografici e raggiunga ogni angolo dell'UE.

Al momento di avviare la campagna il Commissario Dalli ha affermato: "I giovani iniziano a fumare perché pensano che ciò serva a darsi un contegno, poi continuano poiché il tabacco dà dipendenza. Più di 650 000 persone muoiono annualmente nell'UE a causa del fumo poiché il tabacco è estremamente tossico. Le autorità pubbliche sono chiamate a svolgere un ruolo importante per aiutare i cittadini a spezzare questo circolo vizioso di dipendenza e di morti e malattie evitabili. Questo è il messaggio della campagna "Gli ex fumatori sono inarrestabili". Ritengo che la campagna possa servire ad aiutare i fumatori a comprendere che hanno tutto da guadagnare se smettono di fumare".

La figura dell'«iCoach"»

La campagna "Gli ex fumatori sono inarrestabili" prevede uno strumento efficace per aiutare i fumatori a smettere. iCoach è una piattaforma digitale di orientamento sanitario ad accesso libero disponibile in tutte le lingue ufficiali dell'UE. A differenza di altri strumenti sanitari digitali, iCoach si rivolge anche a coloro che non hanno intenzione di smettere e a quanti sono a forte rischio di ricaduta.

Il continuo impegno dell'UE

La prima legislazione per il controllo del tabacco nell'UE è stata introdotta negli anni '80. Da allora la legislazione e le politiche dell'UE sono state sviluppate ulteriormente negli ambiti della regolamentazione dei prodotti, della pubblicità e della tutela delle persone dal fumo passivo nonché della prevenzione dell'uso di tabacco, la sensibilizzazione e l'aiuto a smettere.

L'approccio dell'UE comprende, a partire dal 2002, campagne di sensibilizzazione su scala dell'intera UE.

La prima campagna di sensibilizzazione su scala dell'UE finanziata dalla Commissione è durata dal 2002 al 2004 ed era intitolata "Sentitevi liberi di dire no".

La campagna "HELP" condotta tra il 2005 e il 2010 era imperniata sulla prevenzione del fumo, sulla cessazione del fumo e sul fumo passivo ed era rivolta in particolare ai giovani europei tra i 15 e i 25 anni.

La prossima campagna, "Gli ex fumatori sono inarrestabili", costituisce la sequela logica delle precedenti e sposta l'attenzione dai pericoli legati al fumo ai vantaggi che si possono ottenere se si smette.

Rimane ancora molto da fare

Nonostante i progressi già registrati, un terzo dei cittadini europei continua a fumare regolarmente e molti di essi continuano a morire a causa di malattie legate al fumo. Non si tratta soltanto di una tragedia sul piano umano, ma di un importante fattore sanitario e socioeconomico poiché grava sui sistemi della sanità pubblica e priva l'Europa della forza lavoro necessaria per assicurarne la competitività.

Per ulteriori informazioni:

La lotta contro il tabacco nell'UE

MEMO/11/349

La campagna "Gli ex fumatori sono inarrestabili"

www.exsmokers.eu

MEMO/11/405

Persone da contattare:

Frédéric Vincent (+32 2 298 71 66)

Aikaterini Apostola (+32 2 298 76 24)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site