Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE DA ES NL PT EL BG RO

IP/11/476

Bruxelles, 15 aprile 2011

La Commissione chiede agli Stati membri la restituzione di 530 milioni di euro di spese della PAC

Nell’ambito della procedura detta di liquidazione dei conti la Commissione europea chiede oggi la restituzione di 530 milioni di euro di fondi dell’Unione indebitamente spesi dagli Stati membri. Queste somme riconfluiranno nel bilancio dell’Unione in seguito all’accertamento di violazioni delle norme sulla spesa agricola e di inadempienze nelle procedure di controllo. Se infatti gli Stati membri sono responsabili del pagamento e della verifica delle spese della politica agricola comune (PAC), spetta alla Commissione controllare che essi abbiano fatto un uso corretto dei fondi.

Principali rettifiche finanziarie

In virtù della decisione odierna la Bulgaria, la Danimarca, la Grecia, la Spagna, la Francia, l’Italia, i Paesi Bassi, il Portogallo, la Romania e il Regno Unito dovranno restituire fondi al bilancio dell’Unione, mentre sarà rimborsato un piccolo importo alla Germania. Le principali rettifiche per paese sono:

  • 137,23 milioni di euro a carico della Grecia per spese non ammissibili e inadempienze notevoli riscontrate nel sistema d’informazione geografica per gli oliveti (GIS) e a livello dei controlli in loco;

  • 122,38 milioni di euro a carico della Grecia per carenze nei controlli in loco e nei sistemi di identificazione delle particelle agricole e di informazione geografica (SIPA/SIG), nonché nei controlli amministrativi incrociati sugli aiuti per superficie (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie);

  • 74,9 milioni di euro a carico della Romania per carenze nel sistema di identificazione delle particelle agricole (SIPA) e nel sistema di informazione geografica (SIG) riguardo ai controlli amministrativi incrociati, alla fornitura di informazioni imprecise agli agricoltori e alle verifiche in loco inefficaci in merito agli aiuti per superficie (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie);

  • 70,96 milioni di euro a carico della Spagna per l’applicazione di tolleranze tecniche non corrette, carenze nei controlli delle rese e applicazione non corretta delle penali previste per la presentazione tardiva delle dichiarazioni di coltura relative all’olio di oliva;

  • 37,25 milioni di euro a carico della Spagna per spese non ammissibili connesse alla gestione ecologica degli imballaggi e spese non ammissibili nel settore degli ortofrutticoli;

  • 26,95 milioni di euro a carico del Regno Unito per carenze riguardanti il riconoscimento delle organizzazioni di produttori e carenze connesse alla verifica del valore della produzione commercializzata nel settore degli ortofrutticoli;

  • 24,54 milioni di euro a carico della Bulgaria per insufficiente grado di approfondimento dei controlli in loco, lacune nei sistemi di identificazione delle particelle agricole e di informazione geografica (SIPA/SIG), fornitura agli agricoltori di informazioni imprecise e orientamenti insufficienti in merito agli aiuti per superficie (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie);

  • 22,69 milioni di euro a carico dei Paesi Bassi per spese non ammissibili connesse alla stampa di diciture sugli imballaggi e spese non ammissibili sostenute da un’organizzazione di produttori nell’ambito della commercializzazione decentrata di prodotti ortofrutticoli.

Agli Stati membri compete la gestione della maggior parte dei pagamenti erogati nell’ambito della PAC, principalmente attraverso i loro organismi pagatori. Spetta loro anche l’esecuzione di controlli, come ad esempio la verifica delle domande di pagamenti diretti presentate dagli agricoltori. La Commissione esegue ogni anno oltre 100 audit per verificare che i controlli eseguiti dagli Stati membri e le misure correttive adottate per rimediare alle carenze riscontrate siano sufficienti. La Commissione ha anche la facoltà di farsi restituire fondi con efficacia retroattiva se dagli audit emerge che l’azione correttiva messa in atto degli Stati membri non è stata sufficiente a garantire la correttezza della spesa di denaro dell’Unione.

Le rettifiche finanziarie sono fissate in proporzione al tasso di errore. La decisione è stata adottata in esito ad un procedimento di conciliazione tra la Commissione e gli Stati membri in base a dati oggettivi e tenendo conto del rischio di uso improprio dei fondi.

Per ulteriori informazioni sul funzionamento del sistema di liquidazione annuale dei conti, v. MEMO/06/178 e l’opuscolo “Una gestione saggia del bilancio agricolo”, disponibile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/agriculture/fin/clearance/factsheet_it.pdf.

Le tabelle accluse (allegati I e II) illustrano in dettaglio gli importi da recuperare in applicazione della decisione, per Stato membro e per settore.

Allegato I

Liquidazione dei conti del FEAGA e del FEASR

Decisione 35: Rettifiche per Stato membro

Settore e motivo della rettifica

Mio EUR

Bulgaria

 

Aiuti per superficie - rettifica proposta per l’esercizio finanziario 2009 per livello insufficiente dei controlli in loco e lacune nei sistemi di identificazione delle particelle agricole e di informazione geografica (SIPA/SIG), controlli amministrativi incrociati non efficaci e fornitura agli agricoltori di informazioni imprecise e orientamenti insufficienti in merito agli aiuti per superficie (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie).

24,543

Danimarca

 

Ortofrutticoli - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2007 e 2008 per mancata esecuzione delle necessarie verifiche amministrative e in loco mediante campionamento prima della concessione del pagamento.

0,063

Foraggi essiccati e sementi - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2005‑2008 per controlli supplementari insufficienti sugli operatori.

0,120

Francia

 

Aiuti per superficie - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2007-2009 per calcolo non corretto dei pagamenti, delle riduzioni ed esclusioni che hanno portato a pagamenti eccessivi.

2,326

Germania

 

Altre rettifiche – rimborso relativo a un caso di irregolarità basato sulla regola 50/50 di cui all’articolo 32, paragrafo 5, del regolamento (CE) n. 1290/2005.

-0,508

Grecia

 

Aiuti per superficie - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2007-2009 per controlli in loco insufficienti e carenze nei sistemi di identificazione delle particelle agricole e di informazione geografica (SIPA/SIG), nonché nei controlli amministrativi incrociati (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie).

122,378

Olio di oliva e altri oli e grassi - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2004-2006 per spese non ammissibili e inadempienze notevoli riscontrate nel sistema d’informazione geografica per gli oliveti (GIS) e a livello dei controlli in loco.

137,231

Italia

 

Intervento pubblico - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2005-2009 per contabilizzazione inesatta dei conferimenti di zucchero all’intervento nel 2005, assenza di controllo dell’aumento del 35% delle spese di ammasso e ritardi nell’esecuzione dei controlli degli inventari.

2,078

Portogallo

 

Premi per animali - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2007 e 2008 per un errore riscontrato nel software IT che gestisce il regime di premio per vacca nutrice.

0,720

Romania

 

Aiuti per superficie - rettifica proposta per l’esercizio finanziario 2009 per carenze nel sistema di identificazione delle particelle agricole (SIPA) e nel sistema di informazione geografica (SIG) riguardo ai controlli amministrativi incrociati, alla fornitura di informazioni imprecise agli agricoltori e alle verifiche in loco inefficaci (anche per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie).

74,899

Spagna

 

Ortofrutticoli - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2006-2008 per spese non ammissibili connesse alla gestione ecologica degli imballaggi e varie categorie di spese non ammissibili pagate.

37,253

Premi per animali - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2004-2006 perché i controlli in loco relativi ai premi per animali sono iniziati in ritardo e sono risultati insufficienti in termini di percentuale e di qualità.

7,630

Olio di oliva e altri oli e grassi - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2003-2006 per l’applicazione di tolleranze tecniche non corrette, carenze nei controlli delle rese e applicazione non corretta delle penali previste per la presentazione tardiva delle dichiarazioni di coltura.

70,961

Paesi Bassi

 

Prodotti ortofrutticoli - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2006-2008 per spese non ammissibili connesse alla stampa di diciture sugli imballaggi e spese non ammissibili sostenute da un’organizzazione di produttori nell’ambito della commercializzazione decentrata.

22,691

Regno Unito

 

Restituzioni all’esportazione - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2006-2009 per esecuzione inadeguata del controllo sulla certificazione dell’uscita dall’Unione.

0,008

Prodotti ortofrutticoli - rettifica proposta per gli esercizi finanziari 2006-2008 per carenze riguardanti il riconoscimento delle organizzazioni di produttori e carenze connesse alla verifica del valore della produzione commercializzata.

26,947

Intervento pubblico - rettifica proposta per l’esercizio finanziario 2009 per imputazione indebita a carico del bilancio UE dei costi di distruzione e trasporto e per le domande di finanziamento per gli animali morti.

0,284

TOTALE

529,625

Allegato II

Liquidazione dei conti del FEAGA e del FEASR

Decisione 35: Rettifiche per settore

Mio EUR

Restituzioni all’esportazione

0,008

 

 

Prodotti ortofrutticoli

86,955

Intervento pubblico

2,362

Premi per animali

8,350

Aiuti per superficie

224,145

Olio di oliva e altri oli e grassi

208,193

Foraggi essiccati e sementi

0,120

 

 

Altre rettifiche

-0,508

TOTALE

529,625


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website