Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Il Neues Museum di Berlino vince il premio UE 2011 per l'architettura contemporanea / premio Mies van der Rohe

Commission Européenne - IP/11/453   11/04/2011

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/11/453

Bruxelles, 11 aprile 2011

Il Neues Museum di Berlino vince il premio UE 2011 per l'architettura contemporanea / premio Mies van der Rohe

BRUXELLES, 11 aprile – La Commissione europea ha annunciato oggi che il Neues Museum di Berlino è il vincitore della tornata 2011 del premio dell'Unione europea per l'architettura contemporanea / premio Mies van der Rohe. L'architetto britannico Sir David Chipperfield ha ricostruito il museo fondendo il vecchio col nuovo. La "menzione speciale per architetti emergenti" va a Ramon Bosch e a Bet Capdeferro per la casa Collage a Girona, Spagna. La cerimonia di premiazione si svolgerà il 20 giugno nel padiglione Mies van der Rohe a Barcellona.

Androulla Vassiliou, Commissario europeo responsabile per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, ha affermato: "Mi congratulo con i vincitori che hanno creato due edifici eccezionali. Il Neues Museum unisce il passato e il presente in una sorprendente miscela di architettura contemporanea, di restauro e arte. La casa Collage a Girona è un altro rimarchevole esempio di restauro che fonda elementi vecchi e nuovi in un tutto armonioso."

L'edificio originale del Neues Museum, progettato da Friedrich August Stüler, è stato costruito a metà dell'Ottocento. L'edificio è stato gravemente danneggiato nella Seconda guerra mondiale e i lavori di ricostruzione sono iniziati nel 2003 al fine di riportare il sito alla sua gloria passata. David Chipperfield, che ha lavorato al progetto con l'architetto britannico Julian Harrap, ha adottato un approccio dinamico nel restauro. Piuttosto che tentare di nascondere la differenza tra gli elementi vecchi e quelli nuovi, il passato e il presente sono combinati armoniosamente dando luogo a un edificio indimenticabile dalle molteplici stratificazioni.

David Chipperfield, direttore di David Chipperfield Architects, ha affermato: “La ricostruzione del Neues Museum è la testimonianza del processo di collaborazione portato avanti dinanzi a un'opinione pubblica difficile. Il risultato dimostra non solo gli sforzi compiuti dal gruppo di operatori, ma anche l'impegno della committenza e delle autorità cittadine che si sono impegnate in questo processo rigoroso e articolato.”

Mohsen Mostafavi, presidente della giuria, ha affermato: “La ricostruzione del Neues Museum è un risultato eccezionale. Poche volte un architetto e il committente sono riusciti a intraprendere un lavoro di tale importanza storica e complessità; soprattutto un lavoro che comporta sia la conservazione di un vecchio edificio che la costruzione di uno nuovo. Il progetto solleva e affronta diverse questioni d'ordine estetico, etico e tecnico. È una dimostrazione esemplare di ciò che la collaborazione può realizzare nel contesto della prassi architettonica europea d'oggi.”

Lluís Hortet, direttore della Fondazione Mies van der Rohe, ha affermato: “La decisione della giuria è stata difficoltosa considerata l'elevata qualità di tutti i progetti finalisti. Il Neues Museum di David Chipperfield è un'importante dichiarazione di come un intervento architettonico contemporaneo possa contribuire a riutilizzare un patrimonio architettonico del passato migliorandone le qualità funzionali e introducendo nuovi elementi architettonici di squisita qualità progettuale in modo da restituire l'edificio alle sue finalità museali.”

Note per i redattori

L'architettura reca un importante contributo all'economia dell'UE. Il settore rappresenta un importante segmento delle industrie culturali e creative e fornisce posti di lavoro di qualità elevata a 8,5 milioni di persone nell'UE oltre a contribuire al 4,5% del PIL europeo. Il programma "Cultura" dell'UE – con una dotazione complessiva di 400 milioni di euro per il periodo 2007-2013 – sostiene progetti di cooperazione nel campo dell'architettura e del patrimonio culturale.

Indetto per la prima volta nel 1987, il premio dell'Unione europea per l'architettura contemporanea / premio Mies van der Rohe è il premio più prestigioso in Europa destinato all'architettura. Il premio è assegnato ogni due anni e il vincitore riceve un importo di 60 000 euro. Coloro che ricevono la "menzione speciale per architetti emergenti" ricevono 20 000 euro.

I vincitori sono stati selezionati a partire da 343 progetti presentati in 33 paesi europei. Sei progetti sono stati ammessi alla selezione finale. Gli altri finalisti erano: Bronks Youth Theatre (Bruxelles, Belgio, progettato da Martine De Maeseneer, Dirk Van den Brande); MAXXI: Museo delle arti del XXI secolo (Roma, Italia, di Zaha Hadid, Patrick Schumacher, Gianluca Racana); Concert House Danish Radio (Copenaghen, Danimarca, di Jean Nouvel); Museo dell'Acropoli (Atene, Grecia, di Bernard Tschumi) e Rehabilitation Centre Groot Klimmendaal (Arnhem, Paesi Bassi, di Koen van Velsen).

I membri della giuria che ha selezionato i finalisti per il 2011 sono: Mohsen Mostafavi, presidente della giuria preside della Graduate School of Design, Harvard University, Cambridge, USA; Ole Bouman, direttore, Nederlands Architectuurinstituut, Rotterdam; Yvonne Farrell, Grafton Architects, Dublino; Annette Gigon, Gigon/Guyer, Zurigo; Anne Lacaton, Lacaton & Vassal Architectes, Parigi; Tarald Lundevall, architetto, SNØHETTA, Oslo; Pei Zhu, Pechino, Cina e Lluís Hortet, segretario della giuria/direttore della Fundació Mies van der Rohe.

L'elenco completo dei 343 lavori presentati, designati dai vari paesi, può essere scaricato cliccando sotto:

Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Montenegro, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Repubblica slovacca, Slovenia, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Turchia e Regno Unito

Fondazione Mies van der Rohe

La Fondazione Mies van der Rohe (Fundació Mies van der Rohe) è stata creata nel 1983 dal comune di Barcellona con l'obiettivo iniziale di ricostruire il padiglione tedesco progettato da Ludwig Mies van der Rohe (1886-1969) per l'Esposizione internazionale di Barcellona del 1929. Oltre alla conservazione e alla gestione del padiglione la Fondazione ha anche altri obiettivi: promuovere il dibattito sull'architettura contemporanea e l'urbanismo, costituire un archivio documentario su Ludwig Mies van der Rohe nonché sull'architettura moderna e contemporanea e organizzare concorsi a premi, corsi, conferenze, esposizioni, pubblicazioni e studi.

Per saperne di più:

http://ec.europa.eu/culture

http://www.miesarch.com


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site