Navigation path

Left navigation

Additional tools

Pagamenti più rapidi dall'estero degli assegni alimentari per i figli minori nell’UE

European Commission - IP/11/441   06/04/2011

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/11/441

Bruxelles, 6 aprile 2011

Pagamenti più rapidi dall'estero degli assegni alimentari per i figli minori nell’UE

Il dolore di un divorzio o di una separazione è fin troppo spesso accentuato dalla pressione economica ed emotiva che viene a crearsi quando un genitore risiede all’estero e rifiuta di prestare il sostegno finanziario dovuto. Con 16 milioni di coppie internazionali stimate nell’UE e 30 milioni di cittadini europei residenti in paesi terzi, il problema di ottenere dall’estero la corresponsione degli alimenti per i figli è destinato a crescere. Ad esempio, una coppia che vive in Francia divorzia e il padre si trasferisce negli Stati Uniti: il figlio continuerà a ricevere l'assegno disposto dal giudice francese? Secondo una nuova convenzione firmata oggi dall’Unione europea, le autorità americane coopereranno con quelle europee affinché il padre ottemperi ai suoi obblighi e il figlio ottenga il sostegno cui ha diritto. La convenzione dell’Aia sugli obblighi alimentari istituisce un sistema a livello mondiale per l’esazione delle prestazioni alimentari nei confronti di figli e altri membri della famiglia, creando un quadro giuridico comune all’Unione europea e ai paesi terzi che consente alle autorità di cooperare per l’esecuzione dei crediti alimentari e fa sì che i debitori non possano più eludere i loro obblighi lasciando il territorio dell’UE. La convenzione prevede anche l’assistenza legale gratuita nei casi internazionali di prestazioni alimentari ai figli. La convenzione completa le norme UE sul riconoscimento e sull'esecuzione delle decisioni in materia di obbligazioni alimentari, che si applicheranno a partire dal 18 giugno 2011.

«Quando una famiglia si divide, spesso sono i figli a soffrire di più», ha affermato la Vicepresidente Vivian Reding, Commissaria UE per la Giustizia. «L’Unione europea dispone già di solide norme per garantire che i minori ricevano il sostegno finanziario anche dal genitore che vive lontano, in un altro Stato membro. Firmando questa convenzione internazionale l’Unione avrà fatto in modo che i minori godano della stessa tutela anche se un genitore si trasferisce fuori dall'UE. L’interesse dei figli deve prevalere e i genitori non devono essere in condizione di sottrarsi alle proprie responsabilità abbandonando il territorio dell’Unione. Esorto i nostri partner internazionali a seguire il nostro esempio e a ratificare la convenzione quanto prima.»

La nuova convenzione creerà un quadro giuridico comune all’Unione europea e ai paesi terzi che la ratificheranno che faciliterà la riscossione internazionale dei crediti alimentari. Considerato che la stragrande maggioranza delle richieste di alimenti riguarda i figli, la convenzione si pone anzitutto e soprattutto come strumento di tutela nei loro confronti, creando un sistema di cooperazione su scala mondiale fra autorità nazionali, prevedendo l’assistenza legale gratuita nei casi di prestazioni alimentari ai figli e semplificando le procedure di riconoscimento ed esecuzione delle decisioni giudiziarie in materia di alimenti.

Inoltre, il nuovo sistema accelererà le procedure, attualmente lunghe e complesse, per individuare i debitori latitanti. A livello internazionale, la convenzione completa il già esistente sistema dell'Aia sul diritto della famiglia relativo alla sottrazione di minori, alla responsabilità genitoriale e all’adozione internazionale.

A seguito della firma della convenzione apposta oggi dalla Presidenza ungherese a nome dell'Unione europea, gli Stati membri devono adottare una decisione affinché l'UE concluda (o ratifichi) formalmente la convenzione. L’accordo dei ministri della Giustizia è atteso alla sessione del Consiglio Affari interni del 9-10 giugno 2011. L'UE potrebbe allora depositare lo strumento di ratifica trascorso il previsto periodo di attuazione di 18 mesi, che permetterebbe alla convenzione di entrare in vigore dal 2013.

Gli Stati Uniti, la Norvegia e l’Ucraina hanno già firmato la convenzione, mentre una serie di altri paesi che hanno partecipato ai negoziati (inclusi Giappone, Cina, Russia, Australia, Canada e Brasile) dovrebbero procedervi una volta avviata la ratifica da parte dell’UE e degli Stati Uniti.

Contesto

Non vi sono dati statistici a livello internazionale sul numero dei casi di crediti alimentari che richiedono il recupero transfrontaliero. Tuttavia, secondo stime le coppie internazionali nell’UE sono 16 milioni, mentre circa 30 milioni di cittadini europei risiedono in paesi al di fuori dell’Unione. Allo stesso tempo, nel 2007 (dati più recenti) sono stati 1,2 milioni i divorzi nei 27 paesi dell’UE. Queste cifre sono indicative di un problema serio in termini di gestione ed esecuzione dei pagamenti di assegni alimentari da parte di genitori assenti che possono non risiedere nel territorio dell’UE.

La convenzione dell’Aia 2007 sugli obblighi alimentari completa la legislazione interna UE sulle obbligazioni alimentari adottata il 18 dicembre 2008: regolamento (CE) n. 4/2009 del Consiglio, del 18 dicembre 2008, relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni e alla cooperazione in materia di obbligazioni alimentari. Il regolamento e il protocollo sulla legge applicabile si applicheranno fra gli Stati membri dell’UE a partire dal 18 giugno 2011.

Concludendo la convenzione l’Unione europea rafforzerà le norme vigenti al suo interno in materia di riconoscimento ed esecuzione delle decisioni relative alle obbligazioni alimentari, ma anche la cooperazione amministrativa tra le autorità centrali, creando una serie di norme armonizzate nell’Unione per i rapporti con i paesi terzi che diverranno parti della convenzione.

Ulteriori informazioni

Sala stampa on line della direzione generale Giustizia:

http://ec.europa.eu/justice/news/intro/news_intro_en.htm

Homepage di Viviane Reding, Vicepresidente della Commissione europea e Commissaria europea per la Giustizia:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/reding/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website