Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Il gioco d'azzardo on-line in Europa: il dibattito è aperto

Commission Européenne - IP/11/358   24/03/2011

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/11/358

Bruxelles, 24 marzo 2011

Il gioco d'azzardo on-line in Europa: il dibattito è aperto

In Europa il gioco d'azzardo on-line è un'attività economica in rapida crescita, con circa 15 000 siti web già individuati e proventi annui complessivi che nel 2008 hanno superato i 6 miliardi di euro e che secondo le previsioni dovrebbero raddoppiare entro il 2013. I quadri giuridici nazionali variano notevolmente da uno Stato membro all'altro dell'UE, con norme diverse in materia di rilascio delle licenze, servizi on-line connessi, pagamenti, obiettivi di interesse pubblico e lotta contro le frodi. Per garantire la certezza del diritto e la tutela effettiva dei cittadini dell'UE in questo settore transfrontaliero in rapida crescita, è importante valutare in che modo modelli diversi possano coesistere nell'ambito del mercato interno. Lo scopo prioritario della consultazione sul Libro verde, avviata in data odierna, è pertanto ottenere un quadro basato sui fatti dell'attuale situazione sul mercato UE del gioco d'azzardo on-line e dei diversi modelli regolamentari nazionali. La Commissione invita le parti in causa a trasmettere i loro pareri e intende raccogliere informazioni e dati dettagliati su aspetti essenziali, quali l'organizzazione dei servizi di gioco d'azzardo on-line e il controllo del rispetto della normativa applicabile, la tutela dei consumatori e altri aspetti pertinenti di politica pubblica, oltre alle comunicazioni commerciali e ai servizi di pagamento. Sulla base dei contributi alla consultazione, che potranno essere trasmessi fino al 31 luglio 2011, si valuterà la necessità e la forma di eventuali interventi dell'UE in materia. A complemento della consultazione saranno organizzati seminari di esperti su tematiche specifiche.

Il commissario per il Mercato interno e i servizi Michel Barnier ha dichiarato: "Con il Libro verde abbiamo avviato un'ambiziosa consultazione senza idee preconcette su possibili interventi futuri. Il mercato del gioco d'azzardo on-line nell'UE prosegue la sua rapida crescita e genera consistenti proventi che a volte vengono destinati a sostenere attività di beneficienza. La loro espansione deve andare di pari passo con la volontà di tutelare i nostri cittadini, specialmente i minori, e di assicurare che nell'UE l'offerta di questo tipo di servizi sia corretta e ben regolamentata. Il presente documento risponde all'invito rivoltoci dal Parlamento europeo e dagli Stati membri ad affrontare questi aspetti congiuntamente. La presente consultazione non ha ad oggetto la liberalizzazione del mercato dei servizi di gioco d'azzardo on-line nell'UE ma mira ad assicurarne la corretta regolamentazione a beneficio di tutti.

Su che cosa verte la consultazione pubblica?

L'offerta on-line di servizi di gioco d'azzardo pone problemi sociali e di ordine pubblico nell'UE, oltre a problemi regolamentari e tecnici. Le questioni essenziali analizzate nella consultazione sono:

1. Definizione e organizzazione dei servizi di gioco d'azzardo on-line: il Libro verde intende raccogliere pareri sulle difficoltà e/o sui vantaggi principali associati alla coesistenza nell'UE di prassi e sistemi nazionali diversi per il rilascio delle licenze ai servizi di gioco d'azzardo on-line.

2. Servizi connessi forniti e/o utilizzati dai fornitori di gioco d'azzardo on-line: il Libro verde intende raccogliere pareri sulle norme e le prassi relative alle comunicazioni commerciali on-line, all'identificazione dei clienti e alla regolamentazione applicabile ai sistemi di pagamento per i servizi di gioco d'azzardo on-line e ai conti dei giocatori.

3. Obiettivi di interesse pubblico

Questo punto della consultazione si concentra su tre obiettivi che, in vario grado, possono essere validi per la politica nazionale in materia di gioco d'azzardo on-line degli Stati membri:

  • tutela dei consumatori: la consultazione mira a raccogliere informazioni sul gioco d'azzardo problematico e sulla dipendenza dal gioco d'azzardo, nonché sulle misure attuate per proteggere i giocatori e prevenire o limitare tali fenomeni. Un'altra questione fondamentale è come garantire la tutela dei minori e di altri gruppi vulnerabili. Vengono formulate domande sulla promozione e sul marketing del gioco d'azzardo on-line e sui sistemi messi in atto per l'identificazione del cliente, sia per l'apertura de conto che per l'esecuzione dei pagamenti;

  • ordine pubblico: il Libro verde mira a raccogliere informazioni sulle migliori pratiche per individuare e prevenire le frodi, il riciclaggio dei proventi di attività illecite e altri reati;

  • finanziamento delle attività e degli avvenimenti di beneficienza e di interesse pubblico: la consultazione esamina diversi sistemi per destinare i proventi a favore di attività di interesse pubblico, nonché meccanismi di ridistribuzione dei proventi dai servizi pubblici e privati di gioco d'azzardo on-line a favore della società, ad esempio, mediante azioni di sostegno di arte, cultura e sport?

4. Controllo del rispetto della normativa

Esiste nell'UE un consistente mercato illegale dei servizi di gioco d'azzardo on-line. Si stima che nel mondo per ogni sito web di gioco d'azzardo on-line con licenza ne esistono più di cinque che offrono poker e scommesse sportive on-line senza licenza. I consumatori hanno attualmente accesso ad un mercato transfrontaliero illegale a causa sia della tolleranza de facto che per mancanza di controlli efficaci sul rispetto delle normative. È per questo che la consultazione mira a valutare i vigenti sistemi di controllo del rispetto della normativa e la cooperazione transfrontaliera tra Stati membri e a raccogliere informazioni concrete sull'efficienza degli attuali sistemi di blocco (quali il blocco dei pagamenti o il filtraggio dei nomi di dominio).

Quali sono le prossime tappe?

Le risposte al Libro verde possono essere trasmesse fino al 31 luglio 2011. Le informazioni e i dati ricevuti saranno attentamente esaminati dalla Commissione alla fine del processo per stabilire i successivi interventi.

Contesto

Oggigiorno nell'UE i servizi di gioco d'azzardo on-line sono offerti e utilizzati ampiamente e l'importanza economica del settore è in crescita. Nel 2008 i servizi di gioco d'azzardo on-line hanno generato proventi annui superiori a 6 miliardi di euro, ossia il 7,5% del totale del mercato del gioco d'azzardo. Si tratta del segmento del mercato del gioco d'azzardo in più rapida crescita, di cui le previsioni formulate nel 2008 prevedevano il raddoppio del volume in cinque anni.

Allo stesso tempo il contesto normativo applicabile al gioco d'azzardo varia da uno Stato membro all'altro. Mentre alcuni Stati membri limitano o addirittura vietano l'offerta di alcuni giochi d'azzardo, altri hanno mercati regolamentati più aperti. Alcuni Stati membri hanno inoltre rivisto recentemente la legislazione nazionale in materia di gioco d'azzardo on-line o sono in procinto di farlo.

Ulteriori informazioni

MEMO/11/186

Un documento di lavoro dei servizi della Commissione che accompagna il Libro verde è disponibile sul sito web della Commissione:

http://ec.europa.eu/internal_market/services/gambling_en.htm.

Sullo stesso sito web gli interessati troveranno anche ulteriori istruzioni su come rispondere alla consultazione.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site