Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/11/195

Bruxelles, 17 febbraio 2011

Agenda digitale: la vicepresidente Kroes invita 21 Stati membri ad adottare urgentemente misure sui servizi mobili via satellite

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'Agenda digitale, ha rivolto un accorato invito a 21 Stati membri affinché adottino rapidamente tutte le misure legislative necessarie a garantire un'applicazione paneuropea dei servizi mobili via satellite utilizzabili per l'internet ad alta velocità, la televisione o la radio mobili e le comunicazioni di emergenza a consumatori e imprese dell'UE. Secondo il calendario concordato nel 2008 mediante decisione del Parlamento europeo e del Consiglio dei ministri dell'UE, i servizi mobili via satellite dovrebbero essere disponibili in tutti gli Stati membri dell'UE entro, al più tardi, il maggio 2011 (MEMO/09/237). Tuttavia, oltre 20 mesi dopo la selezione da parte della Commissione dei due operatori chiamati a fornire tali servizi a livello paneuropeo, 21 Stati membri non hanno ancora adottato tutte le norme nazionali necessarie per favorire l'applicazione degli stessi. Recentemente la vicepresidente Kroes ha invitato anche i due operatori prescelti a intensificare i loro sforzi. L'Agenda digitale per l'Europa (cfr. IP/10/581, MEMO/10/199 e MEMO/10/200) ha sottolineato il ruolo cruciale della banda larga senza fili (sia satellitare che terrestre) per garantire la copertura della banda larga anche nelle zone remote e rurali.

Neelie Kroes, ha dichiarato: "È opportuno che gli Stati membri adottino urgentemente tutte le misure necessarie per garantire l'introduzione in tutta l'UE dei servizi mobili via satellite, che hanno un ruolo cruciale per fornire servizi innovativi alle imprese e ai cittadini europei, anche nelle zone remote o rurali, e conseguire gli obiettivi dell'agenda digitale, ovvero garantire a tutti i cittadini europei la disponibilità della banda larga.

21 Stati membri non hanno ancora adottato tutte le misure legislative per consentire a Inmarsat Ventures Limited e Solaris Mobile Limited, i due operatori selezionati nel maggio 2009 per fornire servizi mobili via satellite a livello paneuropeo, di offrire tali servizi a partire dal maggio 2011.

La vicepresidente Kroes ha scritto in data odierna ai 21 Stati membri in parola invitandoli a rimuovere le residue incertezze giuridiche, relative ad esempio alla struttura tariffaria delle licenze, e ad adottare senza indugio tutte le necessarie misure di attuazione. I 21 Stati membri in parola sono: Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Ungheria.

Contesto

La Commissione ha proposto di istituire un unico processo di selezione e autorizzazione dei servizi mobili via satellite a livello UE per facilitare la creazione di un mercato unico di tali servizi e massimizzarne le potenzialità a beneficio dei cittadini e delle imprese.

Questo approccio è stato approvato il 30 giugno 2008 dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei ministri dell'UE con l'adozione di una decisione sulla procedura di selezione per i servizi mobili via satellite da organizzarsi a livello europeo (IP/07/1243). che ha definito un processo di autorizzazione e selezione per garantire un'introduzione coordinata di tali servizi nell'UE. Il 13 maggio 2009 la Commissione ha selezionato le società Inmarsat Ventures Limited e Solaris Mobile Limited quali operatori per i servizi mobili via satellite nell'Unione europea (MEMO/09/237).

Per maggiori informazioni:

Lo studio sulle misure adottate dagli Stati membri per l'introduzione dei servizi mobili via satellite è consultabile al seguente indirizzo web:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/ecomm/current/pan_european/index_en.htm

Il sito internet di Neelie Kroes:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/kroes/

Il sito internet dell'Agenda digitale:

http://ec.europa.eu/information_society/digital-agenda/index_en.htm

Allegato

Strutture di autorizzazione negli Stati membri (dicembre 2010)

Stato membro

1. Struttura completa

2. Riconosciuta come incompleta

3.

Nessuna informazione (si presume incompleta)

4

Conclusione dello studio: incompleta (in aggiunta alla categoria 2)

Osservazioni – Quali lacune?

AT

BE

Assenza della struttura CGC

BG

Assenza di informazioni

CY

Determinazione degli oneri incompleta

CZ

Norme generali incomplete – determinazione prevista entro maggio 2011

DK

DE

Assenza di disposizioni relative alla funzione CGC non repeater

EE

EL

Assenza di informazioni tranne l'indicazione che tutti gli aspetti sono oggetto di studio

FI

FR

Rilasciata la principale licenza per i servizi mobili via satellite e autorizzate le prove della struttura CGC a livello regionale; assenza di disposizioni relative alla funzione CGC non repeater, in attesa di consultazioni sulla funzione gap filler

HU

Struttura tariffaria incompleta – ma struttura tariffaria e di applicazione complesse (informazioni non confermate dalla ANR)

IE

Consultazioni in corso

IT

Nessuna pubblicazione ufficiale; assenza di regolamentazioni specifiche – nessuna procedura completata

LV

Durata, termini e condizioni non specificati prima della presentazione di una domanda

LT

Durata, termini e condizioni non specificati prima della presentazione di una domanda

LU

Regolamentazione CGC in corso di definizione

MT

Durata, termini e condizioni non specificati – previsti per la fine 2010

NL

Struttura CGC non specificata – prevista tra la fine del 2010 e i primi mesi del 2011

PL

Durata, termini e condizioni non specificati prima della presentazione di una domanda; assenza di disposizioni relative alla funzione CGC non repeater

PT

Consultazioni non ancora avviate

RO

NB: tariffe estremamente elevate

SK

Tariffe MSS e CGC in fase di definizione

SI

Struttura di tariffazione incompleta

ES

Parziale

Regolamentazione CGC in fase di definizione (adozione della pertinente legislazione in corso)

SE

UK

Parziale

Principale strumento di regolamentazione adottato; in corso l'adozione di altri tre strumenti di regolamentazione per i terminali CGC e la struttura tariffaria

Totale (incluso il completamento parziale)

6

Più UK = 7

9

1

  • 11

Meno UK = 10

Conclusioni: sei o forse sette strutture nazionali di regolamentazione sono state completate e consentono di garantire tutta la gamma di servizi mobili via satellite

CGC = componenti terrestri complementari (complementary ground components) utilizzati per trasmettere i segnali satellitari, ad esempio in zone nelle quali la presenza di grandi edifici o di ostacoli naturali può impedire o disturbare la ricezione dei segnali.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website