Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES NL PT EL CS HU PL SL BG RO

Commissione europea — c omunicato stampa

Agenda digitale: la Commissione sollecita 16 Stati membri ad attuare le nuove norme UE in materia di telecomunicazioni

Bruxelles, 24 novembre 2011 — La Commissione europea ha inviato una comunicazione scritta a 16 Stati membri che, sei mesi dopo il termine previsto (25 maggio 2011), non hanno ancora pienamente recepito nel diritto interno la nuova normativa unionale in materia di telecomunicazioni. Un'attuazione parziale di tale normativa nei 16 Stati membri limita di fatto i diritti dei consumatori. Le norme in parola garantiscono ai consumatori dell'Unione europea nuovi diritti in materia di telefonia fissa, servizi mobili e accesso a internet. Ad esempio, il diritto di cambiare operatore telefonico in un giorno senza dover cambiare numero e il diritto di ottenere informazioni chiare sulle pratiche di gestione del traffico dati utilizzate dai fornitori di servizi internet. Le nuove norme garantiscono inoltre una migliore protezione della vita privata e dei dati personali online (cfr. IP/11/622 , MEMO/11/319 , MEMO/11/320 e MEMO/11/321 ).

La Commissione ha inviato oggi le proprie richieste in forma di "parere motivato". Gli Stati membri che omettano di recepire integralmente la nuova normativa rischiano di essere deferiti alla Corte di giustizia dell'Unione europea e di vedersi comminare sanzioni pecuniarie. I 16 Stati membri sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Romania, Slovenia, Spagna e Ungheria.

Contesto

Per applicare integralmente le nuove norme gli Stati membri devono recepire nel diritto interno due nuove direttive UE: la direttiva "legiferare meglio" e la direttiva sui diritti dei cittadini, che insieme hanno modificato cinque direttive UE in vigore (le direttive quadro, accesso, autorizzazioni, servizio universale e e-Privacy). Benché in tutti gli Stati membri dell'UE sia in corso l'iter legislativo e la maggioranza di essi abbia informato la Commissione in merito ad alcune misure attuative, solo sette Stati membri (Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Malta, Svezia e Regno Unito) hanno dato piena attuazione alla normativa entro il termine del 25 maggio 2011.

Nel luglio 2011 la Commissione aveva scritto a 20 Stati membri chiedendo ulteriori informazioni sul processo di attuazione (cfr. IP/11/905 ). Nel frattempo, Lettonia, Lituania, Lussemburgo e Repubblica slovacca hanno comunicato alla Commissione di aver attuato pienamente la normativa in parola.

Link utili:

Per ulteriori informazioni sui procedimenti di infrazione dell'UE, cfr. MEMO/11/824

Un riepilogo dei procedimenti di infrazione in materia di telecomunicazioni è disponibile nel sito:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/ecomm/implementation_enforcement/infringement/

Sito internet dell 'Agenda digitale:

http://ec.europa.eu/information_society/digital-agenda/index_en.htm

Contatti:

Ryan Heath (+32.2.2961716) Twitter: @ECspokesRyan

Linda Cain (+32.2.2999019)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website