Navigation path

Left navigation

Additional tools

Dogane: l'Italia deve rivedere la prassi giudiziaria di sgravio e rimborso dei dazi

European Commission - IP/11/1423   24/11/2011

Other available languages: EN FR DE

Commissione europea – Comunicato stampa

Dogane: l'Italia deve rivedere la prassi giudiziaria di sgravio e rimborso dei dazi

Bruxelles, 24 novembre 2011 – La Commissione europea ha formalmente chiesto all'Italia di introdurre adeguate procedure di ricorso per le domande di sgravio o rimborso dei dazi doganali.

In alcuni casi l'Italia non consente una revisione giudiziaria delle decisioni negative sulle richieste di sgravio o rimborso dei dazi doganali. Secondo il massimo livello di giurisprudenza italiana, considerando le circostanze speciali nelle quali vengono prese, queste decisioni non possono essere contestate perché ritenute di natura politica.

Conformemente all'articolo 239 del Codice doganale dell'Unione europea, le imprese che si trovano in condizioni particolari possono chiedere uno sgravio o un rimborso dei dazi versati, presentando richiesta all'ufficio doganale nazionale. Tuttavia, se le imprese intendono fare ricorso contro una decisione negativa dell'autorità doganale italiana, lo Stato non riconosce loro la tutela giudiziaria per qualunque decisione relativa a questa materia.

L'articolo 234 del Codice doganale UE e i principi generali del diritto unionale prevedono invece il diritto di ricorso contro qualunque decisione presa da un'autorità doganale nazionale. La Commissione ritiene che non vi possano essere eccezioni a questa norma e che le imprese debbano poter contestare qualunque tipo di decisione non favorevole. Essendo questo un pilastro fondamentale dell'ordinamento giuridico dell'UE, la prassi di cui sopra si configura come una violazione del diritto unionale da parte dell'Italia.

La Commissione ha inoltrato la propria richiesta sotto forma di parere motivato, avviando così la seconda fase del procedimento d'infrazione. Se le autorità italiane non dovessero porre rimedio alla situazione attuale entro due mesi, la Commissione europea potrebbe decidere di deferire l'Italia alla Corte di giustizia dell'UE.

Per i comunicati stampa sui procedimenti di infrazione in campo fiscale o doganale, si veda:

http://ec.europa.eu/taxation_customs/common/infringements/infringement_cases/index_en.htm

Per ulteriori informazioni sui procedimenti di infrazione dell’UE, cfr. MEMO/11/824.

Per informazioni generali aggiornate sui procedimenti di infrazione avviati nei confronti degli Stati membri, si veda:

http://ec.europa.eu/eu_law/infringements/infringements_decisions_it.htm

Contatti:

Emer Traynor (+32 2 292 15 48)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website