Navigation path

Left navigation

Additional tools

Migliore sicurezza dei prodotti in nove settori industriali

European Commission - IP/11/1385   21/11/2011

Other available languages: EN FR DE PL

Commissione europea – Comunicato stampa

Migliore sicurezza dei prodotti in nove settori industriali

Bruxelles, 21 novembre 2011. Nove direttive UE riguardanti un'ampia varietà di prodotti garantiranno una migliore sicurezza degli stessi. I settori interessati sono quelli dei prodotti elettrici ed elettronici, degli ascensori, degli strumenti di misura, degli esplosivi per uso civile, degli articoli pirotecnici e degli apparecchi destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva.

I funzionari doganali e quelli preposti alla sorveglianza del mercato sono ora in grado di effettuare migliori controlli sulla sicurezza dei prodotti, grazie a strumenti più efficaci. Inoltre, gli Stati membri possono assicurare una migliore supervisione degli organismi di controllo che verificano la conformità dei prodotti alla normativa UE, ad esempio assicurando che la marcatura CE sia stata correttamente apposta dai fabbricanti.

Talune disposizioni (cfr. più sotto) delle nove direttive sono in fase di adeguamento a disposizioni tipo elaborate a livello UE per superare le divergenze nel diritto UE che sono fonte di difficoltà per le imprese. In futuro, produttori, importatori e distributori beneficeranno di condizioni commerciali uniformi. Al tempo stesso, questo processo migliorerà ulteriormente la sicurezza dei prodotti in vendita nell'UE rafforzando le procedure di conformità e faciliterà l'esclusione dal mercato dei prodotti non conformi.

Il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l'industria e l'imprenditorialità, ha dichiarato: "La sicurezza dei prodotti è la nostra priorità. Inoltre, produttori e distributori trarranno vantaggio da una maggiore fiducia dei consumatori. Le normative UE stanno diventando sempre più uniformi, il che comporta una riduzione degli oneri e dei costi amministrativi. Tuttavia, rafforzare le norme non basta . È anche necessario che gli Stati membri garantiscano una maggiore sorveglianza del mercato, scoraggiando gli operatori di mercato senza scrupoli".

Per ulteriori informazioni (in inglese):

http://ec.europa.eu/enterprise/policies/single-market-goods/regulatory-policies-common-rules-for-products/new-legislative-framework/index_en.htm

Contesto

Le modifiche apportate alle nove direttive in fase di adeguamento si riferiscono alle definizioni (ad esempio "fabbricante", "rendere disponibile sul mercato", "marcatura CE"), agli obblighi degli operatori economici, ai requisiti in materia di rintracciabilità, agli organismi e alle procedure di valutazione della conformità, alla marcatura CE e così via.

Obblighi per fabbricanti, importatori e distributori

Tutti i prodotti nei nove settori commercializzati nell'UE devono recare una marcatura CE di conformità , con la quale il fabbricante dichiara che essi soddisfano tutti i requisiti essenziali delle direttive applicabili. I prodotti recanti la marcatura CE beneficiano della libera circolazione all'interno dello Spazio economico europeo (SEE).

Prima di ottenere la marcatura CE, il fabbricante è tenuto ad effettuare una valutazione della sicurezza e della conformità . Il fabbricante deve produrre una quanto più completa documentazione tecnica per i prodotti ed è tenuto a garantirne la rintracciabilità.

Gli importatori devono verificare se i fabbricanti hanno effettuato correttamente la valutazione della conformità dei prodotti e, ove necessario, eseguire prove a campione.

I nove settori industriali interessati dall'adeguamento

La Commissione propone di adeguare le seguenti direttive, tutte volte a garantire la libera circolazione delle merci nei settori interessati:

Il nuovo quadro legislativo per la commercializzazione dei prodotti è entr ato in vigore il 1°gennaio 2010. Volto a migliorare il funzionamento del mercato interno delle merci, il suo obiettivo principale è di salvaguardare la sicurezza dei cittadini e ridurre il numero dei prodotti che non soddisfano la normativa UE sul mercato. Un ulteriore obiettivo è di migliorare la qualità del lavoro affidato ad organismi preposti ad effettuare prove e rilasciare certificazioni sui prodotti. Il quadro di riferimento dovrebbe inoltre assicurare una maggiore coerenza dell'intero quadro regolamentare per i prodotti nonché semplificarne l'applicazione.

Persona da contattare:

Carlo Corazza +32 2 295 17 52


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website