Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/11/136

Bruxelles, 8 febbraio 2011

I costruttori di telefoni cellulari presentano il caricabatteria universale

Non vi è mai capitato di non poter utilizzare il caricabatteria di un amico o di un collega perché incompatibile con il vostro cellulare? Presto questa fastidiosa situazione sarà solo un ricordo. Da anni la Commissione europea porta avanti una semplice idea: un caricatore universale compatibile con i telefoni di tutte le marche. Grazie alla cooperazione tra quattordici case costruttrici e la Commissione europea, l'idea è finalmente diventata realtà: onechargerforall.eu. Il 29 dicembre 2010 sono state pubblicate le nuove norme tecniche per i telefoni cellulari "data-enabled". Il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani riceve oggi dalle mani di Bridget Cosgrave, direttore generale di DIGITALEUROPE, la principale associazione che rappresenta l'industria europea delle tecnologie digitali, un esemplare del caricabatteria universale compatibile.

Sono molto lieto che il caricabatteria per cellulari basato sul nuovo standard europeo abbia visto la luce. È davvero una buona notizia per il consumatore europeo. Ora speriamo di vedere arrivare presto nei negozi i nuovi caricatori e i cellulari compatibili. Invito l'industria ad accelerare i tempi della messa sul mercato, in modo che i cittadini europei possano godere al più presto dei vantaggi offerti dal caricabatteria unico” - ha dichiarato Il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l'industria e le imprese.

Oggi prende il via la fase finale di un processo che è stato messo in moto dalla Commissione europea. L'appoggio della Commissione ha permesso ai costruttori di far beneficiare i consumatori europei di questo progresso in tempi relativamente brevi. La soluzione del caricabatteria unico è stata dettata dal semplice buon senso, non c'è stato bisogno di nuovi regolamenti. La Commission europea collaborerà con l'industria per far sì che i consumatori europei possano approfittare il più presto possibile dei frutti di questa iniziativa.

La pubblicazione degli standard nel dicembre 2010 permette ora ai costruttori di procedere alle modifiche di progettazione e collaudo necessarie a garantire la sicurezza e l'interoperabilità dei telefoni mobili compatibili. I cellulari compatibili "data-enabled" delle diverse marche potranno funzionare con un unico caricatore universale, un grande passo in avanti per gli utenti. I quattordici costruttori hanno deciso di immettere sul mercato europeo i nuovi caricabatteria universali nel corso del 2011.

Il caricabatteria unico è la dimostrazione concreta di come la standardizzazione possa facilitare la vita degli europei. La Commissione promuove la standardizzazione perché la considera uno strumento che permette di sfruttare le potenzialità offerte dal mercato unico, come è indicato nella relazione annua sulla crescita del gennaio 2011.

Perché e come

L'incompatibilità dei caricabatteria per telefoni cellulari, oltre a causare inconvenienti agli utenti, rappresenta per l'Unione europea anche un serio problema ambientale. Quando si cambia cellulare, spesso si è costretti ad acquistare un nuovo caricabatteria, anche se quello vecchio funziona ancora perfettamente.

Accogliendo la richiesta della Commissione europea, quattordici case costruttrici di telefoni cellulari hanno sottoscritto un accordo col quale si impegnano ad uniformare secondo uno standard comune i caricatori per telefoni cellulari "data-enabled" venduti nell'UE. Le case che hanno firmato l'accordo sono Apple, Emblaze Mobile, Huawei Technologies, LGE, Motorola Mobility, NEC, Nokia, Qualcomm, Research In Motion (RIM), Samsung, Sony Ericsson, TCT Mobile (ALCATEL), Texas Instruments e Atmel.

Su mandato della Commissione europea gli organismi europei di standardizzazione CEN-CENELEC e ETSI hanno stabilito gli standard armonizzati cui si uniformeranno a partire dal 2011 i telefoni cellulari "data-enabled" compatibili con il nuovo caricatore universale, che utilizza la tecnologia del connettore Micro-USB. Per i telefoni che non dispongono di un'interfaccia Micro-USB l'accordo prevede un adattatore.

L'accordo riguarda i telefoni mobili "data-enabled", che possono essere collegati a un computer per scambiare ad esempio immagini, file e musica. Questi telefoni sono già ora predominanti sul mercato. Rientrano in questa categoria anche i cosiddetti "smartphone" o cellulari "intelligenti".

Per maggiori informazioni:

One charger for all

Vedi anche:

http://www.youtube.com/watch?v=jIyo29pjgDI&feature=player_profilepage


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website