Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Autres langues disponibles: FR EN DE

Commissione europea – Comunicato stampa

Fondo di solidarietà della UE: La Commissione propone di destinare 16,9 milioni alla Regione Veneto (Italia) a seguito delle gravi inondazioni che l’hanno colpita

Bruxelles, 17 novembre 2011 - Johannes Hahn, commissario europeo per la politica regionale, ha oggi confermato la proposta della Commissione di stanziare 16,9 milioni di euro a favore della regione Veneto (Italia) per fronteggiare le conseguenze delle piogge torrenziali cadute dell’ottobre 2010. La sovvenzione sarà versata attraverso il Fondo di solidarietà dell’Unione europea (FSUE). Essa aiuterà le autorità pubbliche a sostenere le spese causate dall’emergenza, soprattutto per ripristinare infrastrutture essenziali.

Johannes Hahn, commissario UE, responsabile del Fondo di solidarietà, ha dichiarato: “La solidarietà non è una parola vuota in Europa. L’accordo odierno dà un contenuto concreto al sostegno che possiamo fornire al Veneto, colpito da gravi inondazioni lo scorso anno. Ciò aiuterà l’Italia a compensare i costi relativi a misure di emergenza e a migliorare le condizioni di vita della popolazione colpita da questo tremendo evento naturale.”

Tra il 31 ottobre e il 2 novembre 2010, il Veneto, regione dell’Italia nordorientale, è stata colpita da piogge torrenziali. Gli effetti di queste precipitazioni straordinariamente abbondanti sono stati aggravati dallo “scirocco”, un vento caldo del Mediterraneo, che ha sciolto le nevi delle vicine montagne. Questo fenomeno meteorologico ha provocato la rottura degli argini dei fiumi e l’inondazione di una vasta zona, causando danni alla rete stradale, alle infrastrutture, all’agricoltura, alle imprese e alle zone residenziali.

Le autorità italiane hanno completato nell’agosto del 2011 la domanda iniziale di assistenza al FSUE presentata nel gennaio 2011. La Commissione ha riconosciuto danni per un ammontare di 676,4 milioni di euro, Pur essendo tale importo inferiore alla normale soglia d’intervento del Fondo di solidarietà della UE (0,6% del reddito nazionale lordo, pari a 3,5 miliardi di euro per l’Italia), la Commissione ha potuto mobilitare il Fondo ricorrendo alla clausola delle “catastrofi regionali straordinarie”. Essa permette alla Commissione di intervenire se una regione viene colpita da una catastrofe straordinaria, che coinvolga la maggior parte della popolazione, con gravi e durevoli ripercussioni sulle condizioni di vita dei cittadini e sulla stabilità economica della regione stessa.

La richiesta sottolinea il danno alle proprietà private, alle infrastrutture vitali (come l’autostrada A4), alle imprese, all’agricoltura e al patrimonio culturale, concentrato nel bacino del fiume Bacchiglione. In seguito all’alluvione, sono a rischio 40 400 imprese , di esse 9 900 sono piccole imprese, che occupano 250 000 persone circa.

Contesto

Per consentire il versamento della sovvenzione a favore della Regione Veneto, la Commissione chiede all’autorità di bilancio (il Parlamento europeo e gli Stati membri dell’UE) di approvare un bilancio rettificativo a integrazione del bilancio dell’Unione relativo all’anno in corso.

Questa proposta di finanziamento dell’UE contribuirà a coprire i costi di misure urgenti adottate dalle autorità italiane: ripristino di infrastrutture, servizi di alloggiamento e di soccorso, infrastrutture di prevenzione (come il miglioramento dei livelli di sicurezza del sistema di gestione delle acque), bonifica delle zone colpite, ecc. Il finanziamento non può tuttavia essere usato per risarcire danni privati.

Il Fondo di solidarietà dell’UE (FSUE) è stato istituito in seguito alle inondazioni che hanno colpito l’Europa centrale nell’estate 2002. Esso concede aiuti di emergenza agli Stati membri e ai paesi in via di adesione colpiti da catastrofi naturali gravi. La sua dotazione annuale ammonta a 1 miliardo di euro.

Il 6 ottobre 2011, la Commissione ha pubblicato una comunicazione in cui propone di rendere il FSUE più semplice e chiaro, più rapido nella risposta e più visibile di fronte ai cittadini. Terminate le consultazioni con gli Stati membri, il Parlamento europeo e altre parti interessate, la comunicazione potrebbe successivamente portare a una proposta legislativa.

Per ulteriori informazioni:

http://ec.europa.eu/regional_policy/thefunds/solidarity/index_en.cfm

Contatti :

Ton Van Lierop (+32 2 296 65 65)

Marie-Pierre Jouglain (+32 2 298 44 49)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site