Navigation path

Left navigation

Additional tools

Soddisfazione della Commissione europea per il sito web multilingue di informazione del cittadino sulle successioni in Europa

European Commission - IP/10/844   28/06/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/844

Bruxelles, 28 giugno 2010

Soddisfazione della Commissione europea per il sito web multilingue di informazione del cittadino sulle successioni in Europa

La libera circolazione è uno dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Sono più o meno nove milioni i cittadini europei che esercitano oggi questo dritto vivendo all'estero. Ogni anno nell'UE si aprono circa 450 000 successioni internazionali, per un valore di oltre 120 miliardi di euro. Le famiglie, che sono titolari di beni come la casa o il conto corrente, si scontrano con la diversità delle regole che nei 27 Stati membri dell'UE disciplinano la competenza giurisdizionale e la legge applicabile. Ad esempio, in caso di morte di un cittadino britannico proprietario di una casa nel sud della Francia, come sapere se si applica il diritto successorio francese o quello britannico? Proprio per aiutare i cittadini a conoscere meglio la legge, il consiglio dei notariati dell'Unione europea, con il sostegno della Commissione europea, ha inaugurato oggi il sito web dedicato www.successions-europe.eu in 22 lingue dell'UE e in croato. La Commissione si compiace di questo nuovo e prezioso strumento per i cittadini.

"Per i cittadini che esercitano il diritto di vivere in un altro Stato membro non è facile sapere quale legge nazionale si applica alle successioni. Questo sito web segna un importante passo avanti nell'accesso dei cittadini ai propri diritti", ha dichiarato la Vicepresidente Reding, Commissaria responsabile per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza.

Il sito risponde alle principali domande che può sollevare una successione. I cittadini sapranno così qual è l’autorità competente, quale il diritto applicabile, se è possibile scegliere la legge applicabile e chi sono gli eredi. Per gli operatori del diritto il sito contiene inoltre relazioni dettagliate sul diritto successorio in francese, inglese e tedesco.

Il costo totale del progetto è di quasi 280 000 euro; la Commissione ha contribuito per circa 158 400 euro.

Contesto

Il 14 ottobre 2009 la Commissione ha proposto un regolamento per semplificare la disciplina delle successioni internazionali. Il regolamento prevede un criterio unico per determinare nel contempo la competenza giurisdizionale e la legge normalmente applicabile a una successione transfrontaliera: la residenza abituale del defunto. I cittadini residenti all'estero potranno tuttavia scegliere di sottoporre l'intera successione alla legge dello Stato di cui hanno la cittadinanza.

La proposta è un esempio del lavoro svolto dall’Unione per istituire uno spazio di giustizia che faciliti la vita quotidiana dei cittadini, come ha dichiarato la Vicepresidente Reding nel comunicato stampa del 20 aprile 2010 sul piano d'azione per il 2010-2014.

Nella riunione del 4 giugno 2010 a Lussemburgo, i ministri della Giustizia dell'UE hanno sottolineato l'importanza del regolamento proposto. I negoziati sono in corso al Consiglio.

Per ulteriori informazioni

Sala stampa online Giustizia e affari interni:

http://ec.europa.eu/justice_home/news/intro/news_intro_en.htm

Homepage di Viviane Reding, Vicepresidente e Commissaria per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/reding/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website