Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/785

Bruxelles, 23 giugno 2010

Diritti di proprietà intellettuale: il Parlamento e la Commissione designano i vincitori del concorso "Veri falsi"

Oggi il commissario per il Mercato interno e i servizi Michel Barnier ed alcuni europarlamentari hanno designato i vincitori del concorso per le scuole "Veri falsi". Il concorso, indetto dal Parlamento europeo e dalla Commissione europea, era finalizzato all'elaborazione di un logo per l'Osservatorio europeo sulla contraffazione e la pirateria nonché di poster, cortometraggi, giochi e altro materiale su contraffazione e pirateria. Questa è stata la prima iniziativa nell'ambito di una più ampia campagna di sensibilizzazione che l'UE sta avviando per informare gli Europei dei pericoli posti dalle merci contraffatte e usurpative e dei loro effetti nocivi per i consumatori e l'economia. I vincitori sono stati invitati a partecipare a una solenne cerimonia di premiazione presso il Parlamento europeo a Bruxelles.

Il commissario per il Mercato interno e i servizi Michel Barnier ha dichiarato: "Sono lieto di constatare che i giovani hanno mostrato un forte interesse per questi temi partecipando al concorso. Tutti, a prescindere dall'età, possiamo dare un contributo alla lotta al commercio dei prodotti falsi e abusivi, che rappresentano una minaccia per la nostra sicurezza e la nostra salute personale ed economica. È di vitale importanza sviluppare insieme iniziative come questa per contribuire a combattere questo fenomeno deleterio. È fondamentale sensibilizzare ed informare i giovani dei pericoli che l'acquisto e l'uso di prodotti falsi comportano. Questo concorso dimostra che i messaggi sulla tutela e il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale non devono essere necessariamente repressivi e possono anzi essere simpatici e divertenti: ciò permette di favorire una migliore comprensione del fenomeno da parte della nuova generazione di consumatori dell'Unione europea".

Il concorso "Veri falsi", destinato agli studenti di età compresa tra i 10 e i 15 anni, si è svolto in tutta l'UE dal mese di marzo al mese di giugno 2010. Ai giovani di tutta l'Europa è stata data l'opportunità di produrre poster, cortometraggi, giochi, cartoni animati o altro materiale didattico per illustrare le conseguenze della contraffazione e della pirateria. In alternativa, i partecipanti potevano cimentarsi nella creazione di un logo per l'Osservatorio europeo sulla contraffazione e la pirateria.

Centinaia di scuole di tutta Europa hanno partecipato al concorso inviando i propri elaborati, che sono stati sottoposti al vaglio di una giuria indipendente.

  • I vincitori della 1a categoria per il miglior logo/poster per l'Osservatorio europeo sulla contraffazione e la pirateria, da utilizzare su tutto il materiale futuro dell'Osservatorio, sono:

1° posto – 1° Istituto superiore di Triandria (Grecia);

2° posto – IES Sabinar-Roquetas de Mar (Almeria, Spagna);

3° posto – Gimnazjum z Oddziałami Integracyjnymi nr 4 im. Orła Białego w Słupsku (Polonia).

  • I vincitori della 2a categoria per il miglior video sono:

1° posto – Vörösmarty Mihály Általános Iskola és Alapfokú Művészetoktatási Intézmény (Ungheria);

2° posto – Gymnázium Nymburk (Repubblica ceca);

3° posto – Gimnazjum w Jasienicy (Polonia).

I premi assegnati vanno dalle apparecchiature informatiche per le scuole a console, giochi, abbigliamento sportivo e materiale didattico per i ragazzi.

Tutti i vincitori sono stati invitati a Bruxelles, dove sono stati premiati da tre europarlamentari di spicco (Edit Herczog, Bill Newton Dunn e Andreas Schwab) e dal commissario per il Mercato interno e i servizi Michel Barnier. Erano presenti alla cerimonia anche la stilista ed ex modella Yasmin Le Bon, il vicepresidente dell'Unifab Philipe Lacoste e il cantautore Alain Chamfort, che si sono congratulati con le scuole vincitrici. Il presidente del Parlamento europeo Jerzy Buzek ha visitato la mostra sui prodotti contraffatti e abusivi organizzata in occasione dell'evento.

Contraffazione e pirateria

Negli ultimi dieci anni l'esplosione planetaria dei fenomeni della contraffazione e della pirateria è diventata una delle minacce più gravi per l'imprenditoria mondiale. Se vent'anni fa la contraffazione poteva essere considerata un problema capace di affliggere per lo più le case produttrici di abiti, orologi e borsette di lusso, oggi i contraffattori hanno esteso la propria attività non solo agli apparecchi elettrici, ai ricambi per autoveicoli e ai giocattoli, ma anche ai medicinali. Secondo i dati più recenti pubblicati dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (OCSE), si stima che il commercio internazionale delle merci contraffatte e usurpative abbia raggiunto il valore di 250 miliardi di USD nel 2007. Nel 2008 i funzionari delle dogane dell'UE hanno intercettato oltre 178 milioni di articoli contraffatti e abusivi (nel 2007 erano stati sequestrati 79 milioni di articoli). Per il sesto anno consecutivo è in aumento il numero di casi in cui sono intervenute le autorità doganali.

L'Osservatorio

Istituito dalla Commissione europea nel 2009, l'Osservatorio sulla contraffazione e la pirateria ha il compito di accrescere la collaborazione tra l'industria, le amministrazioni pubbliche e i consumatori nella lotta alla contraffazione e alla pirateria. L'Osservatorio funge da piattaforma per permettere lo scambio di esperienze, la sensibilizzazione dei consumatori e la condivisione delle migliori pratiche sulle tecniche di contrasto. Rappresenta una risorsa preziosissima in grado di raccogliere, monitorare e comunicare dati e informazioni essenziali, che miglioreranno le conoscenze disponibili nell'UE sui pericoli della contraffazione e della pirateria.

Per ulteriori informazioni:

http://ec.europa.eu/internal_market/iprenforcement/observatory/real_fake_competition_en.htm

MEMO/10/272


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website