Navigation path

Left navigation

Additional tools

Prima riunione del nuovo organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche

European Commission - IP/10/62   28/01/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/62

Bruxelles, 28 gennaio 2010

Prima riunione del nuovo organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche

Oggi si apre una nuova era per le telecomunicazioni nell 'Unione europea: i regolatori delle telecomunicazioni dei 27 Stati membri dell'Unione si incontreranno infatti per la prima volta a Bruxelles come membri del nuovo Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC). Questo nuovo organismo è stato istituito nel dicembre 2009 in concomitanza con l'adozione della nuova normativa in materia di telecomunicazioni da parte del Consiglio e del Parlamento europeo. In un contesto europeo caratterizzato dall'esistenza di 12 imprese di telefonia fissa e 10 di telefonia mobile che offrono servizi in più Stati membri e di centinaia di fornitori di servizi ad attività transnazionale, il BEREC ha un ruolo chiave per il rafforzamento del mercato unico delle telecomunicazioni e la promozione di una normativa coerente in tutta Europa. Assistito da un ufficio dotato di personale competente, il nuovo organismo europeo delle telecomunicazioni contribuirà in particolare a garantire pari condizioni di concorrenza nel mercato unico delle telecomunicazioni. Si pensi che nel 2008 le entrate del settore europeo delle telecomunicazioni sono ammontate a 351 miliardi di euro.

" La creazione del nuovo organismo europeo rappresenta una pietra miliare per le telecomunicazioni in Europa", ha affermato Viviane Reding, commissaria europea alle telecomunicazioni, che ne aveva proposto la creazione nel 2007 . " Tutte le istituzioni, Parlamento, Consiglio e Commissione, sono state d'accordo sulla necessità di creare questo nuovo organismo per il mercato unico europeo delle telecomunicazioni . Il BEREC aiuterà i regolatori nazionali e la Commissione europea a stabilire norme coerenti e condizioni di concorrenza uniformi in tutta l'Unione, a rafforzare i servizi europei delle telecomunicazioni, in rapida evoluzione in settori come le connessioni mobili a internet, e a dare impulso alla ripresa economica in Europa."

" La prima riunione del BEREC costituisce un passo importante verso una maggiore competitività sul mercato delle telecomunicazioni in Europa. Mi auguro di assistere al più presto a progressi concreti nello sviluppo del mercato unico europeo delle telecomunicazioni, con ricadute positive per i 500 milioni di cittadini europei ", ha affermato Neelie Kroes, commissaria europea alla concorrenza.

Il nuovo organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche fornirà consulenze sul funzionamento del mercato europeo delle telecomunicazioni e fungerà da orientamento, sostegno e complemento al lavoro indipendente dei regolatori nazionali delle telecomunicazioni, in particolare per l'adozione di decisioni di regolamentazione di portata transfrontaliera.

Il BEREC è composto dai dirigenti dei 27 organismi nazionali delle telecomunicazioni ed è assistito da un ufficio che fornisce il necessario s upporto professionale e amministrativo. La maggior parte delle decisioni saranno adottate alla maggioranza dei due terzi e a maggioranza semplice nel caso dei pareri richiesti al BEREC nell'ambito dell'analisi delle misure notificate alla Commissione dai regolatori razionali.

Il BEREC si sostituisce al "gruppo dei regolatori europei" che riuniva i regolatori nazionali e poteva funzionare solo all'unanimità, senza essere coinvolto nel processo di regolamentazione a livello UE.

Le prossime tappe

La decisione definitiva sulla sede dell 'ufficio del BEREC, che richiederà l'accordo tra i governi dei 27 Stati membri, non è ancora stata presa e fino a quel momento l'ufficio del BEREC si insedierà in via provvisoria a Bruxelles.

Contesto

Grazie alla riforma del settore europeo delle telecomunicazioni ( MEMO/09/568 ), 500 milioni di cittadini europei possono oggi giovarsi di una scelta più ampia, favorita da una maggiore concorrenza sul mercato delle telecomunicazioni, oltre che di una più ampia copertura di connessioni internet veloci in banda larga in tutto il territorio dell'Unione e di una maggiore protezione della vita privata dei consumatori nelle comunicazioni elettroniche. Il nuovo organismo dei regolatori delle telecomunicazioni BEREC entra in funzione da oggi, mentre il recepimento dell'intero pacchetto di riforma delle telecomunicazioni nelle legislazioni nazionali dei 27 Stati membri è previsto entro giugno del 2011.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website