Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/603

Bruxelles, 25 maggio 2010

Giornata internazionale dei bambini scomparsi: la Commissione europea sollecita l'attivazione della linea gratuita 116 000 negli Stati membri

Oggi, in occasione della giornata internazionale dei bambini scomparsi, le vicepresidenti della Commissione Viviane Reding, responsabile per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza, e Neelie Kroes, responsabile per l'Agenda digitale, hanno esortato gli Stati membri a intensificare gli sforzi per approntare sistemi di allerta minori e ad attivare il prima possibile la linea di assistenza telefonica diretta 116 000.

"La scomparsa di un minore è una tragedia che dobbiamo evitare con qualsiasi mezzo. Per questo la Commissione ha creato la linea telefonica diretta 116 000 che permette di segnalare la scomparsa di minori e fornisce orientamento e sostegno alle famiglie in tutta Europa. Ma constato con rammarico che questo servizio è attivo solo in 11 Stati membri", ha dichiarato la vicepresidente Viviane Reding, commissaria per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza. "È difficile accettare il fatto che misure che potrebbero essere utili non sono ancora pienamente operative in tutta l'Unione. Se un minore scomparso tentasse di chiamare il 116 000 e in risposta ricevesse un messaggio preregistrato che lo informa che il servizio sarà attivo solo nel 2012 la tragedia sarebbe doppia. Mi appello agli Stati membri perché facciano il possibile per cambiare questa situazione".

La vicepresidente Neelie Kroes, responsabile per l'Agenda digitale, ha aggiunto: "Gli Stati membri sono tenuti non soltanto ad attivare il prima possibile la linea telefonica diretta per la segnalazione di minori scomparsi ma anche a informare i cittadini dell'esistenza di questo servizio".

L'UE ha già adottato le norme per garantire che in tutta l'Unione il numero 116 000 sia riservato alle linee per denunciare i casi di minori scomparsi e fornire orientamento e sostegno alle loro famiglie. Attualmente il servizio è operativo in 11 Stati membri (Belgio, Danimarca, Grecia, Francia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania e Slovacchia). Con l'adozione, nel novembre 2009, delle nuove norme europee in materia di telecomunicazioni, gli Stati membri sono tenuti a prendere i provvedimenti necessari per attivare la linea diretta 116 000 entro il 25 maggio 2011 (MEMO/09/491, IP/09/1812). La Commissione controllerà attentamente l'attuazione di tale obbligo, come avvenuto per il 112, il numero unico di emergenza che oggi funziona gratuitamente in tutta l'UE (IP/08/1968).

Per facilitare le ricerche di minori sottratti la Commissione promuove inoltre la creazione di sistemi transfrontalieri di allerta minori che consentono a chiunque di fornire alle autorità competenti informazioni in tempo reale. Questi sistemi sono attivi in 8 Stati membri (Paesi Bassi, Portogallo, Francia, Lussemburgo, Belgio, Grecia, Germania e Regno Unito).

Contesto

Il 15 febbraio 2007 la Commissione ha adottato una decisione che impone ai paesi UE di riservare il numero 116 000 alle linee di assistenza telefonica diretta per i minori nell'Unione (IP/07/188) e ha sollecitato più volte gli Stati membri perché il numero entrasse in funzione il più rapidamente possibile (IP/08/1129).

A marzo di quest'anno la Commissione ha adottato due proposte che prevedono nuove norme per combattere con efficacia ancora maggiore gli abusi sui minori, il loro sfruttamento sessuale e la pedopornografia. Queste nuove proposte garantiranno maggiore assistenza alle vittime e sanzioni più severe contro i responsabili dello sfruttamento sessuale dei minori e della tratta (IP/10/379).

Secondo le nuove norme sulle telecomunicazioni del 2009 (v. MEMO/09/513), in particolare l'articolo 27 bis della direttiva servizio universale modificata, gli Stati membri devono adoperarsi per garantire ai cittadini, entro il 25 maggio 2011, l'accesso a un servizio che operi una hotline per denunciare casi di minori scomparsi, disponibile sul numero "116 000". La medesima direttiva obbliga inoltre gli Stati membri a provvedere "affinché i cittadini vengano opportunamente informati circa l’esistenza e l’utilizzazione dei servizi forniti nell’ambito dell’arco di numerazione "116", in particolare mediante iniziative specificatamente destinate a persone che viaggiano tra gli Stati membri".

Per maggiori informazioni

Missing Children Europe:

http://www.missingchildreneurope.eu/

Sala stampa online Giustizia e affari interni:

http://ec.europa.eu/justice_home/news/intro/news_intro_en.htm

Homepage di Viviane Reding, vicepresidente e commissaria per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/reding/index_en.htm

Homepage di Neelie Kroes, vicepresidente e commissaria per l'Agenda digitale:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/kroes/index_en.htm

ANNEX

Countries where 116 000 is operational

Member State

Operational since

Belgium

May 2009

Denmark

February 2009

Greece

October 2008

France

May 2009

Hungary

June 2008

Italy

May 2009

The Netherlands

September 2008

Poland

March 2009

Portugal

September 2007

Romania

May 2009

Slovakia

May 2009


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website