Navigation path

Left navigation

Additional tools

Concentrazioni: la Commissione approva la joint venture tra TOTAL e ERG

European Commission - IP/10/600   21/05/2010

Other available languages: EN FR DE FI

IP/10/600

Bruxelles, 21 maggio 2010

Concentrazioni: la Commissione approva la joint venture tra TOTAL e ERG

La Commissione europea ha autorizzato, ai sensi del regolamento UE sulle concentrazioni, la concentrazione proposta tra le imprese italiane Total Italia e Erg Petroli (EGP) per la costituzione di una nuova joint venture che opererà nel settore dei prodotti petroliferi raffinati. Dall’esame dell'operazione la Commissione ha concluso che la concentrazione non è tale da ostacolare in maniera significativa la concorrenza effettiva nello Spazio economico europeo (SEE) o in una sua parte sostanziale.

TOTAL si occupa di tutti gli aspetti dell'industria petrolifera, comprese la raffinazione e la commercializzazione, ed opera in Italia attraverso la controllata Total Italia. Il gruppo ERG si occupa, tra l'altro, della commercializzazione dei prodotti petroliferi, principalmente in Italia, dove la sua controllata EGP gestisce una rete al dettaglio e all'ingrosso. La joint venture, controllata in comune dalle parti, combinerà le attività di raffinazione e di commercializzazione di TOTAL e ERG in Italia.

Le attività delle parti si sovrappongono in diversi mercati a monte e a valle dei prodotti petroliferi raffinati, in particolare: i) le vendite di combustibili non al dettaglio; ii) le vendite al dettaglio di carburanti; iii) le vendite di GPL sfuso e in bombole e iv) le vendite di bitume.

L'indagine della Commissione ha accertato che le sovrapposizioni orizzontali tra le attività delle parti non daranno luogo a problemi sotto il profilo della concorrenza in nessuno dei mercati interessati, in quanto le parti continueranno a fronteggiare concorrenti che controllano raffinerie, impianti di stoccaggio ed una rete sviluppata di stazioni di servizio in Italia.

L’operazione è stata notificata alla Commissione il 14 aprile 2010. Per maggiori informazioni sul caso consultare il sito:

http://ec.europa.eu/competition/elojade/isef/case_details.cfm?proc_code=2_M_5781


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website