Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/577

Bruxelles, 18 maggio 2010

Ambiente: Carenza idrica e siccità - un problema per molte zone in Europa

La Commissione europea ha pubblicato oggi una relazione sui risultati ottenuti dagli Stati membri nella lotta alla carenza idrica e alla siccità. Anche se nel 2009 nei paesi dell’Europa meridionale le precipitazioni sono state più elevate rispetto agli anni precedenti, non sarà possibile arrestare l’eccessivo sfruttamento delle risorse idriche europee, notoriamente limitate, e invertire le tendenze in atto senza un’azione più incisiva. Una politica efficace di tariffazione dell’acqua e misure nel campo dell’efficienza e del risparmio idrico sono tutti elementi essenziali che potranno permettere all’Europa di disporre di acqua a sufficienza e di qualità adeguata a soddisfare le esigenze degli utilizzatori e ad affrontare le sfide poste dai cambiamenti climatici.

Il Commissario UE all’Ambiente, Janez Potočnik, ha dichiarato: “L’acqua è vita e la politica in materia di acque è la nostra assicurazione sulla vita. La relazione presentata oggi sottolinea come sia importante integrare la politica sulle acque in obiettivi politici più ampi a tutti i livelli, sia nell’ambito dell’UE che su scala nazionale. Ma soprattutto le nostre politiche in questo settore devono essere sostenibili: non possiamo infatti permetterci di consumare l’acqua destinata alle generazioni future.”

Carenza idrica: un aspetto di dimensioni europee

In molte zone dell’Europa l’equilibrio tra domanda di acqua e risorse idriche disponibili ha raggiunto un punto critico. La penuria di acqua e la siccità sono diventate sfide importanti e i cambiamenti climatici non semplificheranno le cose.

La nuova relazione evidenzia che alcuni Stati membri presentano una scarsità permanente di acqua in tutto il territorio. Il problema non è circoscritto ai paesi del Mediterraneo: nella Repubblica ceca ci sono zone colpite con frequenza da carenza idrica e la Francia e il Belgio hanno comunicato situazioni di eccessivo sfruttamento delle falde acquifere.

Da anni la Commissione europea insiste affinché gli Stati membri adottino politiche in questo campo, ad esempio per quanto riguarda le tariffe, il miglioramento degli strumenti di gestione idrica e misure in materia di efficienza e risparmio idrico.

In uno studio svolto per conto della Commissione nel 2009 si riportava che l’introduzione di requisiti obbligatori per i dispositivi che utilizzano acqua nell’ambito dell’estensione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile potrebbe permettere un notevole risparmio. Se fossero inclusi tutti i dispositivi domestici che utilizzano acqua sarebbe possibile ridurre il consumo idrico totale del 19%, pari ad una diminuzione del 3,2% del volume di acqua estratto ogni anno nell’UE. Riducendo il consumo idrico dei prodotti connessi al consumo di energia, come rubinetti, docce e vasche, si potrebbe anche ridurre del 20% il fabbisogno di energia necessaria per riscaldare l’acqua; infine, modificando la durata delle docce, la frequenza dei bagni o l’utilizzo dei rubinetti, il consumo di acqua potrebbe ridursi del 20-30% circa.

La relazione odierna conferma che una gestione ottimale delle acque dovrebbe basarsi su una gerarchia di interventi che privilegi la gestione della domanda. Le possibilità di intervenire a livello di fornitura di acqua dovrebbero essere considerate solo dopo aver esaurito tutte le possibilità di risparmio idrico.

Nella relazione la Commissione esprime anche le proprie preoccupazioni per i ritardi nell’attuazione della direttiva quadro sulle acque che si registrano negli Stati membri più colpiti dal fenomeno della carenza idrica. Gli Stati membri avrebbero dovuto presentare i rispettivi piani di gestione dei bacini idrografici a marzo, ma in alcuni di essi le consultazioni su tali piani non sono ancora cominciate.

Un modello per la salvaguardia delle acque dell’UE

La Commissione è in procinto di varare diverse attività preparatorie in vista del riesame della politica in materia di carenza idrica e siccità, previsto per il 2012. Nel 2010 tali attività riguarderanno principalmente l’efficienza e, in particolare, la possibilità di ridurre i consumi negli edifici, di contenere le perdite d’acqua e di incentivare un uso efficiente dell’acqua in agricoltura.

I risultati di queste attività confluiranno in un modello per la salvaguardia delle acque dell’UE previsto per il 2012, nel riesame dell’attuazione della direttiva quadro sulle acque e in un esame della vulnerabilità delle risorse ambientali (in particolare acqua, biodiversità e suolo) agli impatti dei cambiamenti climatici e ad altre pressioni antropiche.

Il testo integrale della relazione è consultabile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/environment/water/quantity/eu_action.htm#2009


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website