Navigation path

Left navigation

Additional tools

La Commissione europea sollecita l'inclusione sociale dei Rom

European Commission - IP/10/407   07/04/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/407

Bruxelles, 7 aprile 2010

La Commissione europea sollecita l'inclusione sociale dei Rom

Le comunità Rom, la più consistente minoranza etnica dell'Unione europea, continuano a trovarsi confrontate a una discriminazione e a una segregazione persistenti. In una relazione pubblicata oggi la Commissione europea sollecita gli Stati membri a usare i fondi dell'UE ai fini dell'integrazione socioeconomica dei Rom. Assicurare a queste comunità l'accesso a posti di lavoro e a un'istruzione non segregati, ad alloggi e a servizi sanitari è essenziale per la loro inclusione, segnala la relazione. L'integrazione dei 10-12 milioni di Rom - una popolazione grande come quella del Belgio o della Grecia – costituisce una responsabilità comune degli Stati membri e delle istituzioni UE. Una relazione a parte ha valutato i progressi realizzati nell'ultimo biennio ai fini dell'integrazione. I partecipanti al vertice europeo sui Rom che si tiene a Cordova, Spagna, l'8-9 aprile, vaglieranno queste relazioni.

"La nostra è un'Unione fondata su valori forti, ragion per cui dobbiamo assicurare il rispetto dei diritti fondamentali dei Rom. La discriminazione contro questa minoranza etnica è inaccettabile" ha affermato Viviane Reding, Vicepresidente della Commissione e Commissario responsabile per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza. “Trovare soluzione ai loro problemi va a tutto vantaggio delle nostre società ed economie. Soltanto con un'azione sostenuta e coordinata riusciremo a fare la differenza nell'interesse dei Rom in tutta Europa."

László Andor, Commissario UE responsabile per l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione, ha ribadito: "Gli sforzi per l'integrazione dei Rom devono riguardare l'intero ciclo di vita, dalla scuola per l'infanzia al sistema scolastico generale per i bambini, dai posti di lavoro per gli adulti all'assistenza per gli anziani. Le comunità Rom sono parte integrante della nostra lotta contro la povertà e la disoccupazione." Ha quindi aggiunto: "I Rom non hanno bisogno di un mercato del lavoro a parte né di scuole che perpetuino la segregazione dei loro bambini e non vogliono nuovi ghetti. Il nostro obiettivo è che siano accettati su un piano di parità e integrati nella società. Il Fondo sociale europeo è un importante strumento a sostegno di questo approccio trasversale."

Nella sua comunicazione strategica adottata oggi la Commissione ribadisce un ambizioso programma nel medio termine volto a rispondere alle più importanti sfide che si frappongono all'inclusione dei Rom, che comprende i seguenti punti:

  • Mobilitare i fondi strutturali, compreso il Fondo sociale europeo – che assieme rappresentano quasi la metà del bilancio dell'UE – per sostenere l'inclusione dei Rom.

  • Tener conto delle problematiche relative ai Rom in tutti gli ambiti politici pertinenti a livello nazionale e UE, dall'occupazione allo sviluppo urbano e dalla sanità pubblica all'allargamento dell'UE.

  • Valorizzare il potenziale delle comunità Rom per sostenere una crescita inclusiva nel contesto della strategia "Europa 2020".

Sebbene la situazione di molti dei Rom presenti in Europa rimanga difficile, si sono registrati importanti progressi a livello UE e nazionale. Nell'ultimo biennio l'UE e gli Stati membri si sono adoperati per rendere la normativa anti discriminazione e i finanziamenti UE più efficaci ai fini di promuovere l'inclusione dei Rom. In tali iniziative rientra la lotta contro la discriminazione, la segregazione e la violenza razzista, nonché il sostegno a programmi volti a spezzare il circolo vizioso di povertà, emarginazione sociale, risultati scolastici insoddisfacenti e una situazione sanitaria e alloggiativa carente.

La Commissione ha avviato ad esempio azioni giudiziarie contro 24 Stati membri al fine di assicurare che la normativa UE contro la discriminazione a motivo della razza sia recepita correttamente nella legislazione nazionale. Dodici di questi casi sono ancora aperti mentre altri dodici si sono conclusi positivamente. Per incoraggiare gli Stati membri a far uso efficace dei Fondi strutturali la Commissione conduce due studi che identificheranno i progetti, i programmi e le politiche efficaci per l'inclusione dei Rom – uno studio riguarderà i fondi nel loro insieme e il secondo sarà consacrato al sostengo del Fondo sociale europeo per i Rom.

La Comunicazione e la relazione sugli sviluppi della situazione verranno discusse in occasione del secondo vertice europeo sui Rom organizzato dalla presidenza spagnola dell'UE. L'evento riunisce rappresentanti ad alto livello delle istituzioni UE, degli Stati membri e della società civile che passeranno in rassegna i progressi realizzati a partire dal primo vertice tenutosi nel 2008.

Contesto

Le comunità Rom si trovano spesso ad affrontare una discriminazione economica, sociale e politica. Il contributo che queste comunità potrebbero recare alla società europea è spesso trascurato anche a causa di stereotipi e pregiudizi.

In seguito a una richiesta avanzata dai leader dell'UE la Commissione ha pubblicato un'ampia rassegna sugli strumenti dell'UE, sulle politiche e sui progressi realizzati in vista dell'inclusione dei Rom, che è stata presentata al primo vertice europeo sui Rom tenutosi nel settembre 2008. I leader dell'UE hanno confermato nel dicembre 2008 l'impegno dei loro governi a far uso degli strumenti disponibili per sostenere l'inclusione dei Rom. Nel 2009 la Commissione ha inaugurato una piattaforma europea per l'inclusione dei Rom destinata a riunire esperti e decisori politici. La piattaforma ha sviluppato dieci principi di base comuni per l'inclusione dei Rom che servono di orientamento ai decisori all'atto di concepire e attuare azioni efficaci.

L'UE dispone di un saldo quadro giuridico per lottare contro la discriminazione. Essa si avvale dei fondi strutturali europei e affronta la questione della discriminazione dei Rom nelle sue iniziative di sensibilizzazione. Essa coordina inoltre diversi ambiti politici chiave che rivestono una particolare importanza per l'inclusione dei Rom, come quelli dell'istruzione, dell'occupazione e dell'inclusione sociale.

Per ulteriori informazioni

L'UE e i Rom : http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=518&langId=it

Secondo vertice europeo sui Rom

http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=88&langId=en&eventsId=234&furtherEvents=yes

Europa 2020 : http://europa.eu/press_room/press_packs/europe_2020/index_en.htm

Notiziario video: Do we really know the Roma? (Conosciamo davvero i Rom?)

http://www.tvlink.org/mediadetails.php?key=14dd891ef3e6ee4b9e6b&title=Do+we+really+know+the+Roma%3F++International+Roma+Day+raises+the+question&titleleft=Employment


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website