Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/326

Bruxelles, 19 marzo 2010

Telecomunicazioni: la Commissione adotta norme per facilitare l'uso dei telefoni cellulari a bordo delle navi nelle acque europee

La Commissione europea ha adottato nuove norme per facilitare l'uso dei telefoni cellulari per chiamare e inviare o ricevere SMS da parte dei passeggeri e degli equipaggi delle navi che operano nelle acque territoriali della UE quando si trovano al di fuori della portata delle reti telefoniche mobili terrestri. Le nuove regole armonizzano le condizioni tecnico-giuridiche relative ai servizi di comunicazione mobile a bordo delle navi e aprono la strada ad applicazioni innovative quali il controllo a distanza dei container stivati a bordo. Le nuove norme garantiscono la certezza del diritto e opportunità economiche ai fornitori di servizi che vogliano offrire una connettività mobile continua transfrontaliera nelle acque europee.

La Commissaria dell'UE responsabile per l'agenda digitale, Neelie Kroes, ha dichiarato: "Grazie alle nuove norme adottate dalla Commissione dieci milioni di persone che viaggiano o lavorano a bordo delle navi operanti nelle acque territoriali europee saranno in grado di usare il telefono cellulare senza problemi di interferenze".

Le nuove norme dovrebbero mettere fine al coacervo di 27 differenti legislazioni nazionali in materia di copertura dei telefoni cellulari a bordo delle navi da crociera, dei mercantili e dei traghetti operanti nelle acque territoriali europee. Le norme in parola garantiscono la certezza del diritto agli operatori delle telecomunicazioni che intendano offrire servizi mobili marittimi ai loro clienti.

I servizi di comunicazione mobile di bordo operano mediante piccole stazioni di base installate a bordo delle navi ("picocelle") che collegano via satellite i terminali dei viaggiatori alle stazioni delle reti terrestri. I servizi di comunicazione a bordo delle navi garantiscono la connettività degli utenti tramite le reti di telecomunicazione mediante un normale telefono cellulare.

Una decisione adottata di recente dalla Commissione garantisce la disponibilità delle frequenze radio GSM della banda 900 MHz e/o 1800 MHz per i servizi di comunicazione a bordo delle navi in condizioni tecnico operative armonizzate. Essa garantisce inoltre che i servizi mobili di bordo non interferiscano con quelli terrestri in modo che gli utilizzatori di servizi mobili che si trovano nelle zone costiere non siano inavvertitamente collegati alle stazioni montate a bordo delle navi.

Parallelamente la Commissione ha adottato una raccomandazione che invita gli Stati membri della UE a liberalizzare i rispettivi regimi di autorizzazione in modo che qualsiasi operatore di servizi di bordo autorizzato a operare in un paese possa fornire servizi nelle acque territoriali di altri paesi della UE senza doversi munire di ulteriori licenze.

L'effetto combinato di queste due misure permetterà ai viaggiatori e agli equipaggi delle navi di rimanere in contatto con famigliari e amici utilizzando i propri telefoni cellulari. La connettività marittima continua consentirà inoltre un monitoraggio in tempo reale – grazie a telesensori – delle merci trasportate. Ad esempio sarà possibile monitorare a distanza la temperatura e l'umidità di un container per verificare in ogni momento la qualità delle merci stivate in una nave.

Gli Stati membri della UE dispongono ora di 12 mesi per liberare le bande dello spettro radio destinate ai servizi di comunicazione mobile a bordo delle navi e adeguare le rispettive legislazioni nazionali per conformarle alla decisione. Gli Stati membri dovranno inoltre accertarsi che i consumatori siano adeguatamente informati sui termini e le condizioni per l'uso dei servizi di comunicazione mobile a bordo delle navi.

Contesto

I servizi di comunicazione mobile a bordo delle navi (servizi MCV) sono servizi di telecomunicazione transfrontalieri che fino ad oggi erano disponibili in Europa solo in misura limitata e, di solito, al di fuori delle acque territoriali degli Stati membri (in acque internazionali).

Da un punto di vista tecnico i telefoni dei viaggiatori sono collegati a stazioni di base cellulari montate a bordo delle navi che utilizzano le bande di frequenza 900 MHz e 1800 MHz (spesso indicate come "frequenze GSM") a loro volta collegate via satellite a reti di base terrestri, consentendo di comunicare mediante un normale telefono cellulare con gli utenti di tutte le reti di comunicazione.

Da un punto di vista commerciale, i sistemi MCV a bordo delle navi garantiranno la stessa gamma di servizi normalmente assicurati dalle reti terrestri mobili (chiamate vocali, SMS) ma a costi più elevati (dovuti all'uso del satellite) e con capacità inferiore per servizi avanzati come la trasmissione dati.

Uno degli aspetti che più preoccupava i fornitori di sistemi e servizi MCV era la diversità dei regimi regolamentari in vigore negli Stati membri della UE, sia in termini di condizioni tecnico-operative per l'utilizzo dello spettro radio che di tipologia delle autorizzazioni, soprattutto per quanto riguardava la fornitura di servizi MCV nelle acque territoriali degli Stati membri.

Nell'aprile 2008 la Commissione ha adottato un insieme di norme armonizzate (decisione e raccomandazione) sui servizi di comunicazione mobile a bordo degli aeromobili (servizi MCA) (IP/08/537) per venire incontro alla domanda dei passeggeri che desiderano utilizzare i propri telefoni mobili durante i voli.

Si veda anche MEMO/10/88 per ulteriori dettagli al riguardo.

Link

La decisione e la raccomandazione della Commissione sui servizi di comunicazione mobile a bordo delle navi sono consultabili sul seguente sito:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/ecomm/radio_spectrum/topics/ecs/mcv/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website