Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES

IP /10/251

Bru xelles, 09 marzo 2010

Turism o: prospettive promettenti per la stagione 2010

Circa l'80% dei cittadini europei continua a recarsi in un altro luogo per trascorrere le vacanze, come lo rivela una nuova indagine Eurobarometro su "Gli atteggiamenti degli europei nei confronti del turismo 2010". Soltanto il 20% su più di 30.000 cittadini selezionati a caso era quasi certo che nel 2010 non si sarebbe spostato, percentuale questa significativamente inferiore a quella dei non-viaggiatori nel 2009 (33%). Cresce il numero degli europei che preferiscono trascorrere le vacanze in destinazioni turistiche tradizionali (57%), mentre il 28% preferirebbe “uscire dai sentieri battuti” e recarsi verso destinazioni turistiche emergenti. Quella del turismo è una delle più importanti industrie europee nel settore dei servizi e ad essa corrisponde il 5% del PIL europeo e il 6% dell'occupazione .

Antonio Tajani, v icepresidente della Commissione e responsabile per l'Industria e le imprese, ha affermato: "I risultati dell'indagine 2010 sono incoraggianti per l'industria turistica. Dobbiamo adoperarci ulteriormente per sviluppare questo settore che si trova al terzo posto in termini di PIL e di occupazione in Europa. Il trattato di Lisbona ci offre ora l'opportunità di occuparci di questo settore in una prospettiva europea. Circa il 50 % dei cittadini dell'UE ha già deciso che nel 2010 andrà in vacanza e la loro percezione quanto al fatto di essere in grado di finanziare le proprie vacanze risulta anch'essa leggermente migliorata."

I principali risultati dell'indagine sono i seguenti :

  • c ontinua la tendenza a scoprire l'Europa e il proprio paese: anche nel 2010 il 50% dei cittadini europei intende trascorrere le vacanze nel proprio paese o in un altro paese dell'UE;

  • maggio re fiducia quanto al fatto di essere in grado di finanziare le proprie vacanze: circa la metà dei cittadini dell'UE che prevede di far vacanza nel 2010 ritiene di disporre di un importo sufficiente a tal fine (46%) – si tratta di un aumento di 5 punti percentuali rispetto al 2009. Tuttavia, come nel 2009, il 10% ha affermato di avere gravi problemi finanziari che potrebbero pregiudicare i piani per le vacanze;

  • i viaggi rimangono popolari: circa due terzi (65%) dei cittadini europei ha fatto viaggi di piacere nel 2009 e questo tipo di vacanza è estremamente popolare tra i cittadini della Norvegia (84%) seguiti dai finlandesi (83%), gli olandesi (79%) e gli irlandesi (78%);

  • la "attrattiva locale" è citata quale il fattore principale (32%) all'atto di scegliere la destinazione delle vacanze, seguita dal "patrimonio culturale" (25%) e dalle "possibilità di intrattenimento" (16%);

  • la ricerca di "riposo e svago" (37%) è la motivazione principale che spinge i cittadini dell'UE a viaggiare, seguita da "sole e spiaggia" (19%) e "visitare amici e parenti" (17%);

  • or ganizzare da soli vacanze: il numero di cittadini dell'UE che organizzano le loro vacanze principali da soli è aumentato ulteriormente nel 2009 passando a 58%; i paesi candidati Croazia (83%) e Turchia (82%) sono ai primi posti sotto questo aspetto;

  • l e scelte più popolari : la Spagna (10,4%) era già la destinazione più popolare nel 2008 e nel 2009 e domina anche tra i piani per le vacanze del 2010. La Spagna è seguita da vicino dalla Francia (9,9%) e dall'Italia (9,2%). Tuttavia, il 17% dei cittadini dell'UE che prevede di andare in vacanza nel 2010 non ha ancora deciso la meta.

Più di 30.000 europei ultraquindicenni selezionati a caso sono stati intervistati nel febbraio 2010 per questa indagine Eurobarometro nei 27 Stati membri dell'UE come anche in Norvegia, Islanda, Croazia, Turchia e nell'ex Repubblica iugoslava di Macedonia. È la terza volta di seguito che la Commissione conduce un'indagine così ampia che offre a tutti gli operatori del turismo una grande ricchezza di informazioni presentate in modo analitico per paese e categorie demografiche.

La Commissione intende condurre con cadenza annuale questo tipo di indagini per seguire da vicino le tendenze dei viaggi e del turismo nel breve e medio termine tra i cittadini dell'UE. Queste indagini consentiranno agli operatori del turismo dei paesi esaminati di reagire al mutare delle tendenze nella domanda turistica e rappresenteranno anche uno strumento importante per la politica turistica.

Clic cate qui per visionare il testo integrale dell'indagine Eurobarometro su "Gli atteggiamenti degli europei nei confronti del turismo 2010’


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website