Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Autres langues disponibles: FR EN DE ES NL CS

IP/10/1696

Bruxelles, 10 dicembre 2010

Antitrust: la Commissione avvia un procedimento antitrust contro alcuni produttori di cemento

La Commissione europea ha avviato un procedimento antitrust contro alcuni produttori di cemento per presunta infrazione delle regole dell'Unione che vietano pratiche commerciali restrittive (articolo 101 del TFUE). La Commissione intende appurare in particolare eventuali restrizioni alle importazioni o alle esportazioni, ripartizioni del mercato e coordinamento dei prezzi sui mercati del cemento e di prodotti affini.

La Commissione europea ha avviato un'indagine antitrust intesa ad appurare sospette pratiche anticoncorrenziali da parte di produttori di cemento e prodotti affini in Austria, Belgio, Repubblica ceca, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna e Regno Unito. Dalla valutazione preliminare risulta che la Commissione deve investigare il caso in via prioritaria. Accertamenti in tal senso sono stati effettuati dalla Commissione in due occasioni (si veda MEMO/08/676 per gli accertamenti nei locali di una serie di imprese in Germania, Francia, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi, Italia, Lussemburgo e MEMO/09/409 per gli accertamenti in Spagna).

La Commissione intende verificare se effettivamente le imprese hanno agito in modo da limitare i flussi commerciali nello Spazio economico europeo (SEE), anche per quanto riguarda le importazioni nel SEE di merci provenienti da paesi al di fuori del SEE stesso, la ripartizione del mercato, il coordinamento dei prezzi e relative pratiche anticoncorrenziali nei mercati del cemento e dei prodotti affini.

Oltre al cemento, i prodotti interessati comprendono i prodotti a base di cemento (ad esempio il calcestruzzo pronto per l'uso) e altri materiali utilizzati per la produzione di questi prodotti (ad esempio clinker, aggregati, loppa d'altoforno, loppa granulata d'altoforno, loppa granulata d'altoforno macinata, ceneri volanti).

L'avvio del procedimento non significa che la Commissione dispone di prove irrefutabili dell'infrazione, bensì che esaminerà il caso in via prioritaria, conducendo un'indagine approfondita.

Le norme non prevedono limiti temporali per la conclusione delle indagini sulle condotte anticoncorrenziali, la cui durata può dipendere da una serie di fattori, tra cui la complessità di ciascun caso, il grado di cooperazione con la Commissione delle imprese interessate e l'esercizio dei diritti di difesa.

Contesto

Già in passato la Commissione e le autorità nazionali garanti della concorrenza hanno analizzato i mercati del cemento e degli altri materiali di costruzione. Nel 1994 la Commissione ha inflitto ammende ad un cartello europeo nel settore cementifero (si veda IP/94/1108). Le autorità garanti tedesca e polacca hanno inflitto a loro volta ammende ad accordi di cartello nel mercato del cemento rispettivamente nel 2003 e nel 2009. Nello stesso mercato, nel 2007, anche l'autorità garante francese ha sanzionato pratiche anticoncorrenziali.

Base giuridica della decisione

La base giuridica dell'avvio del procedimento è l'articolo 11, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio e l'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 773/2004 della Commissione.

L'articolo 11, paragrafo 6, del regolamento n. 1/2003 prevede che l'avvio di un procedimento privi le autorità garanti della concorrenza degli Stati membri della competenza ad applicare le norme in materia di concorrenza di cui agli articoli 101 e 102 del trattato. L'articolo 16, paragrafo 1, dello stesso regolamento prevede peraltro che le giurisdizioni nazionali non possano prendere decisioni che siano in contrasto con la decisione adottata dalla Commissione.

In base all'articolo 2 del regolamento n. 773/2004 la Commissione può decidere di avviare il procedimento per l'adozione, in fase successiva, di una decisione definitiva sul merito del caso ai sensi degli articoli da 7 a 10 del regolamento n. 1/2003.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site