Navigation path

Left navigation

Additional tools

Lotta contro il terrorismo e la criminalità: la Commissione europea pronta ad avviare trattative con gli USA su un accordo relativo ai dati personali

European Commission - IP/10/1661   03/12/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1661

Bruxelles, 3 dicembre 2010

Lotta contro il terrorismo e la criminalità: la Commissione europea pronta ad avviare trattative con gli USA su un accordo relativo ai dati personali

I ministri della Giustizia dell'UE hanno dato oggi il via libera all'avvio di trattative fra l'Unione europea e gli Stati Uniti per un accordo sulla protezione dei dati personali nel quadro della cooperazione nella lotta al terrorismo e alla criminalità. La Commissione europea ha adottato il progetto di mandato negoziale il 26 maggio 2010 (IP/10/609). L'obiettivo è assicurare un alto livello di protezione delle informazioni personali, come i dati sui passeggeri e le informazioni finanziarie, trasferite nell'ambito della cooperazione transatlantica in materia penale. Una volta in vigore, l'accordo rafforzerà il diritto dei cittadini di accesso, rettifica o cancellazione dei dati trattati allo scopo di prevenire, individuare, indagare e reprimere i reati, compreso il terrorismo.

"La protezione dei dati personali è un diritto fondamentale dei cittadini dell'UE. Per garantirlo, dobbiamo impostare la questione in modo ambizioso – sia da noi che all'estero," ha dichiarato la vicepresidente Viviane Reding, commissario europeo per la Giustizia. "Grazie alla decisione di oggi, abbiamo il via libera per negoziare un accordo solido e coerente con gli Stati Uniti, che trovi un giusto equilibrio fra i diritti della persona e la forte cooperazione necessaria per prevenire il terrorismo e la criminalità organizzata. Sono lieta di incontrare le controparti americane a Washington la settimana prossima, per avviare queste importanti trattative."

Dopo l'11 settembre 2001 e i successivi attentati terroristici in Europa, l'UE e gli USA hanno intensificato la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale. Lo scambio di informazioni rilevanti è fondamentale per un'efficace cooperazione nella lotta contro la criminalità, sia nell'UE che con gli USA. Un aspetto importante è costituito dal trasferimento e dal trattamento dei dati personali per prevenire, individuare, indagare e reprimere i reati, compreso il terrorismo.

Sia l'UE che gli USA si sono impegnati nella protezione dei dati personali e la tutela della privacy, ma hanno approcci diversi che in passato hanno dato luogo a divergenze in sede di negoziato per alcuni accordi sullo scambio di informazioni (ad esempio il programma di controllo delle transazioni finanziarie dei terroristi, o i dati PNR del codice di prenotazione). I negoziati approvati oggi sono per l’appunto diretti a superare tali divergenze.

La decisione presa oggi dai ministri della Giustizia conferisce alla Commissione un mandato per negoziare un accordo quadro relativo ai dati personali trasferiti alle competenti autorità nell'UE e negli USA e da queste trattati. Il mandato è volto alla conclusione di un accordo che:

  • preveda un insieme coerente e armonizzato di norme in materia di protezione dei dati, includendo principi fondamentali come la proporzionalità, il fatto di limitare al minimo indispensabile i dati raccolti e il periodo di conservazione, e la limitazione delle finalità del trattamento;

  • contenga tutte le norme necessarie di protezione dei dati conformemente alle disposizioni in materia vigenti nell'UE, come diritti azionabili in giudizio, il ricorso amministrativo e giurisdizionale o la clausola di non discriminazione;

  • garantisca l'effettiva applicazione delle norme di protezione dei dati e il controllo di tale applicazione da parte di autorità pubbliche indipendenti.

L'accordo non costituirà la base giuridica per nessun trasferimento specifico di dati personali tra l'UE e gli USA. Per trasferire dati sarà in effetti sempre necessaria una base giuridica ad hoc. Il nuovo accordo UE-USA di protezione dei dati costituirà allora il quadro giuridico applicabile al trasferimento dei dati.

La Commissione terrà il Parlamento europeo costantemente informato sullo stato dei negoziati.

Contesto

La protezione dei dati personali è un diritto sancito dall'articolo 8 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. La Carta è parte integrante del trattato di Lisbona ed è giuridicamente vincolante nell'Unione europea e nei suoi Stati membri quando attuano il diritto dell'Unione. Il trattato di Lisbona (trattato sul funzionamento dell'Unione europea, articolo 16) dispone che l'UE possa stabilire norme sulla protezione dei dati personali trattati dalle istituzioni, dagli organi e dagli organismi dell'Unione, nonché dagli Stati membri nell'esercizio di attività che rientrano nel campo di applicazione del diritto dell'Unione.

Il Parlamento europeo, nella risoluzione del 26 marzo 2009, ha sollecitato un accordo UE-USA che garantisca una valida protezione delle libertà civili e dei dati personali. Nel dicembre 2009 il Consiglio europeo ha invitato la Commissione a proporre una raccomandazione "per la negoziazione di accordi in materia di protezione e, se necessario, condivisione dei dati a fini di contrasto con gli Stati Uniti d'America."

Il 26 maggio 2010, la Commissione ha proposto un progetto di mandato negoziale per un accordo tra l'UE e gli USA sulla protezione dei dati personali (IP/10/609 e MEMO/10/216).

Il 4 novembre 2010, la Commissione ha proposto una strategia per modernizzare il quadro giuridico dell'UE relativo alla protezione dei dati (IP/10/1462).

Il Parlamento europeo ha accolto con favore e ha sostenuto la proposta della Commissione in una risoluzione dell'11 novembre 2010.

Per ulteriori informazioni

Sala stampa online della direzione generale Giustizia:

http://ec.europa.eu/justice/news/intro/news_intro_en.htm

Homepage di Viviane Reding, vicepresidente e commissario per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/reding/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website