Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Unione dell'innovazione: la Commissione vara una consultazione sull'invecchiamento attivo e in salute

Commission Européenne - IP/10/1609   26/11/2010

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1609

Bruxelles, 26 novembre 2010

Unione dell'innovazione: la Commissione vara una consultazione sull'invecchiamento attivo e in salute

La Commissione europea intende raccogliere le opinioni di organizzazioni pubbliche e private, aziende e singoli cittadini su come l'Europa potrebbe avvalersi dell'innovazione per far fronte alle sfide poste da una popolazione europea che invecchia, in particolare in merito al progetto pilota di partenariato europeo per l'innovazione (EIP) sull'invecchiamento attivo e in buona salute. Questa azione rientra nel quadro dell'iniziativa "L'Unione dell'innovazione", presentata il 6 ottobre da Máire Geoghegan Quinn, commissaria europea per la ricerca, l'innovazione e la scienza, e Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e responsabile per l'industria e l'imprenditoria. Tra il 2010 e il 2030, il numero di cittadini europei di età superiore a 65 anni aumenterà di quasi il 40%, ponendo sfide enormi ma offrendo anche grandi opportunità per la società e l'economia dell'Europa. L'EIP proposto dalla Commissione, che dovrebbe essere avviato nel 2011, perseguirebbe tre obiettivi: migliorare la salute e la qualità della vita degli anziani, consentendo loro di vivere una vita attiva e autonoma, per contribuire alla sostenibilità e all'efficienza dei sistemi sanitari e sociali e per stimolare la competitività e le opportunità commerciali. La consultazione in linea è aperta fino al 28 gennaio 2011.

John Dalli, commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori, ha dichiarato in proposito: "L'Europa deve prepararsi all'invecchiamento della società e l'innovazione sarà uno degli strumenti con cui farlo. Per questo mi fa molto piacere che il primo partenariato in assoluto riguardi proprio l'invecchiamento attivo e in buona salute: sarà necessaria una stretta collaborazione fra le diverse politiche che interessano la sanità pubblica, la ricerca e i settori digitale e industriale.".

La commissaria europea per l'Agenda digitale e vicepresidente della Commissione Neelie Kroes ha dichiarato: "Le persone vivono più a lungo e dovrebbero poterlo fare nel modo più attivo e indipendente possibile, con l'ausilio delle soluzioni innovative come i dispositivi di individuazione e di prevenzione delle cadute, i servizi di interazione sociale dall'accesso facile per superare l'isolamento e l'utilizzo intelligente delle TIC a domicilio. Abbiamo bisogno del contributo delle parti interessate per assicurarci che il futuro partenariato europeo per l'innovazione possa contribuire a rendere queste idee una realtà per gli anziani in Europa.".

La consultazione invita le parti interessate, quali le organizzazioni che rappresentano gli anziani e i pazienti, gli ospedali e i fornitori di servizi di cura, i professionisti del settore sanitario, gli assicuratori, le imprese del settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) e le società del settore medico, le autorità pubbliche e i singoli cittadini, per contribuire a identificare le attuali barriere all'innovazione e le opportunità nel campo dell'invecchiamento attivo e in buona salute. I partecipanti possono inoltre condividere informazioni in merito alle iniziative esistenti e future che potrebbero essere avviate a livello europeo e ampliate attraverso la collaborazione. Queste dovrebbero concentrarsi sui modi con i quali le soluzioni innovative possono generare risultati promettenti e tangibili a beneficio degli anziani.

L'obiettivo principale del partenariato europeo per l'innovazione sull'invecchiamento attivo e in buona salute è aumentare di due anni la speranza di vita media in buona salute nell'UE entro il 2020. Esso intende migliorare la qualità della vita degli anziani e reperire le soluzioni di assistenza più efficienti. Si concentrerà sull'applicazione dell'innovazione su una scala più ampia rispetto a oggi nei settori come la promozione della salute, la prevenzione, la diagnosi e le cure tempestive, i sistemi sanitari e sociali integrati e collaborativi, la vita autonoma e le tecnologie per l'assistenza agli anziani.

La Commissione analizzerà le risposte alla consultazione per avere una chiara panoramica del potenziale e delle capacità innovative nei diversi settori che influiscono sull'invecchiamento al giorno d'oggi. Le risposte consentiranno alla Commissione di pianificare le prossime fasi dell'EIP.

La consultazione in linea si tiene parallelamente a una conferenza sul partenariato per l'innovazione europea sull'invecchiamento attivo e in buona salute, che ha luogo a Bruxelles oggi. Oltre 150 rappresentanti delle parti interessate presenteranno le loro idee per il partenariato da convertire in azioni concrete.

Contesto

Il partenariato per l'innovazione europea sull'invecchiamento attivo e in buona salute è parte della strategia dell'UE "L'Unione dell'innovazione", una delle principali iniziative Europa 2020, per trasformare le idee in occupazione, crescita sostenibile e progresso sociale (IP/10/1288). L'Unione dell'innovazione ha un triplice obiettivo: fare dell'Europa una protagonista nel mondo della scienza; rivoluzionare la collaborazione tra i settori pubblico e privato, in particolare attraverso i partenariati per l'innovazione, ed eliminare le strozzature, quali il costo dei brevetti, la frammentazione del mercato, la lenta definizione di standard e la mancanza di competenze, che attualmente rallentano l'accesso delle idee al mercato.

Questo corrisponde ad uno degli obiettivi dell'Agenda digitale europea per sfruttare il potenziale delle TIC nello stimolo alla prosperità e al miglioramento della qualità della vita dei cittadini (cfr. IP/10/581, MEMO/10/199 e MEMO/10/200). L'Agenda digitale europea intende tra l'altro garantire che le TIC consentano una maggiore autonomia alle persone vulnerabili, ai malati cronici e ai disabili. Essa intende raddoppiare entro il 2015 il numero di anziani che vivono autonomamente.

Analogamente, "promuovere la buona salute in un'Europa che invecchia" è uno dei tre obiettivi principali della strategia sanitaria dell'UE "Insieme per la salute".

Il documento della consultazione è disponibile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/information_society/activities/einclusion/deployment/ahaip/consultation/

Per ulteriori informazioni:

Azioni della Commissione europea sul tema "Invecchiare bene nella società dell'informazione":

Azioni della Commissione europea nel settore delle TIC per la salute:

Il portale della sanità pubblica dell'Unione europea (Salute-UE):

CE salute in una società che invecchia

Agenda digitale europea

Unione dell'innovazione


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site