Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Terzo vertice Africa-UE: agire insieme per rafforzare "Investimenti, crescita economica e creazione di occupazione"

Commission Européenne - IP/10/1605   25/11/2010

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1605

Bruxelles, 25 novembre 2010

Terzo vertice Africa-UE: agire insieme per rafforzare "Investimenti, crescita economica e creazione di occupazione"

Il 29 e 30 novembre, il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, il Presidente della Commissione José Manuel Barroso e il Commissario per lo sviluppo Andris Piebalgs parteciperanno al vertice Africa-UE di Tripoli (Libia), che riunirà 80 capi di Stato e di governo europei e africani sul tema generale "Investimenti, crescita economica e creazione di occupazione" per portare la cooperazione tra i due continenti a un livello nuovo e più ambizioso. Grazie al partenariato Africa-UE istituito nel 2007, i due continenti perseguono interessi e obiettivi strategici comuni come partner di pari livello, al di là della tradizionale politica di sviluppo. In occasione di questo vertice, i leader dovrebbero promuovere una crescita inclusiva e sostenibile in quanto fattore cruciale per lo sviluppo e la lotta contro la povertà. Condizione indispensabile per ottenere questo scopo è coinvolgere maggiormente e potenziare il settore privato, ma occorre anche collaborare di più nei settori del cambiamento climatico e della pace e sicurezza.

Prima della riunione, il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ha dichiarato: "Nel contesto della crescente globalizzazione e dell'attuale crisi economica e finanziaria, il partenariato dell'Unione con l'Africa riveste un'importanza strategica. Intendiamo affrontare questioni cruciali come la pace e la sicurezza, la governance globale e l'integrazione regionale, e intensificare i nostri sforzi congiunti per promuovere gli investimenti, creare occupazione e crescita".

Il Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, ha aggiunto: "L'Unione europea sta costruendo un partenariato solido e sempre più stretto con l'Africa. Nel 2007, al vertice di Lisbona, abbiamo realizzato progressi importanti adottando una strategia comune. Dobbiamo ora consolidare e approfondire i nostri legami, sviluppando il potenziale ancora inespresso delle relazioni UE-Africa. Una cooperazione più forte e intensa favorirà decisamente lo sviluppo africano e svolgerà un ruolo importante per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio. Questo partenariato rappresenta inoltre, per l'Europa, un'autentica risorsa e un'opportunità da non mancare se si vogliono rafforzare le relazioni con un continente sempre più importante in un mondo sempre più interdipendente".

Gli 80 capi di Stato e di governo, che rappresentano più di un miliardo e mezzo di persone, concentreranno le discussioni sul modo in cui i due continenti possono progredire in direzione delle priorità comuni: promuovere la crescita sostenibile e l'occupazione e superare le ripercussioni della crisi economica e finanziaria, in particolare creando un ambiente più propizio alle imprese e agli investimenti.

Dal 2007, la strategia comune Africa-UE ha permesso di realizzare progressi sostanziali in settori quali gli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), la pace e la sicurezza, l'integrazione regionale e il commercio (esempi concreti figurano nel MEMO/10/604). D'altro canto, l'Europa e l'Africa devono fare di più per superare la frammentazione delle politiche e degli strumenti finanziari. Se vogliono raggiungere i comuni obiettivi, inoltre, devono coinvolgere maggiormente tutti gli interessati: parlamenti, società civile e settore privato.

  • Le discussioni nell'ambito del vertice si raccoglieranno intorno ai seguenti temi:

  • integrazione regionale, infrastrutture, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, sviluppo del settore privato;

  • energia e cambiamento climatico;

  • OSM, agricoltura e alimentazione;

  • pace e sicurezza;

  • governance e diritti umani;

  • migrazione, mobilità e creazione di occupazione.

Nella loro dichiarazione comune, i capi di Stato e di governo dovrebbero sottolineare l'importanza strategica globale del loro partenariato, che è l'unico partenariato strategico esistente tra due continenti. Il vertice dovrebbe inoltre rilanciare gli sforzi per realizzare gli OSM, con un'attenzione particolare ai paesi che registrano un maggiore ritardo. Sarà adottato un piano d'azione comune per il periodo 2011-2013, comprendente azioni concrete da proseguire o avviare nei vari settori strategici sulla base delle iniziative realizzate dal 2007 in poi.

Prima di recarsi al vertice, il Presidente Barroso, il Vicepresidente Tajani e il Commissario Piebalgs parteciperanno al Forum economico UE-Africa e alle tavole rotonde degli amministratori delegati organizzate a margine del vertice il 28 novembre. Il Forum riguarderà principalmente i modi per sviluppare una strategia comune volta a creare modelli inclusivi per lo sviluppo sostenibile e la crescita in Africa.

Contesto

Nel 2007, capi di Stato e di governo europei e africani hanno lanciato il partenariato strategico comune Africa-UE per realizzare insieme interessi comuni, al di là della tradizionale politica di sviluppo. Il seguito operativo di questo partenariato si svolge attraverso otto partenariati tematici: pace e sicurezza; governance democratica e diritti umani; commercio, integrazione regionale e infrastrutture; OSM; energia; cambiamento climatico; migrazione, mobilità e occupazione; scienza, società dell'informazione e spazio.

Il 10 novembre 2010, riconoscendo la necessità di far evolvere questo partenariato, la Commissione europea ha pubblicato le sue proposte su come consolidare le relazioni Africa-UE: ha suggerito di incentrare la cooperazione per lo sviluppo sul sostegno alla crescita inclusiva e sostenibile in Africa, privilegiando attività ad impatto elevato in grado di attirare gli investimenti, in modo da realizzare l'enorme potenziale del nostro partenariato.

Per ulteriori informazioni si veda anche:

MEMO/10/604

IP/10/1495 e MEMO/10/566 sulla comunicazione circa il consolidamento delle relazioni UE-Africa.

IP/10/1494 and MEMO/10/565 sul libro verde "La politica di sviluppo dell'Unione a sostegno della crescita inclusiva e dello sviluppo sostenibile; potenziare l'impatto della politica di sviluppo dell'UE"

Sito Web del partenariato UE-Africa: http://www.africa-eu-partnership.org/

Sito Web della DG Sviluppo: http://ec.europa.eu/development/index_en.cfm

Sito Web di EuropeAid (AidCo): http://ec.europa.eu/europeaid/index_en.htm

Sito Web del Presidente José Manuel Barroso:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/president/index_en.htm

Sito Web del Commissario per lo sviluppo Andris Piebalgs:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/piebalgs/index_en.htm

Sito Web del Forum economico UE-Africa: http://www.euafrica-businessforum.org


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site