Navigation path

Left navigation

Additional tools

Africa-Europa: 80 paesi, 2 continenti in partenariato per un futuro migliore

European Commission - IP/10/1495   10/11/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1495

Bruxelles, 10 novembre 2010

Africa-Europa: 80 paesi, 2 continenti in partenariato per un futuro migliore

In vista del vertice Africa-UE che si svolgerà in Libia il 29 e il 30 novembre, la Commissione presenta oggi le sue proposte per consolidare le relazioni tra l'Unione europea e l'Africa. Sulla base della strategia comune Africa-UE lanciata nel 2007, la Commissione indica le sfide comuni nelle quali sono stati compiuti passi avanti e che devono essere ancora affrontate insieme, come l'eliminazione della povertà, la pace e la sicurezza, la democrazia e i diritti umani, la governance globale e il cambiamento climatico. Anche se la realizzazione degli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM) rimarrà al centro della strategia comune Africa-UE, la Commissione riconosce che occorre aiutare l'Africa a rafforzare la sua governance politica ed economica perché possa fare un uso migliore e sostenibile delle sue risorse. In questo spirito, la Commissione propone di concentrarsi su iniziative che potrebbero promuovere una crescita sostenibile ed inclusiva a lungo termine. Queste proposte contribuiranno alla formulazione del piano d'azione sull'attuazione della strategia comune Africa-UE che sarà adottato durante il vertice.

L'Alto Rappresentante e Vicepresidente della Commissione, Catherine Ashton, ha dichiarato: "Rafforzare e approfondire le relazioni UE-Africa è una priorità fondamentale del mio mandato. L'Africa non è soltanto una beneficiaria degli aiuti UE, ma anche un partner importante in una serie di problematiche regionali e internazionali fondamentali e di interesse comune, come la sicurezza regionale (attraverso la cooperazione nella lotta contro la pirateria e a favore della pace e della stabilità nella regione), la governance globale e il cambiamento climatico."

"Tre anni dopo il lancio di un partenariato unico, è giunto il momento di consolidare le relazioni UE-Africa, offrendo la prospettiva di un futuro migliore e più prospero ad un miliardo e mezzo di persone in 80 paesi", ha affermato il Commissario UE per lo Sviluppo, Andris Piebalgs, che ha poi aggiunto: "Per assicurare uno sviluppo a lungo termine, verrà rivolta maggiore attenzione al modo in cui la cooperazione allo sviluppo dovrebbe contribuire a creare condizioni favorevoli ad una crescita inclusiva e sostenibile. In questo modo si contribuirà ad alleviare la povertà e a rafforzare il dinamismo politico ed economico del continente africano sulla scena internazionale."

La crisi economica, ambientale e alimentare, l'emergenza di nuovi donatori, ma anche il nuovo quadro istituzionale dell'UE impongono di adeguare il partenariato UE-Africa. L'Europa e l'Africa consolideranno i risultati della strategia comune per rafforzarne l'impatto a livello internazionale, continentale e regionale.

UE-Africa: affrontare insieme le sfide comuni

Il valore aggiunto specifico del partenariato UE-Africa risiede nel suo carattere politico, nell'ampiezza della sua portata e nella capacità di affrontare insieme le questioni globali. La cooperazione sarà approfondita nell'ambito dei diversi partenariati tematici per realizzare gli obiettivi di sviluppo del millennio, per fare fronte alle minacce alla pace e alla sicurezza, in particolare attraverso l'impegno comune contro le nuove minacce come il terrorismo, la pirateria o le diverse forme di traffico e tratta, per promuovere la governance, la democrazia, lo Stato di diritto e i diritti umani, per rafforzare la legittimità e l'efficienza delle istituzioni multilaterali e per combattere il cambiamento climatico e il degrado ambientale.

UE-Africa: un partenariato proiettato verso il futuro

Tenuto conto della portata delle sfide che attendono i due continenti, la Commissione riconosce che il partenariato UE-Africa deve ancora guardare avanti e propone di concentrarsi sulla cooperazione allo sviluppo per favorire la crescita inclusiva e sostenibile in Africa. Nel prossimo decennio la cooperazione dovrebbe essere basata su attività ad elevato impatto in grado di favorire gli investimenti allo scopo di realizzare l'enorme potenziale del nostro partenariato.

La crescita inclusiva riguarda la riduzione della povertà e delle disuguaglianze. La cooperazione allo sviluppo dovrebbe puntare in particolare a garantire alla popolazione un'assistenza sanitaria ed un buon livello di istruzione, ad assicurare servizi e infrastrutture, competenze, innovazione e imprenditorialità, nonché ad affrontare problemi come la migrazione. L'obiettivo è lavorare insieme in partenariato per creare un contesto favorevole agli investimenti, al commercio e all'occupazione.

La crescita sostenibile riguarda lo sviluppo di economie efficienti, verdi e competitive. L'Africa dispone di un potenziale inutilizzato di energie rinnovabili, dall'energia idraulica a quella solare, eolica, geotermica fino alla biomassa, che potrebbe essere sfruttato per assicurare l'accesso all'elettricità a milioni di persone. La crescita sostenibile comprende anche la cooperazione per il rafforzamento degli scambi e dell'integrazione regionale in Africa, gli aiuti per la gestione sostenibile delle materie prime, il passaggio dal sostegno all'agricoltura al sostegno ai piccoli agricoltori impegnati in un contesto più rispettoso dell'ambiente e l'attuazione di programmi comuni per fornire energia pulita a tutti i cittadini.

Le prossime tappe

Con la comunicazione sul consolidamento delle relazioni UE-Africa la Commissione propone un suo contributo al prossimo vertice UE-Africa. Il vasto tema di questo terzo vertice UE-Africa su "Crescita, investimenti e creazione di occupazione" definirà l'impostazione della cooperazione tra i due continenti e fornirà gli orientamenti a lungo termine per questi settori. Sarà adottato un piano d'azione comune e realistico dando la priorità alle attività che hanno una chiara dimensione regionale, continentale o globale, che comportano un chiaro valore aggiunto e che dispongono di una massa critica comprovata.

Contesto

Durante il vertice di Lisbona 80 capi di Stato e di governo europei e africani hanno lanciato il partenariato strategico comune Africa-UE per realizzare insieme interessi e obiettivi strategici comuni, al di là della tradizionale politica di sviluppo. Il partenariato UE-Africa è l'unico partenariato strategico "da continente a continente" dell'UE. Il follow-up operativo è assicurato da otto partenariati tematici: pace e sicurezza, governance democratica e diritti umani, commercio, infrastrutture e integrazione regionale, obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), energia, cambiamenti climatici, migrazione, mobilità e occupazione, scienza, società dell'informazione e spazio.

Per ulteriori informazioni si veda anche:

MEMO/10/566

Cfr. anche IP/10/1494 e MEMO/10/565 sul Libro verde: "La politica di sviluppo dell'Unione a sostegno della crescita inclusiva e dello sviluppo sostenibile; potenziare l'impatto della politica di sviluppo dell'UE"

Sito Web del partenariato UE-Africa

http://www.africa-eu-partnership.org/


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website