Navigation path

Left navigation

Additional tools

La Commissione è favorevole a una sospensione temporanea della clonazione animale a scopo alimentare nell'UE

European Commission - IP/10/1349   19/10/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1349

Bruxelles, 19 ottobre 2010

La Commissione è favorevole a una sospensione temporanea della clonazione animale a scopo alimentare nell'UE

La Commissione europea ha annunciato oggi che proporrà una sospensione temporanea della clonazione animale a scopo alimentare nell'Unione europea. La Commissione prevede anche di sospendere temporaneamente l'utilizzo di animali d'allevamento clonati nonché la commercializzazione di alimenti da animali clonati. Tutte le misure temporanee saranno rivedute dopo cinque anni. È anche prevista la creazione di un sistema di tracciabilità per le importazioni di materiale produttivo per cloni, come sperma ed embrioni di cloni. Il sistema permetterà agli allevatori e all'industria di creare una base di dati per gli animali derivati da tale materiale riproduttivo.

Il commissario responsabile per la salute e la politica dei consumatori, John Dalli, afferma che: "La comunicazione adottata oggi è una risposta agli inviti del Parlamento europeo e degli Stati membri ad avviare una politica specifica dell'UE su questo punto sensibile. Ritengo che la sospensione temporanea costituisca una soluzione realistica e attuabile in risposta alle attuali preoccupazioni relative alla salute e al benessere". Il commissario sottolinea che la proposta non sospenderà la clonazione per utilizzi diversi dall'alimentazione, come ad esempio la ricerca relativa alla conservazione di specie in via di estinzione o l'utilizzo di animali per la produzione di prodotti farmaceutici. Per concludere esprime la speranza che "con l'adozione di questa relazione il Consiglio, il Parlamento europeo e la Commissione avanzeranno sulla proposta relativa ai nuovi prodotti alimentari che costituisce un importante contributo per la protezione dei consumatori e l'innovazione".

La via da seguire

A parere della Commissione l'insieme selettivo di misure, accompagnate da una clausola di riesame dopo cinque anni costituisce la migliore via da seguire per affrontare l'argomento. Queste misure rispondono alle preoccupazioni relative al benessere degli animali senza introdurre restrizioni superflue e ingiustificate.

Valutazione della Commissione

La comunicazione presenta una valutazione della tecnologia di clonazione per quanto riguarda la produzione degli alimenti ed esamina gli aspetti relativi alla clonazione alla luce dell'attuale quadro legislativo. Riconosce le sfide relative al benessere degli animali e tiene conto dell'elemento etico legato alla clonazione. Osserva inoltre che non vi sono riscontri scientifici che confermino le preoccupazioni relative alla sicurezza alimentare per quanto riguarda gli alimenti ottenuti da animali clonati o dalle loro progenie.

La comunicazione esamina la clonazione sia negli Stati membri che nei paesi terzi. Nell'UE le importazioni, la commercializzazione e l'utilizzo dei prodotti derivati da cloni sono attualmente coperti da una legislazione generale UE. La Danimarca è l'unico Stato membro che ha deciso un divieto nazionale sull'utilizzo della clonazione di animali a scopi commerciali, mentre alcuni paesi terzi stanno già utilizzando la clonazione per produrre animali da allevamento.

La Commissione ha consultato le parti in causa, ha chiesto all'EFSA di aggiornare i dati scientifici e ha tenuto conto del parere del Gruppo europeo per l'etica.

Contesto

La clonazione consiste nella creazione di un organismo in quanto copia genetica di un altro organismo. Ciò significa che due organismi hanno esattamente lo stesso DNA.

Il dibattito relativo alla clonazione a scopi alimentari è iniziato alcuni anni fa quando embrioni clonati sono stati importati nell'UE. In base all'attuale regolamentazione dell'Unione europea, solo alimenti prodotti da cloni sono considerati "nuovi prodotti alimentari" in quanto non sono prodotti secondo le tecniche di allevamento tradizionali. Quindi tali alimenti rientrano nell'ambito del regolamento sui nuovi prodotti alimentari, che è attualmente in discussione a livello dell'UE. I nuovi prodotti alimentari sono gli alimenti e gli ingredienti alimentari che non sono stati utilizzati in modo significativo per il consumo umano nell'ambito dell'Unione europea prima del 15 maggio 1997.

Nel settembre 2008 il Parlamento, in una sua risoluzione, ha sostenuto il divieto totale della clonazione. Nel 2009, allo scopo di ottenere una visione più ampia della questione, il Consiglio ha chiesto alla Commissione di presentare una relazione. Nel corso della sua audizione al Parlamento europeo all'inizio dell'anno, il commissario Dalli ha promesso che la relazione sarà presentata entro la fine del 2010.

Per ulteriori informazioni:

http://www.efsa.europa.eu/EFSA/efsa_locale-1178620753812_1211902019540.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website