Navigation path

Left navigation

Additional tools

Per una maggiore sicurezza stradale – Edizione 2010 delle giornate europee della sicurezza stradale

European Commission - IP/10/1322   13/10/2010

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/10/1322

Bruxelles, 13 ottobre 2010

Per una maggiore sicurezza stradale – Edizione 2010 delle giornate europee della sicurezza stradale

La Terza edizione delle giornate europee della sicurezza stradale si tiene a Bruxelles il 13 e 14 ottobre 2010. Per l'occasione la Commissione europea organizza, in collaborazione con la Presidenza belga, una conferenza su diversi argomenti: i feriti, le problematiche per le diverse categorie di utenti e le infrastrutture. In occasione della conferenza, che si concentrerà in particolare sulla lotta transfrontaliera alle infrazioni che mietono più vittime, saranno presentati gli orientamenti strategici della politica europea per la sicurezza stradale per il periodo 2011-2020. Accanto a Siim Kallas, vicepresidente della Commissione responsabile per i trasporti, parteciperanno ai lavori anche Etienne Schouppe, sottosegretario di Stato belga alla mobilità, e Brian Simpson, presidente della commissione "Trasporti e turismo" del Parlamento europeo.

"Le giornate europee per la sicurezza stradale rappresentano il momento ideale per stilare un bilancio. Ogni anno sulle nostre strade si contano decine di migliaia di morti, ma il numero di feriti è incomparabilmente più alto. Dobbiamo rivolgere la nostra attenzione anche ad alcune categorie di utenti vulnerabili, ad esempio i motociclisti, per i quali le statistiche indicano un inquietante aumento della mortalità. I progressi in questo campo dovranno assolutamente includere il miglioramento delle infrastrutture stradali, che deve diventare una preoccupazione costante per i gestori delle reti", ha sottolineato il vicepresidente Kallas, che ha fatto della sicurezza stradale uno dei suoi impegni prioritari.

Le sfide e i progressi legati alla sicurezza stradale

A partire dal 2001 il numero delle vittime della strada si è ridotto considerevolmente nell'insieme dei paesi UE, con una diminuzione globale del 44%, inclusa la stima per il 2010. In alcuni paesi si registrano progressi ancora più significativi, ad esempio in Lettonia dove la diminuzione è stata del 55%, o in Portogallo, Estonia, Lituania, Spagna e Francia, dove il numero dei decessi sulla strada si è dimezzato rispetto al 2001. Ma la sicurezza stradale continua a rappresentare un grosso problema sociale. Nel 2009 più di 35 000 persone sono morte sulle strade dell'Unione europea: l'equivalente di una città di media grandezza. Secondo le stime, per ogni morto sulle strade d'Europa ci sono 4 invalidi permanenti, che subiscono lesioni cerebrali o spinali, 10 feriti gravi e 40 feriti lievi. I costi economici per la società sono stimati a 130 miliardi di euro all'anno.

I punti cardine della conferenza

La conferenza del 13 ottobre sulla sicurezza stradale è l'occasione per presentare a un vasto pubblico gli orientamenti strategici della politica europea per la sicurezza stradale per il periodo 2011-2020, adottati dalla Commissione il 20 luglio scorso. La conferenza è divisa in tre parti. La prima sarà dedicata ai feriti. La seconda, ai problemi affrontati da diverse categorie di utenti: la popolazione anziana, i ciclisti, i motociclisti e chi guida in stato di ebbrezza. La terza parte affronterà il problema della sicurezza delle infrastrutture stradali.

La seconda giornata (14 ottobre) costituisce un'iniziativa della presidenza belga ed è incentrata su un seminario dedicato a come migliorare il coordinamento transfrontaliero tra le polizie e le autorità giudiziarie per combattere le infrazioni più gravi.

Sul piazzale del Parlamento europeo verrà allestito un "villaggio della sicurezza stradale" che, nelle due giornate della manifestazione, accoglierà alcuni stand e attività dimostrative rivolte al pubblico.

Terza edizione delle giornate europee per la sicurezza stradale

Da un lato, le giornate europee per la sicurezza stradale intendono sensibilizzare i responsabili politici e i cittadini riguardo alle sfide legate alla sicurezza stradale, e dall'altro intendono cambiare il comportamento degli utenti della strada per far sì che la mobilità urbana sia sicura, rassicurante e accessibile a tutti.

La terza edizione delle giornate europee per la sicurezza stradale conferirà particolare importanza alla lotta transfrontaliera alle infrazioni che mietono più vittime.

La prima giornata europea per la sicurezza stradale era stata dedicata al tema dei giovani alla guida. La seconda, nel 2009, aveva messo in primo piano la sicurezza del traffico in ambiente urbano.

Ulteriori informazioni:

http://ec.europa.eu/transport/road_safety/events-archive/2010_10_13-14_ersd_it.htm

MEMO/10/343

IP/10/970


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website