Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/1314

Bruxelles, 12 ottobre 2010

La Commissione auspica che un maggior numero di università offrano corsi per traduttori

La Commissione europea rilancia l’iniziativa per aumentare il numero di università europee in grado di offrire corsi di alta qualità per studenti che vogliono divenire traduttori. In tale contesto, la Commissione sta ampliando la rete di università “European Master's in Translation” (EMT), rete nata l’anno scorso in risposta alla crescente penuria sul mercato di lavoro di traduttori adeguatamente qualificati. Oltre a essere una rete, EMT è anche un marchio di qualità riconosciuto. Finora, 34 università europee hanno chiesto e ottenuto di parteciparvi (per l’elenco, v. oltre l’apposito link). Esperti in traduzione, provenienti per lo più da università che già fanno parte della rete, valutano i corsi di quelle che desiderano usare il marchio EMT. Dall’11 al 13 ottobre, la rete EMT tiene a Bruxelles la sua conferenza annuale.

“In molti paesi, chiunque può dire di essere traduttore senza che vi sia alcuna garanzia di competenza professionale. Obiettivo a lungo termine del progetto EMT è elevare lo standard della formazione dei traduttori; un corso recante il marchio EMT è riconosciuto come uno dei migliori in questo campo” spiega Androulla Vassiliou, commissario europeo all’istruzione, alla cultura, al multilinguismo e alla gioventù.

Il progetto EMT è stato concepito dalla Commissione per rispondere a due preoccupazioni principali: una domanda di servizi linguistici ad alto livello in tutto il mondo in rapida crescita e il raddoppiamento del numero di lingue ufficiali nella UE da 11 a 23 tra il 2004 e il 2007.

La domanda di servizi di traduzione cresce in tutto il mondo. Secondo uno studio del 2009 sull’industria linguistica nella UE1, il suo volume d’affari attuale è destinato ad aumentare del 10% almeno ogni anno nei prossimi anni e si stima che entro il 2015 tale industria fatturi intorno a 20 miliardi di euro.

“Industria linguistica” comprende traduzione, interpretazione, sottotitoli, doppiaggio e localizzazione (adattamento di una traduzione a esigenze specifiche locali). Le competenze di cui un traduttore ha bisogno sull’odierno mercato del lavoro travalicano ormai le pure capacità linguistiche. Alla base del progetto EMT c’è il riconoscimento che un traduttore deve essere imprenditore, gestore di progetti, negoziatore, ... . Oggi, ad esempio, molte università insegnano agli studenti di traduzione oltre a “come tradurre” anche “come gestire un’impresa”.

Quasi 250 università e altri istituti di istruzione superiore nell’UE offrono attualmente corsi per aspiranti traduttori.

La Direzione generale Traduzione della Commissione fornisce alla rete EMT un sostegno amministrativo e un centro per scambiare informazioni e pratiche esemplari. Nel 2010, la Commissione ha stanziato 300 000 euro circa per coprire le spese del suo sostegno amministrativo e della conferenza annuale della rete ma non ha dato contributi finanziari diretti a corsi di formazione o a studenti.

Ulteriori informazioni:

Università che partecipano alla rete EMT:

http://ec.europa.eu/dgs/translation/programmes/emt/network/index_en.htm

Domanda per entrare a far parte della rete EMT:

http://ec.europa.eu/dgs/translation/programmes/emt/joinus/emt_network_join_en.htm

Il progetto “European Master's in Translation”:

http://ec.europa.eu/dgs/translation/programmes/emt/index_en.htm

DG Traduzione: http://ec.europa.eu/dgs/translation/

1 :

Uno studio della Commissione sull'industria linguistica nella UE http://ec.europa.eu/dgs/translation/publications/studies/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website