Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/1285

Bruxelles, 4 ottobre 2010

Il commissario Piebalgs propone di aumentare del 10% il finanziamento del Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria

Domani, Andris Piebalgs, commissario europeo per lo sviluppo, parteciperà alla terza conferenza di rifinanziamento volontario del Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria che si svolgerà a New York. Due settimane dopo la riunione plenaria di alto livello delle Nazioni Unite sugli obiettivi di sviluppo del millennio, il Fondo globale chiede un rifinanziamento delle sue risorse per il periodo 2011 – 2013. Se la proposta è approvata, il contributo dell'UE al Fondo globale aumenterà almeno del 10% nel periodo 2011 – 2013, raggiungendo l'importo di 330 milioni di euro.

Prima della conferenza, Andris Piebalgs, commissario europeo per lo sviluppo, ha affermato: "Due settimane fa, durante il vertice delle Nazioni Unite sugli obiettivi del millennio per lo sviluppo, il mondo intero si è impegnato a trasformare tali obiettivi in realtà. Oggi possiamo concretizzare i nostri impegni: senza una popolazione in buona salute è semplicemente impossibile ottenere una crescita maggiore e solidale nei paesi in via di sviluppo per realizzare gli obiettivi del millennio. L'UE continuerà a sostenere il Fondo globale nella lotta contro tali malattie mortali".

Durante la conferenza, il commissario Piebalgs renderà noto l'impegno della Commissione europea ad aumentare il proprio contributo finanziario al Fondo globale. La proposta deve essere approvata dalle autorità di bilancio dell'UE e dal gruppo dei paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). Attualmente, la Commissione contribuisce con 100 milioni di euro all'anno per il periodo 2008 – 2010.

La Commissione europea è un membro fondatore del Fondo globale e ha fornito un forte sostegno politico e finanziario a partire dal 2002. Dal 2002 al 2010 la Commissione europea, che è il quinto principale donatore (dopo gli Stati Uniti, la Francia, l'Italia e il Giappone), ha contribuito al Fondo con un importo totale di 972,5 milioni di euro. Nel corso dello stesso periodo, l'Unione europea ha contribuito con oltre 9 miliardi di dollari, ovvero il 52% delle risorse del Fondo.

Inoltre, il 10 maggio 2010 l'UE ha adottato delle conclusioni in relazione al proprio ruolo in materia di sanità mondiale al fine di promuovere una visione forte dell'UE - che si esprima come una sola voce e agisca compatta – e di sostenere le fonti innovatrici di finanziamento nel settore della sanità in modo da realizzare progressi nella realizzazione degli obiettivi del millennio in materia di salute pubblica.

Contesto

Il Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria è un meccanismo di finanziamento mondiale costituito nel 2001 come parziale risposta all'emergenza mondiale causata dalle tre principali malattie infettive. Tra il 2002 e il 2009 il Fondo globale ha impegnato 19,3 miliardi di dollari a favore di 572 programmi in 144 paesi e ha erogato 10,3 miliardi di dollari a favore di beneficiari (53%). Grazie al fondo, 2,5 milioni di persone hanno potuto beneficiare di cure per l'AIDS, 6 milioni di persone di trattamenti contro la tubercolosi e sono state distribuite 104 milioni di zanzariere da letto trattate con insetticidi per prevenire la malaria.

Per ulteriori ragguagli:

Sito Internet della DG Sviluppo sulla lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria:

http://ec.europa.eu/development/policies/9interventionareas/humandev/humandevhealth3_en.cfm

Sito Internet del commissario europeo per lo sviluppo, Andris Piebalgs:

http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/piebalgs/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website