Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/1169

Bruxelles, 24 settembre 2010

Notte dei ricercatori europei: dalla fantascienza alla scienza

Beam me up! Oggi, nell’intera UE si terranno più di 200 manifestazioni nell’ambito della "6a Notte dei Ricercatori Europei", evento teso a promuovere la carriera di scienziato e ricercatore. Alle manifestazioni, che prevedono tra l’altro una discoteca inserita in un ecosistema virtuale, la riproduzione di fulmini artificiali in laboratorio e un’esplorazione – tra scienza e fantascienza – della comparsa a distanza e dell’invisibilità, sono attese 500 000 persone circa. I fans di Star Trek e di Harry Potter saranno sorpresi nell’apprendere che le “sparizioni” dei loro eroi non sono necessariamente pura fantasia.

Androulla Vassiliou, commissario europeo all’istruzione, alla cultura, al multilinguismo e alla gioventù, ha commentato: “La ‘Notte dei Ricercatori Europei’ presenta il lavoro di centinaia di brillanti scienziati coinvolti nella ricerca e nell’innovazione in Europa. Contribuire alla ricerca per far sì che un numero maggiore di giovani europei si interessi alla carriera scientifica è fondamentale per la futura competitività dell’UE nel mondo globalizzato, per favorire la crescita sostenibile e creare quei posti di lavoro di cui l’Europa ha urgente bisogno”.

Ha dichiarato, Máire Geoghegan-Quinn, commissario alla ricerca, all’innovazione e alla scienza: “Le Notti dei Ricercatori danno a chiunque la possibilità di vedere l’Europa dei ricercatori trarre ispirazione e immaginare futuri progressi in campi che vanno dalla moda alla medicina legale. Manifestazioni come questa dimostrano – molto più di un discorso politico – che la scienza è importante, che la scienza muta quotidianamente le condizioni di vita, che la scienza è divertente.”

Chi visiterà le manifestazioni della Notte dei Ricercatori Europei in varie parti d’Europa potranno toccare con mano sofisticate apparecchiature scientifiche, incontrare ricercatori e godere affascinanti dimostrazioni che avvicinano il mondo della scienza alla vita normale. Oltre 600 musei, cittadelle e laboratori universitari apriranno le loro porte al pubblico.

Punti culminanti delle centinaia di manifestazioni organizzate in tutta Europa:

  • Italia - Planetarium di Roma accoglierà “Trekkies” e patiti di Harry Potter. I principi scientifici dietro le “riapparizioni a distanza” e l’invisibilità non sono mera fantasia: ricercatori italiani spiegheranno dove si trovi oggi la linea di demarcazione tra fantascienza e ricerca tangibile.

  • Polonia - scienziati dell’università AGH per la Scienza e la Tecnologia (Cracovia) genereranno una tempesta all’interno di un laboratorio ad alta tensione.

  • Regno Unito - il museo di storia naturale di Londra ha organizzato visite speciali dietro le quinte. I visitatori potranno vedere da vicino esemplari autentici e partecipare a dimostrazioni e discussioni con i ricercatori su vari argomenti che vanno dalle più recenti tecniche usate per seguire i meteoriti al lavoro di investigazione del gruppo di medicina legale del museo.

  • Germania - ad Amburgo, l’orchestra sinfonica “Felix Mendelssohn” metterà insieme suoni e immagini naturali in un’opera musicale sui generis per diffondere l’idea della bellezza della biodiversità. Il professor Clemens Malich dirigerà 80 giovani musicisti per evidenziare il loro contributo alla conservazione delle specie in pericolo.

  • Spagna - nel giardino botanico reale Juan Carlos I, a Madrid, i batteri dello stagno saranno usati per produrre elettricità che alimentare un iPod dal quale emaneranno le note della “Musica sull’acqua" di Händel. Sono anche previste discussioni su argomenti attinenti alla fantascienza, come macchine contro esseri umani.

  • Belgio - Un DJ si servirà della biodiversità per trascinare gli ospiti sulla pista da ballo del Palais des Beaux-Arts a Bruxelles. In tale sede verrà riprodotto un ecosistema virtuale, popolato da specie provenienti dal Mar del Nord, da fiumi africani e da spazi urbani di Bruxelles.

  • Ungheria - giovani di Budapest si appassioneranno alle avventure di una coraggiosa eroina che elabora composti chimici per battere un mago diabolico. Manifestazioni di danza e moda nel palazzo Barabas completeranno la presentazione teatrale della Bay Zoltán Foundation for Applied Research.

  • Francia - il Museo archeologico e delle Belle Arti di Besançon farà da sfondo a una sceneggiatura futuristica.

L’elenco delle manifestazioni è allegato in appendice.

Contesto

La 1° Notte dei Ricercatori Europei venne organizzata nel 2005. Da allora, il numero di paesi che partecipano all’iniziativa è raddoppiato e il numero di città coinvolte è decuplicato. L’anno scorso, hanno partecipato alle manifestazioni della Notte dei Ricercatori Europei 450 000 persone.

L’UE sostiene la Notte dei Ricercatori Europei attraverso il programma “Persone”. Le manifestazioni del 2010 hanno un bilancio di 3,5 milioni di euro.

La Notte dei Ricercatori Europei è gestita dalla “Agenzia esecutiva per la ricerca” (Research Executive Agency - REA).

Lo sviluppo delle carriere nella ricerca è sostenuto attraverso le “Azioni Marie Curie”, che saranno dotate di un bilancio di 772 milione di euro nel 2011.

Link

Elenco delle manifestazioni della Notte dei Ricercatori in Europa:

http://ec.europa.eu/research/researchersnight/

Strategia UE 2020: http://ec.europa.eu/eu2020/index_en.htm

Programma “Persone” – 7° programma quadro di ricerca:

http://ec.europa.eu/research/fp7/index_en.cfm

Azioni Marie Curie: http://ec.europa.eu/mariecurieactions

Agenzia esecutiva per la ricerca http://ec.europa.eu/research/rea/


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website