Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/10/1104

Bruxelles, 9 settembre 2010

Azioni Marie Curie: un record di candidature alle borse di ricerca UE

Circa 5 000 ricercatori sono candidati quest'anno a una borsa Marie Curie finanziata dall'UE, il che rappresenta un aumento del 20% rispetto all'anno scorso e del 70% rispetto al 2008. Circa 800 borse per un totale di 150 milioni di euro saranno concesse ai ricercatori che lavorano su progetti della durata massima di tre anni in un altro paese. Per la prima volta è disponibile una voce di finanziamento per i ricercatori che desiderino riprendere la loro carriera dopo un'interruzione.

Androulla Vassiliou, Commissario europeo responsabile per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, ha affermato: "L'investimento dell'UE nell'istruzione superiore e nella ricerca è essenziale poiché aiuta l'Europa a competere sulla scena globale. Esso contribuisce anche agli obiettivi della strategia Europa 2020 agevolando i progetti di ricerca comuni condotti in tutta l'UE. Il numero elevato di candidature per le nostre borse Marie Curie evidenzia l'importanza che la comunità dei ricercatori attribuisce al programma e all'esperienza internazionale che esso offre."

Ricercatori mobili

Più di 15 000 ricercatori hanno ricevuto borse individuali Marie Curie a partire dall' inaugurazione di quest'ultime nel 1990. Possono fare richiesta di una borsa i ricercatori con diploma di dottorato o con un'esperienza di ricerca almeno quadriennale. È disponibile un aiuto per i ricercatori che si spostano all'interno dell'Europa o anche in altre parti del mondo. Le borse sono anche aperte ai ricercatori di punta di paesi extra UE che intendono condurre ricerche in Europa.

Le domande sono valutate da un comitato indipendente costituito di scienziati di chiara fama europea e internazionale. La valutazione si basa sulla qualità scientifica del progetto e sulle sue probabili ripercussioni per la competitività europea nonché sull'eccellenza dell'istituto ospitante e del ricercatore.

A causa del numero elevato di candidature vengono finanziati soltanto i progetti migliori. I risultati dell'attuale tornata di selezione dovrebbero essere noti a fine anno.

I borsisti Marie Curie beneficiano di una formazione eccellente che li prepara per il loro lavoro futuro. Essi ricevono contratti di assunzione per una durata massima di tre anni nonché una copertura assicurativa e pensionistica completa. Nell'importo delle borse è compreso anche un contributo per i costi della ricerca e della formazione.

La dott.ssa Charlotte Faurie, una ricercatrice francese che ha ricevuto tra il 2005 e il 2007una borsa per studiare lo sviluppo dei bambini presso l'Università di Sheffield, nel Regno Unito, ricorda: "La borsa Marie Curie mi ha dato la libertà e la flessibilità che sono così importanti quando ti trovi ancora alla ricerca della tua posizione e della tua specialità nel mondo della scienza." Essa è convinta che la borsa Marie Curie abbia accelerato la sua carriera, poiché ha funto da trampolino verso un'occupazione permanente nel campo della ricerca nel suo paese natale.

Le azioni Marie Curie

Oltre alle borse individuali le azioni Marie Curie sostengono anche i dottorandi, i partenariati tra il mondo accademico e l'industria, gli scambi brevi e il reinserimento dei ricercatori che rientrano dall'estero.

Esse fanno parte del programma "Persone" nell'ambito del Settimo programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico dell'UE. Nel 2011 le azioni Marie Curie avranno una dotazione complessiva di 772 milioni di euro e dovrebbero creare 7 000 nuovi posti di lavoro.

Per saperne di più:

Per ulteriori informazioni sulle azioni Marie Curie, comprese le modalità e le scadenze per presentare la propria candidatura:

http://ec.europa.eu/research/mariecurieactions/

Borse Marie Curie: success stories:

http://ec.europa.eu/research/mariecurieactions/docs/inspiring_researchers_en.pdf


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website