Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/09/ 851

Bruxelles, 29 maggio 2009

Cambiamenti climatici: nel 2007 le emissioni di gas serra calano per il terzo anno consecutivo

Stavros Dimas, commissario europeo responsabile dell'ambiente, ha constatato oggi con soddisfazione che per il terzo anno consecutivo le emissioni di gas a effetto serra dell'UE sono diminuite. L'inventario delle emissioni compilato dall'Agenzia europea dell'ambiente per il 2007, l'ultimo anno per il quale sono disponibili dati completi, indica un calo dell'1,6% delle emissioni nell'UE-15 rispetto al 2006 mentre l'economia è cresciuta del 2,7%. Con tale calo le emissioni nell'UE-15 scendono del 5,0% rispetto al loro livello nell'anno di riferimento (il 1990 nella maggior parte dei casi). Ciò indica che l'UE-15 è sulla buona strada per conseguire l'obiettivo per essa stabilito dal protocollo di Kyoto di ridurre mediamente le emissioni dell'8% nel periodo 2008-2012 rispetto al livello dell'anno di riferimento. Nell'EU-27 le emissioni sono calate dell'1,2% nel corso dell'anno e risultano diminuite del 12,5% rispetto all'anno di riferimento.

Il commissario Dimas ha dichiarato: "Le recenti riduzioni delle emissioni nell'UE-15 ci confermano che saremo in grado di raggiungere l'obiettivo per noi previsto dal protocollo di Kyoto. Il fatto che ancora una volta nel 2007 si registri una notevole riduzione delle emissioni in oltre la metà degli Stati membri dell'UE-15 ci porta a concentrare i nostri sforzi sulla conclusione di un ambizioso accordo globale sul clima per il periodo successivo al 2012 nell'ambito della conferenza di Copenaghen in dicembre. Tale accordo costituirà l'ambito per procedere a riduzioni delle emissioni a livello mondiale in futuro.

Egli ha quindi aggiunto: "Sebbene nel 2007 la riduzione delle emissioni nell'UE-15 fosse in parte dovuta a condizioni atmosferiche favorevoli in alcuni Stati membri, la tendenza al calo negli ultimi tre anni indica che iniziano a dare frutti le politiche e le misure proattive in materia di clima adottate a livello nazionale e dell'UE in seguito a Kyoto. Il pacchetto su clima ed energia approvato il mese scorso garantirà negli anni a venire riduzioni ancora più rilevanti."

Tendenza al calo delle emissioni a fronte di una crescita economica

Il calo dell '1,6% nelle emissioni dell' UE-15 tra il 2006 e il 2007 si contrappone ad un incremento del 2,7% del PIL nello stesso periodo. Ciò significa che l'UE è riuscita a scindere ulteriormente le emissioni dalla crescita economica. Le emissioni erano diminuite anche nel corso dei due anni precedenti, dello 0,9% nel 2005 e dello 0,6% nel 2006.

Il principale fattore di riduzione delle emissioni nel 2007 – per 64 milioni di tonnellate di CO 2 equivalente – è stato il calo di emissioni degli utenti domestici, a causa di temperature più miti, delle industrie manifatturiere e del settore siderurgico. Sono invece aumentate le emissioni provocate da refrigerazione e condizionamento d'aria.

Nella maggior parte dei settori è stata registrata una riduzione delle emissioni nel periodo che va dall 'anno di riferimento al 2007. Le emissioni del settore industriale sono calate del 14,1%, quelle del settore dell'energia senza i trasporti del 7,4%, quelle dovute all'uso di solventi e di altri prodotti del 23,7%, quelle dell'agricoltura dell'11,3% e quelle provocate dai rifiuti del 38,9%. Sono invece aumentate del 23,7% le emissioni causate in genere dai trasporti e del 24,7% quelle provocate dai trasporti su strada.

Nell ' UE-27 le emissioni sono scese dell'1,2% nel corso dell'anno. Pertanto sono calate del 12,5% rispetto al livello dell'anno di riferimento, che per alcuni Stati membri non è il 1990, e del 9,3% rispetto ai livelli del 1990. La riduzione rispetto al 2006, pari a 59,4 milioni di tonnellate di CO 2 , equivalente, è in larga misura attribuibile agli stessi motivi indicati per l'UE-15. Gli aumenti di emissioni nell'UE-27 sono stati registrati nei settori dei trasporti, della produzione di cemento e della produzione pubblica di energia elettrica e di calore nonché della refrigerazione e del condizionamento d'aria.

Il protocollo di Kyoto non prevede un obiettivo di riduzione delle emissioni per l'UE‑27 poiché all'epoca gli Stati dell'UE-12 non facevano ancora parte dell'Unione. Tuttavia, tutti gli Stati dell'UE-12 si sono impegnati a titolo individuale nell'ambito del protocollo di Kyoto a ridurre le emissioni del 6% o dell'8% rispetto ai livelli dell'anno di riferimento, con l'eccezione di Cipro e Malta che non hanno alcun obiettivo.

I dati sono stati compilati dall'Agenzia europea dell'ambiente e presentati alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

Ulteriori informazioni

Agenzia europea per l'ambiente

www.eea.europa.eu

Allegato

Emissioni di gas ad effetto serra espresse in CO 2   equivalenti (esclusi i serbatoi di carbonio) rispetto agli obiettivi del Protocollo di Kyoto per il periodo 2008-2012

STATO MEMBRO

1990

Protocollo di Kyoto
anno di riferimento
1)

2007

Variazione 2006 – 2007

Variazione 2006 – 2007

Variazione 1990 – 2007

Variazione anno di riferimento – 2007

Obiettivi 2008-2012 nel Protocollo di Kyoto e secondo la "ripartizione degli oneri nell'UE"

(in milioni di tonnellate)

(in milioni di tonnellate)

(in milioni di tonnellate)

(in milioni di tonnellate)

(%)

(%)

(%)

(%)

Austria

79,0

79,0

88,0

-3,6

-3,9%

11,3%

11,3%

-13,0%

Belgio

143,2

145,7

131,3

-5,3

-3,9%

-8,3%

-9,9%

-7,5%

Danimarca

69,1

69,3

66,6

-4,4

-6,2%

-3,5%

-3,9%

-21,0%

Finlandia

70,9

71,0

78,3

-1,6

-2,0%

10,6%

10,3%

0,0%

Francia

562,6

563,9

531,1

-10,6

-2,0%

-5,6%

-5,8%

0,0%

Germania

1215,2

1232,4

956,1

-23,9

-2,4%

-21,3%

-22,4%

-21,0%

Grecia

105,6

107,0

131,9

3,8

2,9%

24,9%

23,2%

25,0%

Irlanda

55,4

55,6

69,2

-0,5

-0,7%

25,0%

24,5%

13,0%

Italia

516,3

516,9

552,8

-10,2

-1,8%

7,1%

6,9%

-6,5%

Lussemburgo

13,1

13,2

12,9

-0,39

-2,9%

-1,6%

-1,9%

-28,0%

Paesi Bassi

212,0

213,0

207,5

-1,0

-0,5%

-2,1%

-2,6%

-6,0%

Portogallo

59,3

60,1

81,8

-2,9

-3,4%

38,1%

36,1%

27,0%

Spagna

288,1

289,8

442,3

9,3

2,1%

53,5%

52,6%

15,0%

Svezia

71,9

72,2

65,4

-1,5

-2,2%

-9,1%

-9,3%

4,0%

Regno Unito

771,1

776,3

636,7

-11,2

-1,7%

-17,4%

-18,0%

-12,5%

UE-15

4232,9

4265,5

4052,0

-64,0

-1,6%

-4,3%

-5,0%

-8,0%

Bulgaria

117,7

132,6

75,5

4,2

5,9%

-35,8%

-43,0%

-8,0%

Cipro

5,5

5,5

10,1

0,2

1,6%

85,3%

Non applicabile

Non applicabile

Repubblica ceca

194,7

194,2

150,8

1,7

1,2%

-22,5%

-22,4%

-8,0%

Estonia

41,9

42,6

22,0

2,8

14,8%

-47,5%

-48,3%

-8,0%

Ungheria

99,2

115,4

75,9

-2,9

-3,7%

-23,5%

-34,2%

-6,0%

Lettonia

26,7

25,9

12,1

0,4

3,5%

-54,7%

-53,4%

-8,0%

Lituania

49,1

49,4

24,7

1,9

8,1%

-49,6%

-49,9%

-8,0%

Malta

2,0

2,0

3,0

0,07

2,3%

45,7%

Non applicabile

Non applicabile

Polonia

459,5

563,4

398,9

-0,4

-0,1%

-13,2%

-29,2%

-6,0%

Romania

243,0

278,2

152,3

-1,6

-1,0%

-37,3%

-45,3%

-8,0%

Slovacchia

73,3

72,1

47,0

-2,0

-4,1%

-35,9%

-34,8%

-8,0%

Slovenia

18,6

20,4

20,7

0,2

0,7%

11,6%

1,8%

-8,0%

UE-27

5564,0

Non applicabile

5045,1

-59,4

-1,2%

-9,3%

Non applicabile

Non applicabile


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website