Navigation path

Left navigation

Additional tools

Conferenza della Commissione sui progressi dell’asse ferroviario prioritario Genova-Rotterdam

European Commission - IP/09/833   26/05/2009

Other available languages: EN FR DE NL

IP/09/833

Bruxelles, 26 maggio 2009

Conferenza della Commissione sui progressi dell’asse ferroviario prioritario Genova-Rotterdam

Oggi il vicepresidente Tajani si è riunito a Genova con i ministri dei trasporti, o i loro rappresentanti, dei Paesi Bassi, della Germania, del Belgio, della Francia, della Svizzera e dell’Italia per accelerare la realizzazione dell’asse ferroviario prioritario fra Genova e Rotterdam. Questo asse ferroviario per il traffico merci e passeggeri, che corre lungo la dorsale nord-sud ed è noto come asse prioritario n. 24, collega Genova/Lione – Basilea – Duisburg – Rotterdam/Anversa. Il corridoio A Genova-Rotterdam per il trasporto merci è una componente fondamentale dell’asse prioritario n. 24 e si prevede che sarà uno dei primi sei corridoi principali per il trasporto merci a essere attrezzato con il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (European rail traffic management system, ERTMS).

“Il completamento di questo asse ferroviario è un progetto molto ambizioso in quanto promuove la crescita economica e la competitività sostenibile nel mercato interno. Per questo motivo è necessario un forte impegno politico da parte di tutti gli Stati membri interessati e anche da parte della Commissione europea”, ha dichiarato Antonio Tajani, vicepresidente e commissario responsabile dei trasporti.

Visto che lungo i 1 400 km dell’asse Genova-Rotterdam il traffico merci per ferrovia è in forte crescita [1] , il corridoio ha beneficiato di una particolare attenzione. Si prevede inoltre che questo corridoio, che costituisce una componente fondamentale dell’asse prioritario n. 24, sarà anche il primo corridoio ferroviario merci in Europa a essere completamente attrezzato con il sistema ERTMS a partire dal 2015 [2] .

“L’ERTMS è indispensabile per garantire una rete ferroviaria efficiente e integrata nell’Unione europea. Lungo il corridoio A sono già stati compiuti sforzi esemplari per rispondere a questa esigenza”, ha dichiarato Karel Vinck, coordinatore dell’UE responsabile del progetto ERTMS.

L’intero asse ferroviario prioritario potrà trarre i benefici offerti da questa esperienza al momento di applicare l’ERTMS per il trasporto passeggeri sia convenzionale che ad alta velocità, che in parte usa la stessa infrastruttura del traffico merci.

La conferenza di oggi si è conclusa con la firma di due dichiarazioni. La prima definisce gli obiettivi a lungo termine per l’asse ferroviario prioritario n. 24, mentre la seconda stabilisce un piano dettagliato di realizzazione dell’ERTMS lungo il corridoio A e getta le basi di un ambizioso programma di lavoro che comprende la riduzione dell’inquinamento acustico, l’ottimizzazione dell’uso dell’infrastruttura e il miglioramento della qualità dei servizi.



[1] Il traffico registrato su base annua, che oggi è pari a 28 miliardi di tonnellate-chilometro, dovrebbe raddoppiare entro il 2020.

[2] La sezione Mattstetten – Rothrist è dotata del sistema ERTMS dal 2004, mentre quella della galleria del Lötschberg e la linea della Betuwe,
che collega il porto di Rotterdam con i confine tedesco, lo sono dal giugno 2007.

 


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website