Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE

IP/09/825

Bruxelles, 25 maggio 2009

Aiuti di Stato: la Commissione approva la misura italiana per il capitale di rischio diretta a rilanciare l’economia reale

La Commissione europea ha approvato, ai sensi delle norme del trattato CE in materia di aiuti di Stato, un pacchetto di misure temporanee, presentato dall’Italia, che adatta alcuni regimi esistenti relativi al capitale di rischio per agevolare le possibilità di accesso al finanziamento delle imprese nell’attuale crisi economica. La misura consentirà investimenti più flessibili in capitale di rischio fino al 2010, in linea con il quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell’attuale situazione di crisi finanziaria e economica (vedi IP/08/1993).

Neelie Kroes, commissario responsabile per la concorrenza, ha dichiarato: “ L'attuale crisi esige risposte urgenti. L’Italia ha saputo trarre giusto profitto dal nuovo quadro di riferimento temporaneo per gli aiuti di Stato e me ne compiaccio perché ha dato modo alla Commissione di approvare la misura rapidamente.”

L’Italia ha in effetti notificato alla Commissione il pacchetto di misure a norma del quadro temporaneo; la misura italiana a favore del capitale di rischio è la prima autorizzata dalla Commissione.

La misura consente in particolare a cinque regimi relativi al capitale di rischio di portare, fino al 2010, le tranche massime di investimento da 1,5 milioni a 2,5 milioni di euro su un periodo di 12 mesi. L’importo minimo di finanziamento proveniente da privati passerà temporaneamente dal 50% al 30%.

La durata e le soglie sono in linea con le disposizioni sul capitale di rischio previste dal quadro di riferimento temporaneo della Commissione per gli aiuti di Stato.

Agevolare l’accesso al capitale di rischio delle piccole e medie imprese (PMI) che si trovino nelle fasi iniziali del loro ciclo di vita è lo scopo dei regimi di investimento interessati:

·        regime di aiuti a favore del capitale di rischio – Italia;

·        interventi a livello di capitale di rischio a favore di imprese cooperative - Regione Marche;

·        Fondo NEXT – Regione Lombardia;

·        aiuti a favore degli investimenti in private equity - Camera di commercio di Vicenza;

·        Fondo di capitale di rischio per le PMI – Regione Campania.

La versione non riservata della decisione sarà consultabile con il numero N 279/2009 nel Registro degli aiuti di Stato ( State Aid Register ) sul sito internet della DG Concorrenza ( DG Competition ). L'elenco delle ultime decisioni in materia di aiuti di Stato pubblicate nella Gazzetta ufficiale e su Internet è riportato nel bollettino elettronico State Aid Weekly e-News .


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website