Navigation path

Left navigation

Additional tools

Dal 1° luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming

European Commission - IP/09/620   22/04/2009

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/09/620

Strasburgo, 22 aprile 2009

Dal 1° luglio costeranno molto meno gli SMS, le chiamate e i servizi di dati in roaming

Dal 1° luglio un SMS spedito dall’estero nell’UE non costerà più di 0,11 euro, rispetto agli 0,28 euro attuali. È finito il tempo in cui i consumatori dovevano attendersi “bollette astronomiche” per scaricare una foto o un film con un cellulare in roaming nell’UE. Oggi il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, ha votato a larga maggioranza a favore delle nuove regole dell’UE sugli SMS e sul roaming dei dati, proposte in settembre 2008 dalla Commissione europea (IP/08/1386). Il Parlamento ha anche votato a favore di ulteriori diminuzioni del prezzo delle chiamate telefoniche in roaming in un altro Stato membro dell’UE. Il prezzo massimo per una chiamata da cellulare all’estero diminuirà progressivamente da 0,46 euro a 0,35 euro al minuto entro luglio 2011 e dagli attuali 0,22 euro a 0,11 euro per le chiamate ricevute in roaming all’estero. Gli operatori di telefonia mobile dovranno fatturare le chiamate in roaming al secondo a partire dal 31° secondo al massimo, e ciò porrà fine alla pratica vigente che impone ai consumatori un sovrapprezzo fino al 24%. Poiché il Consiglio dei ministri delle telecomunicazioni dell’UE ha già espresso il suo accordo sulle nuove regole sul roaming, il voto di oggi spiana la strada all’entrata in vigore delle nuove norme appena in tempo per le vacanze estive. I consumatori europei risparmieranno fino al 60% delle loro bollette per l’utilizzo di un cellulare all’estero all’interno dell’UE.

Apprezzo il forte sostegno dato oggi dal Parlamento europeo alla proposta della Commissione di creare un mercato unico delle telecomunicazioni per tutti i cittadini europei che attraversano una frontiera per turismo o affari,” ha dichiarato José Manuel Barroso, Presidente della Commissione europea. “Dopo questo voto, l’Europa è chiaramente il continente più interessante nel mondo per gli utenti della telefonia mobile. Mi attendo che tutto ciò si traduca molto velocemente in una crescita più sostenuta dei servizi mobili di trasmissione dati nell’UE.

Il voto di oggi segna la fine delle tariffe esagerate del roaming in Europa” ha affermato la commissaria dell’UE per le telecomunicazioni, Viviane Reding. “Grazie al forte sostegno del Parlamento europeo e del Consiglio le nuove norme sul roaming sono state approvate in un tempo record di soli 7 mesi, appena in tempo per le vacanze estive. I cittadini europei potranno così vedere gli effetti del mercato unico senza frontiere sulle loro bollette telefoniche”

“In periodi di crisi economica, rafforzare il potere di acquisto dei consumatori rappresenta un forte strumento per una rapida ripresa”, ha dichiarato Meglena Kuneva, commissaria dell’UE responsabile per la tutela dei consumatori. “È per questo motivo che il voto odierno rafforzerà i consumatori e stimolerà ulteriormente la ripresa della telefonia mobile in Europa.”

Le nuove regole dell’UE sul roaming approvate oggi dal Parlamento avranno i seguenti effetti:

  • fisseranno il prezzo massimo che i consumatori dovranno pagare per spedire un SMS all’estero a 0,11 euro (IVA esclusa), rispetto a un prezzo medio attuale di 0,28 euro (con punte di circa 0,35 euro per SMS in roaming nei Paesi Bassi e in Portogallo);
  • ridurranno sostanzialmente le tariffe sul roaming di dati, (il costo della navigazione sul web o del download di film con un cellulare all’estero) introducendo un prezzo all’ingrosso massimo di 1 euro per megabyte scaricato, rispetto a un prezzo medio all’ingrosso di 1,68 euro per megabyte, con picchi in Irlanda (6,82 euro), Grecia (5,30 euro) e Estonia (5,10 euro). Il prezzo massimo all’ingrosso scenderà a 0,80 euro nel 2010 e a 0,50 euro nel 2011;
  • proteggeranno i consumatori dalle “bollette astronomiche” consentendo ai clienti di scegliere un meccanismo di blocco quando la bolletta raggiunge 50 euro, o un’altra soglia più elevata a scelta del consumatore. Entro marzo 2010 gli operatori dovranno porre in essere dette misure di trasparenza. Di recente un cliente tedesco che aveva scaricato un programma televisivo in roaming mentre era in Francia ha dovuto pagare una bolletta di 46 000 euro;
  • ridurranno ulteriormente i prezzi massimi per le chiamate in roaming. Attualmente a 0,46 euro per chiamata fatta e 0,22 euro per chiamata ricevuta all’estero, a partire dal 1° luglio 2009 i massimali diminuiranno a 0,43 per chiamate fatte e a 0,19 per chiamate ricevute all’estero, a 0,39 euro e a 0,15 euro dal 1° luglio 2010 e a 0,35 e a 0,11 entro il 1° luglio 2011 (tutti i prezzi sono al minuto, IVA esclusa);
  • introdurranno il principio di fatturazione al secondo dopo i primi 30 secondi per chiamate fatte in roaming e dal primo secondo per le chiamate ricevute all’estero. Attualmente i consumatori pagano circa il 20% in più dell’effettivo tempo di chiamata fatta o ricevuta.

In seguito al voto odierno del Parlamento il nuovo regolamento dell’UE sul roaming diverrà una norma direttamente applicabile da tutti i 27 Stati membri a partire dal 1° luglio 2009.

Le nuove norme sul roaming, che si aggiungono a un primo regolamento dell’UE sui servizi di roaming vocale adottato nel 2007 (IP/07/870) si applicheranno fino all’estate 2012. Il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione di relazionare sul funzionamento delle nuove regole entro l’estate del 2010. Allora la Commissione potrebbe proporre altre norme, se necessario, entro la fine di giugno 2011. “Lo sviluppo del mercato del roaming sarà esaminato attentamente dall’UE durante i prossimi 3 anni”, ha affermato la commissaria Reding. “Spero molto che il settore della telefonia mobile recepisca questo messaggio. Spetta ora agli operatori della telefonia mobile dimostrare che nel mercato del roaming può esserci una sana competizione. La prova migliore potrebbe essere data dalla comparsa in brevissimo tempo sul mercato di pacchetti interessanti per i servizi di roaming vocale e la trasmissione dati in roaming”

Contesto:

Dall’insediamento dell’attuale Commissione europea l’uso della telefonia mobile nell’UE è aumentato dall’84,6% al 119% della popolazione (IP/09/473).

Il mercato europeo delle telecomunicazioni conta 500 milioni di potenziali utilizzatori della telefonia fissa e mobile, internet a banda larga e servizi mobili di trasmissione dati. Per risolvere i problemi strutturali della concorrenza e della conformità normativa in questo mercato e per stimolare nuovi investimenti si prevede che il Parlamento europeo, nella seduta plenaria di maggio, voterà una grande riforma delle norme in materia di telecomunicazioni nell’EU avviata dalla Commissione nel novembre 2007 (IP/07/1677, MEMO/07/458, IP/08/1661). Le nuove norme prevedono l’istituzione, entro gennaio 2010, di un Regolatore europeo per le telecomunicazioni, chiamato “BEREC” (l’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche).

Il sito web dell’UE sul roaming offre una panoramica sulle tariffe di roaming vigenti per paese dell’UE:

http://ec.europa.eu/information_society/activities/roaming/index_en.htm

Annex:

The new EU Roaming Rules in detail

1) SMS roaming

a) The situation today

Retail average SMS prices

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]b) The new EU rules on SMS roaming:

Maximum retail price allowed per SMS sent while roaming abroad in the EU (excluding VAT)

1 July 2009
1 July 2010
1 July 2011
€0.11
€0.11
€0.11

2) Data roaming

a) The situation today

Average wholesale price per data MB

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]

Average off-net retail price per MB

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]

b) The new EU rules on data roaming (2009)

Wholesale cap per megabyte of data transmitted while roaming abroad,

1 July 2009
1 July 2010
1 July 2011
€1.00
€0.80
€0.50

3) Voice roaming

a) The situation before the first EU roaming rules

Average price roaming voice calls for calls made (April – September 2007)

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]

Average price roaming voice calls for calls received (April – September 2007)

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]

b) The situation under the EU roaming rules 2007

Retail cap for mobile roaming charges ("Eurotariff"),
excluding VAT
(last column now superseded by new EU roaming rules 2009



30 August 2007

30 August 2008

30 August 2009
Eurotariff for
calls made from abroad

€0.49

€0.46

€0.43
Eurotariff for
calls received whilst abroad

€0.24

€0.22

€0.19

c) The new EU roaming rules on voice roaming (2009)

Retail cap for mobile roaming charges ("Eurotariff"),
excluding VAT
(first column advances entry into force of caps foreseen
by EU roaming rules 2007)



1 July 2009

1 July 2010

1 July 2011
Eurotariff for calls made from abroad
€0.43
€0.39
€0.35
Eurotariff for calls received whilst abroad
€0.19
€0.15
€0.11

4) The need for the principle of per second billing

(now to be introduced by the new EU roaming rules 2009)

Surcharge as a result of billed minutes for calls made and received for all consumers

[ Tabelle disponibili in PDF o Word PROCESSED ]


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website