Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/09/571

Bruxelles, 14 aprile 2009

Nell'era digitale la vita privata dei cittadini deve diventare una priorità, sostiene la commissaria UE Viviane Reding

In un video pubblicato stamani sul suo sito Internet, Viviane Reding, commissaria europea responsabile per la Società dell'informazione e i media, ha detto che i cittadini europei devono poter decidere sulle modalità di utilizzazione dei loro dati personali. Ha indicato che la Commissione prenderà delle iniziative se gli Stati membri dell'UE non riusciranno a garantire il rispetto di tale diritto nell’ambito delle nuove tecnologie, come la pubblicità in base ai comportamenti, i sistemi RFID (Radio Frequency IDentification) e i siti di socializzazione.

"I cittadini europei devono avere il diritto di controllare come sono utilizzate le loro informazioni personali" ha affermato la commissaria UE per la Società dell'informazione e i media, annunciando che la Commissione è pronta ad agire in diversi settori per difendere questo diritto, dato che gli sviluppi tecnologici rendono più facile l’uso, e l’abuso, dei dati personali. Essa ha avvertito che l'UE intende prendere dei provvedimenti se gli Stati membri non riusciranno ad attuare le norme comunitarie in materia di privacy e di obbligo del consenso da parte dell’utente per l’elaborazione dei suoi dati personali.

"Le regole europee in materia di privacy sono chiarissime: i dati personali possono essere utilizzati soltanto previo consenso dell’interessato. Non possiamo rinunciare a questo principio fondamentale e accettare che tutti i nostri scambi siano controllati, esaminati e memorizzati in cambio della promessa di una pubblicità “personalizzata”! Non esiterò a prendere le iniziative opportune se uno Stato membro dell'UE non ottempera a tale obbligo” ha detto la commissaria Reding nel suo videomessaggio.

Viviane Reding ha inoltre indicato che sarà possibile realizzare il potenziale economico delle chip intelligenti per l’identificazione a radiofrequenza (RFID), integrate nei prodotti per inviare segnali radiofonici, soltanto se queste sono usate dal consumatore e non a scapito del consumatore. Nessun cittadino europeo deve avere in un bene di sua proprietà una di queste chip senza essere informato esattamente di come questa sia utilizzata e poterla togliere o disattivare in qualsiasi momento.

La commissaria ha inoltre invitato le società che gestiscono siti di socializzazione a rafforzare la tutela della privacy in linea: "Ritengo che la privacy debba costituire una priorità per i fornitori di social networking e i loro utenti. Penso che almeno i profili dei minorenni debbano essere automaticamente classificati come “privati” e resi inaccessibili ai motori di ricerca. La Commissione europea ha già chiesto ai siti di socializzazione di riservare una particolare attenzione ai profili dei minorenni, prevedendo un codice di autoregolamentazione. Sono tuttavia pronta a imporre nuove regole in materia, se necessario."

Contesto

La direttiva comunitaria relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche chiede agli Stati membri dell'UE di assicurare la riservatezza delle comunicazioni, vietandone l'intercettazione o la sorveglianza illegali, tranne qualora gli utenti abbiano dato il loro consenso (articolo 5, paragrafo 1, della direttiva 2002/58/CE). La direttiva comunitaria relativa alla tutela dei dati personali precisa che un utente deve liberamente dare un consenso specifico ed essere informato prima che i suoi dati personali siano oggetto di un trattamento (articolo 2, lettera h), della direttiva 95/46/CE).

Lo scorso mese di febbraio, la Commissione ha mediato un accordo tra le 17 più importanti organizzazioni di social networking al fine di migliorare la tutela della privacy, in particolare dei minori, sui siti di socializzazione internet (IP/09/232). In tale accordo le società in questione hanno riconosciuto le loro responsabilità nel garantire la sicurezza dei bambini, impegnandosi a consentire agli utenti di scegliere un approccio sicuro in materia di informazioni personali e di privacy e a incoraggiarli in tal senso. Verso la fine del mese in corso, tali società informeranno la Commissione sulle rispettive politiche in materia di sicurezza e su come intendono attuare i principi dell'accordo.

Il messaggio video della commissaria Reding è disponibile sul sito:

http://ec.europa.eu/commission_barroso/reding/video/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website