Navigation path

Left navigation

Additional tools

Antitrust: la Commissaria Kroes prende atto della decisione di MasterCard di ridurre la commissione interbancaria multilaterale (MIF) e di revocare i recenti aumenti delle proprie commissioni

European Commission - IP/09/515   01/04/2009

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/09/515

Bruxelles, 1° aprile 2009

Antitrust: la Commissaria Kroes prende atto della decisione di MasterCard di ridurre la commissione interbancaria multilaterale (MIF) e di revocare i recenti aumenti delle proprie commissioni

La Commissaria europea per la concorrenza Neelie Kroes ha dichiarato che, sulla base delle informazioni disponibili, non ritiene necessario procedere contro MasterCard per non aver rispettato una decisione della Commissione del 2007 secondo la quale la commissione interbancaria multilaterale (MIF) transfrontaliera di MasterCard violava le norme del trattato CE relative alle pratiche commerciali restrittive (vedi IP/07/1959 e MEMO/07/590). Dopo la decisione del 2007, il 12 giugno 2008 MasterCard ha soppresso temporaneamente la sua MIF transfrontaliera (vedi MEMO/08/397), ma ha aumentato le sue commissioni dall’ottobre 2008. Ora MasterCard ha deciso di applicare alla sua MIF per le operazioni transfrontaliere una nuova metodologia che ridurrà considerevolmente la media ponderata della MIF rispetto a quella che aveva violato le norme antitrust dell’UE. Con la nuova metodologia, la media ponderata della MIF massima per operazione scenderà allo 0,30% per le carte di credito al consumo e allo 0,20% per le carte di debito al consumo. MasterCard ha inoltre accettato di revocare dal luglio 2009 gli aumenti delle sue commissioni imposti nell’ottobre 2009. Infine, MasterCard ha acconsentito a modificare le regole del suo sistema dal luglio 2009 per aumentare la trasparenza e la concorrenza sul mercato delle carte di pagamento. L’applicazione di questi cambiamenti sarà monitorata attentamente nei prossimi mesi.

La Commissaria responsabile della concorrenza Neelie Kroes ha affermato: “Sono certa che, oltre a migliorare l'efficienza e la trasparenza del sistema di carte di pagamento MasterCard, questi impegni procureranno un'equa quota dei benefici a consumatori e dettaglianti. Il nuovo metodo di calcolo della MIF renderà la situazione più chiara per le banche e i dettaglianti e comporterà una riduzione sostanziale rispetto alla precedente MIF di MasterCard. Nei prossimi mesi ne sorveglieremo l’applicazione con la massima attenzione.".

Nel dicembre 2007 la Commissione ha deciso (vedi IP/07/1959 e MEMO/07/590) che la MIF istituita da MasterCard per le operazioni transfrontaliere effettuate con carte di debito e di credito al consumo MasterCard e Maestro nello Spazio economico europeo (SEE) non era conforme alla norme del trattato CE relative alle pratiche commerciali restrittive (articolo 81). La decisione, tuttavia, non escludeva la possibilità che una MIF fosse compatibile con le norme comunitarie antitrust qualora avesse effetti positivi in termini di innovazione ed efficienza e consentisse di trasferire ai consumatori una quota equa di questi benefici. La decisione dava sei mesi di tempo a MasterCard (fino al 21 giugno 2008) per adeguare il suo comportamento e conformarsi alle norme antitrust, con la possibilità di imporre il pagamento di ammende per ogni ritardo nell'applicazione della decisione stessa.

Il 12 giugno 2008 (vedi MEMO/08/397), MasterCard ha soppresso temporaneamente la sua MIF transfrontaliera, proseguendo al tempo stesso le discussioni su un metodo di calcolo della MIF che assicuri a clienti e dettaglianti un'equa quota dei benefici.

Impegni di MasterCard

MasterCard ha assunto tre impegni:

- in primo luogo, dal luglio 2009 MasterCard calcolerà la MIF transfrontaliera in modo che rifletta i benefici relativi alle operazioni che comporta per gli esercenti il fatto di accettare carte di pagamento anziché contanti. Questo metodo di calcolo ridurrà considerevolmente la media ponderata della MIF massima: 0,30% per operazione per le carte di credito al consumo e 0,20% per operazione per le carte di debito al consumo. A titolo di confronto, nel 2007 la MIF transfrontaliera di MasterCard variava dallo 0,80% all’1,90% e quella di Maestro da oltre lo 0,40% a oltre lo 0,75%;

- in secondo luogo, dal luglio 2009 MasterCard sopprimerà gli aumenti delle proprie commissioni annunciati nell’ottobre 2008 (vedi più avanti);

- in terzo luogo, dal luglio 2009 MasterCard adotterà misure volte a rendere più trasparente il suo sistema, consentendo a consumatori e esercenti di scegliere con maggior cognizione di causa i mezzi di pagamento che usano e accettano. Le regole di MasterCard, ad esempio, saranno modificate in modo da offrire e applicare agli esercenti tariffe diverse a seconda del tipo di carta utilizzato. Le tariffe offerte saranno quindi “pure”, le cosiddette tariffe "unblended".

Nell’ottobre 2008 MasterCard ha rivisto la propria struttura di prezzi per gli affilianti nel SEE, il che ha implicato anche l'aumento di determinate commissioni per gli affilianti (applicate da un sistema di carte di pagamento, in questo caso MasterCard, alle banche partecipanti nell’ambito della loro adesione al sistema), introducendo una nuova commissione per gli affilianti e revocando determinati esoneri dalle commissioni per gli affilianti. Ora però queste commissioni saranno soppresse.

Viste le modifiche che MasterCard apporterà alla sua MIF, il fatto che abbia accettato di sopprimere gli aumenti delle proprie commissioni e le informazioni attualmente disponibili su questi mercati, la Commissaria Kroes non intende proporre alla Commissione di procedere contro MasterCard per non aver rispettato la decisione della Commissione del 2007 o per aver violato le norme antitrust aumentando le sue commissioni o reintroducendo una MIF transfrontaliera.

Per quanto riguarda il comportamento di Visa sul mercato delle carte di pagamento, la Commissione proseguirà la sua indagine antitrust (vedi MEMO/08/170) e sorveglierà il comportamento di altri operatori di mercato per garantire un’effettiva concorrenza su questo mercato a vantaggio di esercenti e consumatori.

Per maggiori informazioni, vedi MEMO/09/143.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website