Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/09/190

Bruxelles, 29 gennaio 2009

Consumatori: l'UE intende vietare il dimetilfumarato (DMF) nei prodotti di consumo quali poltrone e scarpe

L'uso del biocida (DMF) dimetilfumarato – che ha causato gravi lesioni allergiche a centinaia di consumatori a causa della sua presenza in prodotti di consumo corrente quali poltrone e scarpe – appare destinato ad essere vietato in tutta l'UE. In data odierna gli Stati membri hanno votato a favore di un progetto di decisione della Commissione europea volta ad assicurare che i prodotti di consumo, quali mobili di pelle o calzature, contenenti questo prodotto altamente sensibilizzante non siano immessi sul mercato nell'UE. Se già presenti sul mercato questi prodotti dovrebbero essere oggetto di ritiro e richiamo tempestivi. In paesi quali la Francia, la Finlandia, la Polonia, la Svezia e il Regno Unito i consumatori esposti a prodotti contenenti DMF hanno avuto gravi problemi sanitari che vanno da prurito cutaneo a irritazione, arrossamenti, ustioni e, in certi casi, gravi difficoltà respiratorie. Il progetto di decisione della Commissione si prefigge l'adozione su scala UE di una misura di emergenza nelle more dell'adozione di una soluzione normativa più durevole. In seguito alla votazione odierna il progetto di decisione della Commissione verrà sottoposto per consultazione al Parlamento europeo prima di passare al collegio dei commissari per l'approvazione finale.

Meglena Kuneva, commissario UE responsabile per i consumatori, ha affermato: "Quando si tratta della sicurezza non ci possono essere compromessi. Sono lieta di constatare che il sistema RAPEX funziona bene ed assicura che prodotti pericolosi contenenti DMF siano celermente ritirati dal mercato. Dobbiamo però andare oltre e varare con urgenza una misura UE per affrontare il problema alla fonte. Un divieto su scala UE dell'uso di DMF in tutti i beni di consumo è destinato a eliminare i gravi rischi sanitari che esso comporta e in particolare le gravi reazioni allergiche riportate da certi consumatori esposti a questa sostanza chimica per il solo fatto di usare quotidianamente prodotti in pelle."

I rischi legati al DMF

Il dimetilfumarato (DMF) è usato dai fabbricanti quale biocida per eliminare le muffe che possono causare il deterioramento degli articoli di mobilio o delle calzature in pelle durante l'immagazzinamento e il trasporto in climi umidi. Confezionato in sacchetti che di solito sono applicati all'interno dei mobili o inseriti nelle scatole delle scarpe il DMF evapora e impregna il cuoio proteggendolo dalle muffe. È risultato però che questo prodotto ha gravi conseguenze per i consumatori che vi sono venuti a contatto.

Il DMF penetra attraverso gli indumenti e arriva alla pelle dei consumatori[1] causando dolorose dermatiti. Il fatto che in casi gravi sia particolarmente difficile la cura accresce ulteriormente il danno causato dal prodotto. La presenza di DMF costituisce quindi un grave rischio.

Questa sostanza chimica pericolosa ha iniziato a suscitare preoccupazione quando è iniziato a pervenire un numero elevato di notifiche dalle autorità degli Stati membri tramite il sistema di allarme rapido per i prodotti di consumo pericolosi diversi dagli alimenti (RAPEX).

Le notifiche riguardavano poltrone, divani e scarpe e i test clinici hanno confermato che le dermatiti riportate dai consumatori venuti a contatto con questi prodotti erano causate dal DMF[2]. La Francia e il Belgio hanno adottato quindi divieti su scala nazionale e la Spagna si prepara a fare altrettanto. La nuova decisione concordata oggi coprirà tutti gli Stati membri.

Le norme attuali

Il DMF è già vietato nella fabbricazione di beni all'interno dell'UE poiché i prodotti biocidi contenenti DMF non sono autorizzati in forza della direttiva sui biocidi (direttiva 98/8/CE). Tuttavia fabbricanti siti al di fuori dell'UE possono usare questi biocidi non autorizzati e quindi esportare i loro prodotti nell'UE. La decisione odierna protegge pertanto i consumatori dell'UE dal rischio costituito dal DMF contenuto in prodotti importati analogamente a quanto avviene per la protezione all'interno dell'UE.

Misure recenti introdotte dagli Stati membri

Nel dicembre 2008 la Francia ha adottato un decreto[3] che vieta per un anno l'importazione e l'immissione sul mercato di divani, poltrone e calzature contenenti DMF. Il decreto francese prescrive inoltre il richiamo di tutti questi prodotti contenenti in modo visibile tale sostanza o la cui confezione contiene in modo visibile il DMF. Nel gennaio 2009 il Belgio ha emanato un decreto[4] che vieta l'immissione sul mercato di tutti gli articoli e i prodotti contenenti DMF. La Spagna sta contemplando l'introduzione di un'analoga misura.

Contesto - RAPEX

RAPEX è il sistema UE di allarme rapido per i prodotti di consumo pericolosi diversi dagli alimenti ed assicura uno scambio rapido di informazioni tra gli Stati membri e la Commissione al fine di evitare la commercializzazione o l'uso di prodotti che presentano un grave rischio per la salute e la sicurezza dei consumatori.

Per ulteriori informazioni:

http://ec.europa.eu/consumers/safety/rapex/index_en.htm


[1] Williams JDL, et al (2008) An outbreak of furniture dermatitis in the U.K. . British Journal of Dermatology 159: 233-234.

[2] Rantanen T (2008) The cause of the Chinese sofa/chair dermatitis epidemic is likely to be contact allergy to dimethylfumarate, a novel potent contact sensitizer. Concise communication. British Journal of Dermatology 159: 218-221.

[3] Ministero dell'economia, dell'industria e dello sviluppo, decreto del 4 dicembre 2008 che sospende l'immissione sul mercato di divani, poltrone e calzature contenenti DMF. Gazzetta ufficiale francese, 10 dicembre 2008, atto 17/ 108.

[4] Il ministro della salute pubblica e il ministro per la protezione dei consumatori, decreto ministeriale riguardante il divieto di commercializzazione di articoli e prodotti contenenti DMF, gazzetta ufficiale belga, 12.1.2009


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website