Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

IP/ 09/1554

Bru xelles, 21 ottobre 2009

Consumatori: l'UE intende stabilire nuove norme di sicurezza per i prodotti per il sonno destinati a neonati e a bambini in tenera età

Gli Stati membri dell'UE hanno autorizzato oggi la definizione di nuove norme di sicurezza per gli articoli per il sonno destinati a bambini in tenera età – compresi i piumini, i sacchi-letto e i materassini – norme che dovrebbero contribuire a prevenire molti incidenti di cui rimangono vittima i bambini quando si trovano nel lettino. La votazione si è svolta a Bruxelles in seno al comitato per la sicurezza generale dei prodotti. Gli incidenti che si verificano nei lettini causano annualmente un numero maggiore di decessi infantili di quanti siano provocati da tutti gli altri prodotti per l'infanzia 1 . Stando alla banca dati europea sulle lesioni (European Injury Database) nell'UE si sono verificati, tra il 2005 e il 2007, 17 000 incidenti a danno di bambini da 0 a 4 anni che si trovavano nel lettino. Nonostante la frequenza di incidenti gravi e a volte fatali dovuti ai materassi per lettino, ai paracolpi per lettino, alle amache per bambini piccoli, ai piumini da letto per bambini e ai sacchi- nanna non vi sono attualmente norme di sicurezza europee per tali prodotti. Le nuove norme ridurranno il rischio di incidenti dovuti, ad esempio, al soffocamento causato da parti che si staccano, all'intrappolamento di un bambino dovuto a una concezione carente del materasso o all'asfissia causata da cordini o asole. Verranno inoltre introdotti altri requisiti necessari come quelli in materia di stabilità e di design al fine di ridurre il rischio di caduta e di lesioni dalle amache per bambini. La proposta di requisiti di sicurezza è ora soggetta a un periodo di scrutinio di tre mesi in seno al Parlamento europeo e al Consiglio e passerà quindi al collegio dei commissari per una decisione formale prima di essere inviata agli organismi europei di normazione.

Meglena Kuneva, commissario UE responsabile per i Consumatori, ha affermato: "Spetta ai genitori o a coloro che si occupano dei bambini giudicare come meglio gestire la sicurezza dei loro bambini. Tocca a noi però far sì che i genitori che scelgono questi prodotti non debbano poi preoccuparsi della loro sicurezza. Dobbiamo essere vigilanti nell'interesse dei nostri consumatori più vulnerabili. Le istruzioni devono essere estremamente chiare, i prodotti devono essere effettivamente quanto più sicuri possibile e devono superare tutti i necessari test di sicurezza."

La situazione attuale:

Le norme in merito alle quali si è votato oggi sono parte di una più ampia strategia della Commissione e degli Stati membri volta ad aggiornare un'ampia gamma di norme di sicurezza relative ai prodotti per l'infanzia nell'UE. In tutto il mondo si sono raccolte ampie prove del fatto che i prodotti per l'infanzia sono all'origine di un numero estremamente elevato di incidenti e di lesioni nella prima infanzia. Ad esempio, nel 2007 negli Stati Uniti i centri di pronto soccorso hanno dovuto trattare circa 62 000 bambini di meno di cinque anni che avevano riportato lesioni a causa di prodotti per l'infanzia. Nel 2007-2008 la Commissione europea, previa consultazione degli Stati membri, ha condotto uno studio che ha identificato i prodotti per l'infanzia più pericolosi in relazione ai quali non vi sono norme di sicurezza o, se ve ne sono, non coprono tutti i rischi. I cinque prodotti che sono stati al centro della votazione odierna sono tra i prodotti identificati in questo studio.

I problemi legati ai prodotti per il sonno destinati ai bambini

I principali rischi associati a questi prodotti sono i seguenti:

Materassi per lettino . Il rischio principale è dato dall'intrappolamento e dall'infiammabilità. Ad esempio, l'intrappolamento del neonato a causa di carenze nella progettazione del prodotto, come potrebbe essere un dimensionamento inappropriato – il materasso è troppo piccolo e lascia libere delle aperture in cui il bambino può rimanere intrappolato o soffocare. Un altro rischio lo si ha se il materasso non è conforme ai requisiti in materia di infiammabilità.

Sacchi-nanna per bambini e paracolpi per lettino. I rischi principali sono legati allo strangolamento, al soffocamento e all'asfissia a causa di cordini, asole, parti staccabili o imbottiture che diventano accessibili.

Piumini per bambini . Il rischio principale è legato al soffocamento e all'ipertermia. Se non vi sono adeguate informazioni di sicurezza questi prodotti possono essere la concausa del manifestarsi della sindrome della morte improvvisa del lattante (Sudden Infant Death Syndrome SIDS) in seguito a surriscaldamento e asfissia.

Amache per bambini. I rischi principali sono legati al soffocamento, all'intrappolamento e alle lesioni dovute a una concezione carente del prodotto in particolare instabilità o difetti strutturali.

Il contesto

Quotidianamente i neonati dormono in media 16 ore, mentre i bambini dai 3 ai 5 anni dormono circa 11-13 ore al giorno. Nel loro primo quinquennio di vita i neonati e i bambini in tenera età trascorrono almeno metà della giornata o anche più a contatto con prodotti per il sonno. Questi prodotti devono essere sicuri perché è proprio durante il sonno che i neonati e i bambini in tenera età sono spesso lasciati senza sorveglianza per periodi prolungati.

Le proposte

Le nuove norme UE introdurranno nuovi requisiti di sicurezza volti a migliorare la sicurezza generale di questi prodotti. Ad esempio, i materassi per lettini dovranno essere concepiti in modo da ridurre al minimo i rischi di intrappolamento o di asfissia assicurando che non vi siano lacune tra i materassi e le basi del lettino e che i bambini nel lettino non possano sollevare facilmente il materasso. I sacchi-nanna per bambini, i piumini per bambini e i paracolpi per lettino non dovranno presentare cordini, asole, piccole parti staccabili o spigoli acuminati tali da poter causare strangolamento, soffocamento o altre lesioni.

Gli avvertimenti e le istruzioni per l'uso dovranno contenere messaggi chiari sugli eventuali rischi specifici correlati a ciascun prodotto e dovranno anche includere i requisiti in materia di igiene. Cfr. MEMO/09/473 .

I prossimi passi

La proposta della Commissione sarà esaminata dal Parlamento europeo e dal Consiglio (periodo di scrutinio di tre mesi) e passerà quindi al collegio dei commissari per una decisione formale. Verrà quindi affidato un mandato al CEN (comitato europeo di normazione) che inizierà a elaborare le nuove norme, processo che può richiedere fino a due anni.

Lo studio:

http://ec.europa.eu/consumers/safety/projects/ongoing-projects_en.htm#project_results .

1 :

Commissione USA per la sicurezza dei prodotti di consumo (US Consumer Product Safety Commission - CPSC), 2009


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site