Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/09/ 1545

Bruxelles, 20 ottobre 2009

L’UE è pronta per la banda larga senza fili sulle frequenze GSM

La pubblicazione in data odierna, sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, di nuove misure che consentono ai telefoni 3G l’utilizzo delle frequenze GSM apre la strada a una nuova generazione di servizi mobili in Europa. Viene dato in tal modo seguito all’accordo raggiunto nel mese di luglio ( IP/09/1192 ) dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei ministri al fine di modernizzare la normativa europea (la direttiva GSM) sull’uso dello spettro radio necessario per i servizi mobili. Le nuove misure dell’UE favoriranno una maggiore concorrenza sul mercato europeo delle telecomunicazioni e agevoleranno gli operatori nella fornitura di servizi paneuropei più rapidi, come l’internet mobile, accanto ai servizi GSM attualmente disponibili. Esse favoriranno inoltre l’introduzione di servizi a banda larga senza fili, uno dei motori della ripresa economica dell’UE.

In un periodo di recessione economica, il settore europeo della telefonia mobile ha ricevuto oggi un chiaro segnale che indica il risoluto sostegno da parte dei responsabili delle politiche. La nuova normativa europea pubblicata oggi consente di riorganizzare lo spettro radio nella banda GSM per nuovi servizi mobili e di aumentare la concorrenza e offre al settore la possibilità di risparmiare fino a 1,6 miliardi di euro in costi di investimento ”, ha dichiarato Viviane Reding, commissario europeo responsabile delle telecomunicazioni. Con decisioni di questo tipo, l’Europa provvede a conservare un vantaggio competitivo nel settore dei servizi senza fili.

Le nuove norme comunitarie rientrano tra gli sforzi compiuti dalla Commissione europea per offrire maggiori opportunità di spettro alle comunicazioni senza fili. Le misure pubblicate oggi aprono la banda di frequenze GSM a dispositivi più avanzati di comunicazione senza fili. Una nuova decisione e una direttiva che modernizza la direttiva GSM del 1987 sono state pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’UE, divenendo in tal modo parte del diritto comunitario, e devono ora essere applicate in tutti i 27 Stati membri dell’Unione.

Le nuove norme consentono inoltre di adattare più facilmente l’attribuzione delle frequenze radio nella banda dei 900 MHz per consentire anche l’applicazione delle nuove tecnologie a banda larga ad alta velocità di quarta generazione. Gli apparecchi attuali continueranno a funzionare senza problemi ma potranno altresì utilizzare nuove tecnologie per accedere a servizi a banda larga ad alta velocità.

Le norme riformate avranno un impatto economico positivo sul settore e promuoveranno l’adozione di nuovi servizi senza fili, grazie alla riduzione dei costi di rete derivanti dall’utilizzo di bande di frequenza più basse.

La nuova decisione della Commissione stabilisce i parametri tecnici che permettono la coesistenza dei sistemi GSM (telefoni cellulari di seconda generazione - 2G) e UMTS (telefoni di terza generazione - 3G - che aggiungono ai servizi telefonici normali l ’internet mobile ad alta velocità), attivi sulle frequenze GSM di 900 e 1800 MHz in linea con la direttiva. La decisione si basa sulla decisione europea relativa allo spettro radio , che istituisce un meccanismo per l’adozione di norme tecniche armonizzate in base alle proposte provenienti dagli esperti nazionali in materia di frequenze radio.

Le amministrazioni nazionali dispongono ora di sei mesi per recepire la direttiva e applicare la decisione in modo tale da rendere le bande di frequenza GSM pienamente disponibili per i telefoni di terza generazione. Al momento dell’apertura delle licenze GSM esistenti, le autorità di regolamentazione nazionali dovranno esaminare le condizioni di concorrenza tra gli operatori di telefonia mobile e prendere misure contro le eventuali distorsioni, conformemente alla normativa comunitaria in materia di telecomunicazioni. La decisione prevede inoltre la possibilità di introdurre modifiche che permettano di includere parametri tecnici d’uso per altri sistemi non GSM la cui compatibilità potrà essere verificata in una fase successiva.

Contesto

La direttiva GSM del 1987 riservava l’uso di una parte della banda di frequenza 900MHz alle tecnologie di accesso note sotto il nome di GSM (Global System for Mobile o originariamente Groupe Spécial Mobile), come ad esempio i telefoni cellulari. È stato tuttavia necessario aggiornarla per permette l’uso di questa banda dello spettro da parte delle tecnologie senza fili più avanzate di nuova generazione.

Nel novembre 2008 la Commissione europea ha proposto di condividere con altre tecnologie più avanzate le frequenze assegnate ai telefoni mobili, a partire dalla tecnologia mobile in banda larga di terza generazione (Universal Mobile Telecommunications System, UMTS). La proposta è stata approvata dal Parlamento europeo nel maggio 2009 con 578 voti ( MEMO/09/219 ) e dal Consiglio dei ministri nel luglio 2009 ( IP/09/1192 ). La direttiva aggiornata 2009/114/CE è stata firmata dai presidenti del Parlamento europeo e del Consiglio dei ministri nel mese di settembre e viene oggi pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea insieme alla decisione della Commissione.

Nel suo discorso “L’Europa digitale: agire rapidamente per la ripresa economica” del 9 luglio scorso ( SPEECH/09/336 ), la commissaria europea alle telecomunicazioni, Viviane Reding, ha illustrato l’Agenda europea del digitale, che prevede, tra i primi interventi, il raggiungimento in tempi brevi dell’accordo sulla riforma della direttiva GSM.

Le informazioni sulla politica della Commissione in materia di spettro radio sono disponibili al seguente indirizzo:

http :// ec . europa . eu / information _ society / policy / ecomm / radio _ spectrum / index _ en . htm

Directive 2009/114/EC of 16 September 2009 amending Council Directive 87/372/EC

Decision 2009/766/EC of 16 October 2009

MEMO /08/725


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website