Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Investire nel futuro: la Commissione ritiene necessari altri 50 miliardi di euro per le tecnologie a bassa emissione di carbonio

Commission Européenne - IP/09/1431   07/10/2009

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/09/ 1431

Bruxelles, 7 ottobre 2009

Investire nel futuro: la Commissione ritiene necessari altri 50 miliardi di euro per le tecnologie a bassa emissione di carbonio

La Commissione europea ha esortato le autorità pubbliche, le imprese e i ricercatori alla collaborazione per sviluppare entro il 2020 le tecnologie necessarie per far fronte al cambiamento climatico, garantire l'approvvigionamento energetico dell'UE e assicurare la competitività delle nostre economie. Nella proposta "Investire nello sviluppo di tecnologie a basse emissioni di carbonio", la Commissione stima che per i prossimi dieci anni occorrerà un investimento supplementare di 50 miliardi di euro nella ricerca sulle tecnologie energetiche. Ciò significa che l'investimento annuo nell'Unione europea dovrà quasi triplicare, passando da 3 a 8 miliardi di euro; la proposta rappresenta un passo in avanti nell'attuazione del piano strategico europeo per le tecnologie energetiche (piano SET), pilastro tecnologico della politica energetica e climatica dell'Unione europea. Nel documento vengono esaminate varie fonti di finanziamento, provenienti dai settori pubblico e privato a livello nazionale e comunitario, che dovranno essere utilizzate in maniera coordinata e che contribuiranno a dare impulso ad un settore industriale in rapida crescita e a creare posti di lavoro.

Il commissario europeo responsabile della scienza e della ricerca, Janez Poto čnik, ha affermato: "Se l'Europa vuole rendere più economico il cammino verso Copenaghen e oltre, è urgente aumentare gli investimenti nella ricerca sulle tecnologie pulite. Con le stime odierne, la Commissione vuole trasformare il piano SET in un trampolino di lancio per un'economia a bassa emissione di carbonio, impresa possibile solo se i soggetti pubblici e privati mettono in comune le risorse in modo coerente. L'aumento degli investimenti intelligenti nella ricerca rappresenta oggi un'opportunità per sviluppare nuove fonti di crescita, per rendere la nostra economia più rispettosa dell'ambiente e per assicurare la competitività dell'Unione europea dopo la crisi".

Andris Piebalgs, commissario responsabile dell'energia, ha affermato: "Le rivoluzioni industriali precedenti hanno mostrato che tecnologie adeguate possono migliorare il nostro modo di vivere. Oggi abbiamo un'opportunità unica per passare da un modello energetico basato su combustibili fossili inquinanti, scarsi e pericolosi a un modello pulito, sostenibile e meno dipendente dalle fonti fossili. Tutto sta nello scegliere le tecnologie giuste".

" L'investimento necessario per sviluppare energie pulite e rinnovabili può essere ottenuto soltanto mediante un'ampia serie di strumenti finanziari. A tal fine, la Commissione e la Banca europea per gli investimenti hanno già aumentato notevolmente i finanziamenti, ma occorre mobilitare maggiormente i fondi provenienti dal settore pubblico e privato. Proponiamo di potenziare il meccanismo di finanziamento con condivisione dei rischi, di offrire ulteriore sostegno al capitale di rischio e di sviluppare il fondo Marguerite e altri fondi", ha affermato Joaquin Almunia, Commissario europeo per gli Affari economici e monetari.

Principali tecnologie e attività da finanziare

La Commissione, insieme all'industria e alla comunità scientifica, ha elaborato delle "tabelle di marcia" tecnologiche che individuano le tecnologie a bassa emissione di carbonio che presentano un forte potenziale a livello comunitario in sei settori: energia eolica, solare, reti elettriche, bioenergie, cattura e stoccaggio del carbonio e fissione nucleare sostenibile. I costi aggiuntivi riguardano la ricerca di base e applicata, la dimostrazione e lo sviluppo anticipato del mercato, ma non comprendono le attività di diffusione. È stata proposta una nuova iniziativa relativa all'efficienza energetica, riguardante 30 città (iniziativa Città intelligenti), per promuovere inizialmente l'introduzione sul mercato di massa dell'efficienza energetica, delle energie rinnovabili e delle tecnologie per le reti energetiche.

Una responsabilità condivisa per l'efficienza economica

La Commissione esorta i soggetti interessati a un'azione coordinata e complementare e a una maggiore propensione al rischio. Quando le incertezze a livello tecnologico e il rischio di mercato sono elevati, è necessario il sostegno pubblico, che dovrebbe incentivare la partecipazione dell'industria, sostenuto da maggiori investimenti di banche e di investitori privati nelle imprese che guideranno la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Inoltre si tiene conto dell'intervento della BEI che concederà maggiori prestiti per finanziare il piano SET.

Si veda inoltre MEMO/09/437 - Domande e risposte

Siti web:

Piano SET: http://ec.europa.eu/energy/technology/set_plan/set_plan_en.htm

Sostegno del CCR al piano SET:

http://ec.europa.eu/dgs/jrc/index.cfm?id=4390&lang=en

Sistema informativo sulle tecnologie energetiche strategiche (SETIS):

http://setis.ec.europa.eu

IP e MEMO precedenti:

IP/07/1750 , MEMO/07/494 e MEMO/07/493 pubblicati il 22 novembre 2007.

IP/08/1587 , MEMO/08/657 , pubblicati il 28 ottobre 2008.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site