Navigation path

Left navigation

Additional tools

IP/08/1923

Bruxelles, 10 dicembre 2008

La Commissione pubblica degli orientamenti per fare arrivare la televisione mobile sui cellulari dei cittadini europei

Oggi la Commissione europea ha compiuto un passo decisivo a favore della promozione di servizi competitivi di televisione mobile nell'UE, pubblicando un insieme di orientamenti per l'autorizzazione della televisione mobile al fine di accelerare l'installazione del servizio in tutta Europa. Si prevede che le entrate generate dalla televisione mobile giungeranno ad oltre 7,8 miliardi di euro nel 2013. I servizi commerciali lanciati prima dell'estate 2008 in alcuni paesi europei confermano la domanda crescente dei consumatori: nei soli Paesi Bassi 10 000 utenti si sono abbonati al servizio all'inizio dell'autunno. Gli Stati membri devono ottenere l'autorizzazione per i servizi di televisione mobile prima che gli operatori possano lanciare qualsiasi offerta commerciale. Insieme all'inserimento dello standard DVB-H alla lista UE degli standard ufficiali nel marzo 2008 (IP/08/451), gli orientamenti di cui sopra sottolineano il forte impegno della Commissione per promuovere rapidamente nuovi servizi per i consumatori europei.

"Il successo delle operazioni commerciali di lancio della televisione mobile in Austria, Italia, Finlandia e Paesi Bassi ha dimostrato che l'efficienza delle procedure di autorizzazione costituisce un fattore cruciale per la rapida diffusione della televisione mobile. In Austria 5 000 cittadini utilizzavano la televisione mobile nelle prime settimane del suo lancio. Con l'aumento delle vendite previsto nel periodo natalizio, molti più cittadini europei dovrebbero avere la possibilità di guardare la televisione nel corso dei loro spostamenti", ha dichiarato Viviane Reding, Commissario europeo alle telecomunicazioni. "Per questo motivo vogliamo fornire orientamenti agli Stati membri sui metodi che consentono all'industria di far partire questi servizi innovativi con la massima rapidità e un minimo di complicazioni. Siamo a favore di un'impostazione collaborativa tra tutti i soggetti interessati, comprese le emittenti, gli operatori mobili e di piattaforme, e osteggiamo pesanti interventi normativi o procedure di autorizzazione macchinose per l'introduzione della televisione mobile in Europa."

In stretta collaborazione con gli Stati membri e l'industria, la Commissione ha individuato i principi di base che i responsabili della regolamentazione e i governi degli Stati membri dovrebbero seguire all'atto dell'autorizzazione alla prestazione dei servizi di televisione mobile. La Commissione ha pubblicato oggi tali principi sotto forma di una nuova comunicazione che aiuterà gli Stati membri a fare rapidamente della televisione mobile una realtà e un successo per gli operatori e consumatori.

Finora pochi Stati membri, come l'Austria, la Finlandia, la Francia e la Germania, hanno adottato una normativa per i nuovi servizi di televisione mobile. Gli orientamenti della Commissione mirano a mantenere lo slancio a favore della televisione mobile a livello di UE al fine di creare un ambiente normativo omogeneo e favorevole per il decollo e l'adozione di questo nuovo servizio (IP/07/1118).

Secondo gli orientamenti, una procedura diretta, trasparente e non discriminatoria per la concessione delle licenze è fondamentale per un'impostazione adeguata che non provochi inutili ritardi. La qualità del servizio prestato ai consumatori, compresa la ricezione negli interni e la qualità della trasmissione, dovrebbe rientrare nelle condizioni di aggiudicazione. Gli orientamenti raccomandano inoltre che le frequenze rese disponibili per la televisione mobile vengano ritirate qualora il servizio non inizi entro un periodo di tempo ragionevole. Essi consigliano inoltre alle autorità di regolamentazione di tenere aperto a tutti i soggetti attivi nell'industria il processo di autorizzazione e creare condizioni che incoraggino la cooperazione tra operatori di telecom (prestatori di servizi) ed emittenti (che forniscono il contenuto). Infine essi fanno appello all'industria affinché assicuri la collaborazione dei servizi di televisione mobile DVB-H in ogni paese dell'UE. A tal fine è possibile, fra l'altro, scegliere tecnologie non proprietarie che tutti i consumatori potrebbero utilizzare senza plug-in supplementari e indipendentemente dal dispositivo utilizzato, per accedere ai contenuti della televisione mobile.

Con una regolamentazione non onerosa e regimi di autorizzazione delle licenze chiari, l'industria avrà la certezza del diritto necessaria a lanciare rapidamente offerte per la TV mobile. La Commissione seguirà attentamente i progressi compiuti e non permetterà che i progressi in Europa siano ritardati da esigenze irragionevoli. La Commissione continuerà a promuovere lo scambio di informazioni, esperienze e pratiche ottimali tra autorità nazionali e altri interessati. Inoltre, il passaggio dalla televisione analoga a quella digitale e la riforma del settore delle telecomunicazioni (IP/08/1661) faciliteranno l'accesso al nuovo spettro, che può essere utilizzato per la prestazione di servizi di televisione mobile.

Precedenti

Nel luglio 2007 la Commissione aveva proposto una strategia di promozione della televisione mobile in Europa (IP/07/1118, MEMO/07/298) che prevedeva l'utilizzazione dello standard aperto DVB-H — messo a punto dall'industria europea con il sostegno di fondi europei per la ricerca — come norma comune per la televisione mobile terrestre in tutta Europa. Nel marzo 2008 la Commissione ha approvato l'aggiunta del DVB-H all'elenco europeo delle norme ufficiali (IP/08/451). I servizi commerciali basati sul DVB-H sono sempre più diffusi e applicati in altre parti del mondo, come il Marocco, l'Indonesia, la Russia o Singapore. Inoltre è probabile che servizi di televisione mobile transfrontalieri satellitari che utilizzano lo standard DVB-SH inizino già nel 2009 in Europa e in tutto il mondo.

La comunicazione della Commissione sulla televisione mobile è disponibile sul sito seguente:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/ecomm/library/communications_reports/index_en.htm


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website