Navigation path

Left navigation

Additional tools

Banda larga: la Commissione ha avviato una consultazione su un approccio normativo per la promozione in Europa delle reti d'accesso di prossima generazione ad alta velocità

European Commission - IP/08/1370   18/09/2008

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/08/1370

Bruxelles, 18 settembre 2008

Banda larga: la Commissione ha avviato una consultazione su un approccio normativo per la promozione in Europa delle reti d'accesso di prossima generazione ad alta velocità

La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sui principi normativi che gli Stati membri dell’UE dovranno applicare in materia di reti d'accesso di prossima generazione a banda larga (reti NGA). Le reti NGA in fibra ottica permettono di ottenere velocità di trasmissione di dati di gran lunga superiori a quelle attualmente disponibili con le reti tradizionali in cavi in rame. Le reti NGA sono necessarie per la trasmissione di contenuti ad alta definizione (per esempio, destinati alle televisioni ad alta definizione) e per applicazioni interattive. L’obiettivo di un quadro normativo comune relativo alle NGA è promuovere il trattamento omogeneo degli operatori all’interno dell’UE e quindi garantire la prevedibilità normativa necessaria agli investimenti. La Commissione ha avviato una consultazione in materia sulla base di un progetto di raccomandazione destinato alle autorità di regolamentazione dei 27 Stati membri UE, che propone la definizione di categorie armonizzate di servizi regolamentati, condizioni di accesso, tassi di rendimento e premi di rischio adeguati. La consultazione pubblica rimane aperta fino al 14 novembre 2008. Dopo tale data, la Commissione completerà la raccomandazione alla luce delle osservazioni pervenute, per poi adottarla ufficialmente nel 2009.

Il Commissario responsabile della concorrenza, Neelie Kroes, ha commentato: “L’impiego delle nuove reti in fibra ottica definirà le future condizioni di concorrenza. Per garantire alle imprese europee l’accesso equo alle nuove reti, è necessario disporre di un quadro adeguato. Vogliamo normative nazionali che non solo incoraggino i notevoli investimenti necessari per passare alle reti a fibra ottica, ma che rafforzino anche la concorrenza nel settore della banda larga”.

“Affinché i consumatori, tanto i privati cittadini che le imprese, beneficino della fornitura a prezzi concorrenziali dei servizi forniti tramite fibre ottiche, è fondamentale che la Commissione fornisca gli orientamenti normativi di cui il mercato ha bisogno”, ha dichiarato Viviane Reding, Commissario UE responsabile delle telecomunicazioni. “Per garantire la certezza del diritto, vogliamo ridurre il margine di divergenza tra gli approcci normativi adottati in Europa. Per quanto riguarda le reti NGA, la mancanza di coordinamento o addirittura la presenza di iniziative contraddittorie da parte delle autorità nazionali di regolamentazione può danneggiare gravemente la concorrenza e compromettere il mercato unico europeo. Proponiamo in particolare l’introduzione di premi di rischio specifici per singoli progetti, in modo tale che la concorrenza ne risulti stimolata e che gli investitori siano ricompensati in misura proporzionale ai rischi cui si sono esposti”.

La realizzazione delle reti NGA è indispensabile per fornire ai consumatori europei i nuovi servizi a banda larga. Alcuni operatori, sia storici che alternativi, hanno avviato operazioni su grande scala di posa di nuove infrastrutture a banda larga in alcuni Stati membri, ma l’Europa è in ritardo rispetto ad altre economie, in particolare rispetto a Stati Uniti e a Giappone.

La Commissione intende garantire che la transizione verso le reti NGA avvenga in modo coerente, efficace e rapido ed è per questo motivo che essa ha avviato la consultazione sui principi normativi che essa ritiene più adatti a stimolare gli investimenti nelle reti NGA e, contemporaneamente, a rafforzare la concorrenza nel settore.

I principi di base della regolamentazione in materia di reti NGA in Europa

Il principio fondamentale su cui poggia il progetto di raccomandazione della Commissione è che le autorità nazionali di regolamentazione dovrebbero fornire l’accesso alle reti degli operatori dominanti al livello più basso possibile. In particolare, esse dovrebbero obbligare gli operatori dominanti a rendere accessibili le proprie condotte, in modo che i concorrenti possano farvi passare le rispettive fibre ottiche. Oltre all’accesso alle condotte, esse dovrebbero introdurre altri obblighi di accesso (accesso alle fibre ottiche spente) nel caso in cui non vi siano condotte disponibili o qualora la densità abitativa fosse troppo bassa per garantire la sostenibilità di un modello commerciale. L’accesso agli elementi attivi quali l’accesso ad alta velocità (bitstream) sarà mantenuto per i casi in cui le misure correttive introdotte ad un livello inferiore non permettano di rimediare adeguatamente alle distorsioni della concorrenza.

Il progetto di raccomandazione prevede inoltre un approccio comune che garantisca l’accesso non discriminatorio ed una metodologia per calcolare un tasso di rendimento adeguato che comporti un premio di rischio. La Commissione ritiene che per le reti NGA, i tassi di rendimento dovrebbero essere funzione dei rischi associati ad investimenti di questo tipo, tenendo conto del fatto che, negli ultimi anni, per gli operatori delle reti fisse e mobili il costo medio ponderato nominale del capitale al lordo delle imposte ha oscillato tra l’8% e il 12%.

Contesto

Nell’UE vi sono 229 milioni di cavi in rame (fonte: Idate, Digiworld yearbook 2008) a fronte di poco più di 1 milione di connessioni in fibra ottica. Gli analisti prevedono, entro il 2011, investimenti nelle reti NGA per 20 miliardi di euro.

L’accesso a banda larga è attualmente regolato a livello nazionale. L’obiettivo della raccomandazione della Commissione è favorire l’introduzione di norme di accesso coerenti destinate agli operatori dominanti delle reti NGA. La raccomandazione si basa sui pareri relativi ai principi normativi da applicare alle reti NGA che il Gruppo dei regolatori europei (ERG) ha presentato alla Commissione il 1° ottobre 2007.

Il documento di consultazione pubblica della Commissione è disponibile all’indirizzo:

http://ec.europa.eu/information_society/policy/ecomm/library/public_consult/nga/index_en.htm

I pareri dell’ERG relativi alle reti NGA sono disponibili agli indirizzi:

http://www.erg.eu.int/doc/publications/erg07_16rev2_opinion_on_nga.pdf

http://www.erg.eu.int/doc/publications/erg_07_16rev2b_nga_opinion_suppl_doc.pdf

I contributi alla consultazione pubblica della Commissione possono essere inviati a:

mailto:infso-b1ext@ec.europa.eu

Si veda anche il MEMO/08/572.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website