Navigation path

Left navigation

Additional tools

La Commissione preme per un'internet più accessibile ai disabili

European Commission - IP/08/1074   02/07/2008

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

IP/08/1074

Bruxelles, 2 luglio 2008

[Graphic in PDF & Word format]

La Commissione preme per un'internet più accessibile ai disabili

Il 15% dei cittadini europei soffre di una qualche forma di disabilità. Per molti è già un problema leggere i testi dei siti internet scritti in caratteri piccoli, o addirittura accedere ai siti internet o ai servizi in linea. Nonostante i ripetuti inviti da parte dei capi di Stato e di governo dell'UE a migliorare la situazione, i progressi restano limitati: la stragrande maggioranza dei siti internet non rispetta le norme di convivialità con l'utente universalmente accettate. La Commissione europea avvia oggi una consultazione pubblica relativa a ulteriori provvedimenti per migliorare l'accessibilità dei siti internet in Europa, a partire da quelli delle amministrazioni pubbliche e invita i soggetti interessati ad esprimere la loro opinione. La consultazione, che riguarda anche altre tecnologie come la televisione digitale, resterà aperta fino al 27 agosto 2008.

"L'accesso ai siti internet è fondamentale per molti cittadini in Europa, eppure molti non possono utilizzare internet a causa delle disabilità di cui soffrono. Fintanto che l'accesso a internet per tutti non sarà una realtà, un gran numero di persone non potrà beneficiare dei vantaggi offerti da internet. Esistono soluzioni semplici a questi problemi: perché dunque solo pochissimi editori di siti internet le applicano?", chiede Viviane Reding, commissaria UE per la Società dell'informazione e i media. "Quante più persone utilizzeranno internet, tanto meglio sarà per l'economia europea e tanto più ricchi saranno i contenuti in linea. Invito caldamente il settore dell'editoria internet e le amministrazioni pubbliche a impegnarsi più seriamente per rendere internet più accessibile per tutti. I responsabili dovrebbero tener presente che, nel giro di qualche anno, si troveranno probabilmente a far parte della schiera di persone che ha difficoltà a leggere lo schermo."

L'età media della popolazione europea sta aumentando rapidamente e si prevede che, entro il 2020, il 25% della popolazione totale avrà più di 65 anni. Le persone anziane hanno spesso difficoltà ad utilizzare internet, per problemi come l'indebolimento della vista che rende difficile leggere le scritte sullo schermo e la perdita di destrezza che impedisce di utilizzare con precisione il mouse.

Soluzioni semplici per migliorare l'accessibilità di internet consentono di aprire i siti a persone che altrimenti non potrebbero utilizzarli e di ampliare le loro opportunità di partecipazione sociale ed economica. Le soluzioni per migliorare l'accessibilità di internet comprendono:

- l'ingrandimento delle dimensioni dei caratteri utilizzati nei browser,

- la riproduzione vocale dei testi sullo schermo per mezzo di appositi software di conversione vocale,

- la navigazione con l'uso della tastiera anziché del mouse.

I siti internet accessibili risultano spesso migliori per tutti gli utenti, disabili o no. Fondato nel 1994 con il sostegno della Commissione, il consorzio del World Wide Web definisce specifiche comuni per internet, comprese le linee guida per l'accessibilità dei contenuti internet. Nel 2007, tuttavia, solo il 5% dei siti internet pubblici e meno del 3% dei siti internet privati nell'UE erano "pienamente accessibili" in base a tali linee guida (MeAC - si veda il paragrafo "Contesto" in seguito). Alcuni Stati membri (tra i quali Austria, Francia, Italia, Paesi Bassi e Portogallo) hanno adottato provvedimenti per migliorare la situazione, ad esempio con la definizione di linee guida e di obiettivi per i siti internet pubblici. Tali approcci, tuttavia, sono ancora frammentati a livello comunitario. Altri nuovi prodotti riflettono i problemi di accessibilità riscontrati nei siti internet: ad esempio, difficoltà cognitive e motorie possono ostacolare l'uso della guida elettronica dei programmi della televisione digitale.

Da parte sua la Commissione europea ha affrontato l'accessibilità dei propri siti pubblici "Europa" nel 2001 (IP/01/1309) e si sta adoperando per attuare l'accessibilità. Attualmente, sta testando l'utilizzo dei programmi di lettura dello schermo che riproducono il testo scritto in testo parlato e/o in simboli Braille rigenerabili, che permettono anche alle persone non vedenti di "leggere" le pagine internet (è possibile provare un programma di lettura dello schermo cliccando sull'icona dell'altoparlante a fianco del titolo all'indirizzo: http://ec.europa.eu/roaming).

La consultazione pubblica avviata oggi mira ad analizzare le azioni che gli Stati membri possono adottare per migliorare l'accessibilità dei siti internet e a raccogliere pareri sulle problematiche di accessibilità più generali legate alle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni per le persone disabili.

Una migliore accessibilità contribuisce inoltre all'agenda sociale rinnovata (IP/08/1070).

Contesto

La presente consultazione pubblica si inserisce nel contesto più ampio dell'iniziativa della Commissione europea per la crescita e l'occupazione nella società dell'informazione (IP/05/643). Nel 2005 la Commissione europea ha adottato una comunicazione sulla e-accessibilità (IP/05/1144) e ha sottolineato la necessità di rendere più agevole la fruizione di numerosi tipi di prodotti basati sulle TIC. Nel 2006 gli Stati membri dell'UE si sono impegnati a dimezzare entro il 2010 il divario nell'utilizzo di internet da parte dei gruppi a rischio di esclusione, come le persone anziane, le persone disabili e i disoccupati (IP/06/769). Nel 2007 la Commissione ha adottato una comunicazione in cui sollecitava a rinnovare l'impegno a promuovere la e-inclusione e la e-accessibilità (IP/07/1804).

Il documento della consultazione pubblica della Commissione è disponibile all'indirizzo:

http://ec.europa.eu/einclusion

I contributi possono essere inviati al seguente indirizzo: einclusion@ec.europa.eu

Lo studio "Measuring progress of eAccessibility in Europe" (MeAC, misurare il progresso della e-accessibilità in Europa) valuta in che misura sono rispettate le linee guida per l'accessibilità dei contenuti internet del consorzio del World Wide Web. ed è consultabile all'indirizzo:

http://ec.europa.eu/information_society/activities/einclusion/library/studies/meac_study/index_en.htm

Il consorzio del World Wide Web è stato fondato nel 1994 con il sostegno della Commissione europea e attualmente riunisce oltre 400 imprese e autorità. Le linee guida per l'accessibilità dei contenuti internet pubblicate dal consorzio sono disponibili all'indirizzo:

http://www.w3.org/TR/WCAG10/

Il nuovo portale della Commissione europea dedicato agli affari sociali:

http://ec.europa.eu/social


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website